venerdì 25 ottobre 2013

Il metodo Scheggia


devo decidermi ad aggiornare il blog, non ho scusanti.
Il problema è che il periodo è caldo e fatico quasi a trovare il tempo per buttare giù le quattro acche che, due volte a settimana, vi aiutano nella vostra regolarità. Perché, caro lettore, a te ci tengo più che a me (cit.)
Però, insomma, mi sono reso conto che nella pagina di presentazioni i miei figli hanno ancora un anno in meno, la casa è ancora in costruzione ed invece non ci sono tutta una serie di gustosissime chicche che penso e mi dimentico, penso e mi dimentico e poi mi dimentico del tutto.
E pensavo che potrei metterci una pagina dove raduno le mie teorie strampalate ecchepperò, tante volte funzionano. Sia mai che, vendendole, non ci si faccia pure due soldi che non guasta mai.

Una di queste è il nuovissimo, rivoluzionario e infallibile “Metodo Scheggia”, da me in persona ideato.
Milioni di americani lo hanno già provato. Non è vero, gli americani se lo sognano, un metodo così. Che poi sta cosa che dovremmo comprare in massa una cosa che hanno comprato in massa gli americani me dovrebbero anche spiegare. Ad esempio il té verde che fa dimagrire. Io lo sto provando e sono giorni che scorreggio come un treno a vapore ingolfato. Sarà che non sono americano... mah?!

Ma torniamo al metodo Scheggia: avete problemi di tempo al mattino? Vi piace puntare la sveglia alle sette e mezza se iniziate a lavorare alle otto e dovete fare quindici chilometri in auto in mezzo al traffico?
Il primo figlio non vi ha fatto cambiare abitudine? Ah, neppure il secondo?
Beh, non vi gasate, a me neppure il terzo.
Come faccio?
Con il metodo scheggia, l'innovativo, rivoluz... eccetera eccetera.
Trattasi di metodo dalle profonde basi pedagogiche:
fate alzare i vostri figli,
coccolateli q.b.
Preparate la colazione con un sorriso che la famiglia del mulino bianco, a confronto, pare una comunità di depressi cronici.
Dategli tutto ciò che chiedono: latte, biscotti, polvere di cacao, l'altro tipo di frollino, la cannuccia, il cucchiaio grande, il cucchiaio piccolo, tutto, insomma.
Poi in bagno, dai, hop... s'è mai visto un supereroe che va a scuola senza fare la cacca?
No, lo so, amore che non ti scappa, ma intanto ti racconto tutta la storia di cappuccetto rosso nelle due versioni, quella con i sassi nella pancia del lupo e quella col cacciatore che spara.
Si, poi anche quella che il papà domenica mentre correva l'ha inseguito il lupo nero che ha preso anche un po' paura, il papà, mica il lupo”.
Ci si veste, “no amore, le magliette con disegnate le bambine sono tutte a lavare, questa ha la farfalla rosa, ti piacciono tanto le farfalle rosa no, Mary?”
Ma papi, io sono Giacomo”
Ah, scusa!”
Si sale in macchina, bacini e controbacini ai nonni, al cane ed ai pupazzi.

Se siete arrivati fino a qui e ancora non dubitate della mia integrità psichica, fatevi delle domande.
In ogni caso tutto il tempo che fino a qui avete perso si recupera da ora in poi.
Perché è qui che il metodo trova la sua risoluzione, il turnaround necessario per la riuscita di qualsiasi assolo.
Ragazzi, facciamo una roba scheggia?”
Siiiii!!!”

Risultato: 7 minuti netti dall'uscita dell'auto dal garage fino alla mia solitaria risalita dopo averli lasciati alla materna (a circa due km da casa).
Ed in mezzo sono pure riuscito a salutarli come si deve.

Perché la scheggia è ciò che li responsabilizza, che li fa sentire grandi, che li fanno prendere a cuore che il papà deve arrivare al lavoro in orario.
Ma papi, cos'è la scheg-ia?”
È una cosa velocissima che vola che nemmeno la vedi”
Di solito entra nel cervello di papà e gli fa trovare soluzioni che, almeno per qualche giorno, sembrano brillanti. 
 

19 commenti:

  1. Grande! Grande... ma come cavolo fai a concentrate tutto quanto descritto prima della scheggiata finale dalle 7.30 a quando esci? Ti prego dimmelo!
    ps. il the verde non fa dimagrire. prova con formaggio stagionato e birra bock doppio malto (ottima la Poretti 5 luppoli) prima di cena... ti mette di buon umore mangi bene (e meno) i i kg che ti rimangono attaccati, nel caso, sono tutti di felicità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e scoreggi altrettanto che col the verde...

      Elimina
    2. Sulla mia scatola lo chiamano té. Però anche io scriverei thè... Dite che fa effetti diversi? ;)

      Elimina
  2. qualsiasi strategia che funziona e non procura danni collaterali è una genialata. Massima stima!!! Sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora no. Però attendo gli effetti per troppa esposizione ;)

      Elimina
  3. Oh....sono sempre più ammirata....

    RispondiElimina
  4. Post bellissimo, un pò come il video scelto.
    Mitico anche per me, che praticamente viaggio sempre con una buona mezzora di ritardo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mezz'ora? Spero non per lavoro... Sennò dev'essere un gran bel posto ;)

      Elimina
  5. Da noi Scheggia è il nome della seconda gatta... ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella di mia moglie si chiamava Droga :(

      Elimina
  6. E io che pensavo si parlasse di sveltine ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, i post possono essere comodamente usati come proiettivi ;)

      Elimina
  7. Ma fare colazione direttamente in auto, proprio no?..sono davvero l'unica che fa queste cose scellerate? Poi mi ritrovo l'auto piena di birciole di biscotti, ma vabbe, vuoi mettere risparmiare 15 minuti di colazione? Madre non italiana io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia macchina è così anche se non facciamo colazione in macchina

      Elimina
  8. Genio!!
    Ma perché non vedo nessun video? ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su tablet non lo vedo manco io... Mah!

      Elimina
  9. Mi sa che il metodo scheggia riesci a farlo solo tu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io metto tutto a disposizione dell'umanità, è questo che fanno gli eroi ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@