lunedì 21 ottobre 2013

Non sono più buono a parlare italiano


Xè sempre più dificile, no?
Perché io una volta parlavo anca bene in italiano, par quello.
Accento forte finché te vuoi, ma parlavo proprio pulito.
Invece adesso, quando sono dietro a parlare, l'accento si tira dietro i termini e gli intercalare e anche le frasi intraducibili, che però le traducco istesso, no?
Credo sia parché al lavoro si parla solo dialeto. Credo! I ragazzi qui parlano dialeto. I colleghi parlano dialeto. Le riunioni, anche quele importanti, si fano parlando dialeto.
Non è mica facile sentirsi academici della crusca, se tutto intorno a te, oltre ad Ennio Doris, c'è gente che parla solo dialetto, sa?
Che qui in veneto, avrebbe deto mio nonno, la crusca serve solo par iutarte a 'ndare.
E così, eco, si infila dentro tuti i discorsi, diremo, gli intercalari, tipici, diremo, della parlata vicentina, diremo. E, go dito, tutte quei rafforzativi che di solito, go dito, si usano, go dito.
Par non palrare dele dopie che è proprio dificile sentirsele in testa e ti scapa di farle sbrissiare via, sensa baterle mai. Anche cantando. Anche in chiesa, che l'osana non ha la doppia s, semai la dopia a di Osaana.
E gli sbissioni appunto, su parole dialettali tradotte. Che si dice Sbrixion e lo traduci sbrissione ma mica lo sanno i foresti, che significa scivolone. E anche “amore, strucca il bottone” che sarebbe premi il pulsante, no?
E le zeta che son xeta, e le “a” larghe e le “o” strete.
O i refusi, tipo mi inaccorgo ora che non so più buono a parlare italiano, perché lo devo insegnare giusto ai piccoli, diremo. Ma come la imparano la lingua ste pore stele se il papà continua a svarionare che pare un pensionato che gioca a carte alle Acli di Cesuna nel 1935?
Che stemo qua a guardare i congiuntivi ma sarebe già qualcosa che mancassero solo quelli.
E, niente, dovrò concentrarmi di più, rileggere quelo che scrivo, pensare di più prima di aprire bocca.
Sono dietro a cercare di migliorare.

39 commenti:

  1. Ma esistela una replica dela to intervista? La metito su Iutùbe?
    P.

    PS. Devi da aspetta' a sentimme parla' a Telepace de Arbania, ggiovedì sera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento non esiste nemmeno "la prima". Non sapevano quando la mandavano in onda

      Elimina
  2. Uh uh, e la Purulla che parla inequivocabilmente toscano, dove la si mette?
    Il bello è che io saprei anche costruire la frase in veneto, ma se solo mi azzardo a esprimerla a parole sono ridicola.
    E proprio foresta foresta non sono, visto che è da vent'anni che vivo qua.
    Toh, un po' boscaglia al limite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il tuo accento non è poi così toscano, via. E secondo me la piccola alla fine delle elementari parlerà in veneto DOC

      Elimina
  3. Lasciamelo dire, mi hai fatto morire dal ridere!!!

    RispondiElimina
  4. La mia amica Eli, veneta, mi scrive sms rigorosamente in dialetto, che io, pugliese, ormai comprendo benissimo. Ahahahahha, scrive uguale uguale a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, ed io qui lo anche un po' "bastardato"

      Elimina
  5. lavoro coi veneti da 25 anni, all'inizio al telefono mi dicevano "dighame!" e io scoppiavo a ridere poi abbiamo trovato una sorta di compromesso e ci si capisca alla grande. baci sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché il veneto è molto efficiente: basta una parola dove in italiano ne servono tre

      Elimina
  6. vergogna!
    nessuno dovrebbe dimenticare come si parla in correto itagliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma tranquillo, noi non ci dismentichiamo mica.

      Elimina
  7. emmenommmale che piano piano ciabbiamo l'occhio per accorgercene tutti cuanti

    RispondiElimina
  8. Ciao!
    E' grazie al dialetto mixato col francese che sono riuscito a passare l'esame di maturita'...(non che il diploma sia servito pero') ,ora lo sto insegnando ai miei cuccioli sperando che imparino!

    Non so perche' ma leggendo il tuo post mi e' sembrato di intravedere Sir Oliver Skardy dei Pitura Freska!

    Buona serata

    Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho molti più capelli di Skardy, ma per il resto, a parte la "r" mestrina, direi che ci siamo.

      Elimina
  9. L'italiano è anche questo, no!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo. E guai a perderle queste ricchezze.

      Elimina
  10. Risposte
    1. Non xè vero. E per dirla in italiano: non è vetro. ;)

      Elimina
  11. A me sembrava di sentire Natalino Balasso in "io facio il scritore" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco quell'opera. Però immagino che si, ci possa assomigliare

      Elimina
    2. Non assomiglia al tuo testo, per carita, non volevo dire questo. è che ormai nel mio immaginario il veneto è Balasso, quindi se leggo un testo in veneto me lo sento suonare nella testa come letto da lui :-D
      Ecco "l'opera": http://www.youtube.com/watch?v=R3S9Jl6W3MQ

      Elimina
  12. Sorbole. Anche me non sono più capace...(scusi, ma l'intervista dove si può vedere???La replicano??)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti farò sapere. Perché in realtà non lo so neppure io.

      Elimina
  13. Beo sto post. Par fortuna non te usi i raforsatini. I zio qua o i zio la...insoma par capirse. A volte invece capita di parlare con qualcuno cercando un italiano perfetto e alla fine dei discorsi l'altra persona risponde al telefono un dialetto...e che c... cosa mi son impegnato tanto a fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, senza i "rafforzativi" è dura arrivare a costruire una frase come che se ghe dise ;)

      Elimina
  14. la famiglia di mia madre è vicentina, ma quella di mio padre è pugliese e sono nata da un'altra parte... ora sono in emilia da vent'anni e non so nessun dialetto, e non sono capace di insegnarlo alle mie figlie, e mi sembra una brutta cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vivrei senza dialetto. Credo che, se mai mi trasferissi, imparerei quello del luogo, a costo di rendermi ridicolo.

      Elimina
  15. Maria santissima che brao toso.
    Co te ghe tempo sarìa figo che te faxessi la lista degli intercalari veneti, gheto capio? A parte le besteme, non so se me spiego. Fa puito me racomando. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Podarissimo farlo insieme. Un bel post che piaccia agli italiani all'estero ;)

      Elimina
  16. Il programma scolastico dei miei figli contempla anche 8 ore ( in un anno ) di dialetto. Già svolto lo scorso anno e conclusosi con uno spettacolo divertentissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fico! Qui non serve che lo imparino a scuola... a casa è più che sufficiente.

      Elimina
  17. Io c'ho er problema inverso co' le doppie. Libbro, cibbo, Fabbrizzio. A ognuno er suo. A chi tòccca nun se ngrugna. Sei BELO lo stesso, Gaetà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beo, Stacky, non Belo, Beo... porcamadosca, nemo, dei! :D :D :D

      Elimina
  18. Noi abbiamo il problema dell'articolo "lu" lu tempo, lu sindaco, "lu" ternano...
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che a me piace un sacco... "Lu" ;)

      Elimina
  19. Per equilibrare potremo fare un gemellaggio di doppie, io te ne dono un pò, anche se non le raddoppio, solitamente quando gli altri mi sentono parlare si dice che le raddoppi. Insomma ne vorrei un pò di meno ecco, se vuoi te le regalo ;)

    RispondiElimina
  20. Vegno direta dal blog de la Lucy. Son de Verona e anca qua parlare pulito l'è dura... Tipo: buoni i galloncini di pollo! Ciao

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@