lunedì 19 novembre 2012

Farsi le corna

E' cominciato tutto un annetto e mezzo fa; eravamo seduti sul divano e così, a bruciapelo, ho chiesto a Silver: "Tesoro, c'è qualcosa che non hai il coraggio di dirmi? Perchè da qualche giorno mi stanno crescendo le corna!"
Lei, a mezzo sorriso (adorabile mezzo sorriso, aggiungerei) mette la sua mano dov'era anche la mia e sentenzia: "Cisti"
"Bon! Cazzo! E ora che faccio?"
"Niente, le lasci lì e vediamo cosa succede"
A me il discorso delle cisti ha sempre fatto schifo ed impressione, anche il nome, mi fa senso. Mio padre e le mie zie sue sorelle sono stati tutti cistectomizzati (non so se è un termine che esiste, era per darmi un tono) al cuoio cappelluto. Ricordo mio padre, tanti anni fa, che tornò a casa con un bellissimo berretto bianco della Marlboro con il frontino. Sembrava Alan Prost. Serviva a nascondere tre grossi cerotti appiccicati alla testa rasata a pois: cisti.
In questo anno e mezzo, pur continuando ad essere abbastanza sicuro della fedeltà di Silver (fateci pure dell'ironia, ma vi assicuro che è così, ci metto "abbastanza" solo per non sputare troppo in alto), le corna hanno continuato a crescere. Una più dell'altra, a dire il vero.
Così, siccome quelle tre volte l'anno che mi vado a tagliare i capelli tendo a farli accorciare parecchio e iniziava a fare capolino e, poichè quando mi sposto in vespa devo indossare il casco e, avendo io un capoccione tanto, che c'è solo una marca che fa la misura che mi va bene, meglio andarla a togliere che sennò non riesco neppure più a chiudere il cinturino (vi è piaciuto l'ultimo periodo pieno zeppo di parentetiche? Spero che nell'aldilà ci sia qualche entità che costringa Cicerone a tradurre in latino l'ultimo paragrafo, tiè!)

Ma l'intevento, di per sè, è stato una stupidaggine. Anche chiamarlo intervento è un'esagerazione.
Mi concede però una giornata libera.
L'ultima è stata in giugno, quando mi sono malato. E prima in febbraio, che anche lì avevo la febbre.
Per "giornata libera" intendo senza lavoro e senza figli. 
E sapete qual'è il colmo? Mi sento in colpa.
Allora mi passa tutta la voglia di scherzare e penso che c'è qualcosa che non va se mi sento in colpa per rimanere a casa per un motivo valido, ci resto un solo giorno e poi, per mesi, non succederà più.
Dico sempre, e ne sono convinto più che mai, che sapersi annoiare è un'arte sottile.
Ci vuole una gran classe pr sapersi annoiare come si deve. Intanto bisogna partire dal presupposto che c'è qualcosa che è rimasto da fare (le cose da fare non finiscono davvero mai) e tu te la vivi bene comunque. Devi essere anche in grado di non oltrepassare il limite del fancazzismo patologico, anche. Poi bisogna starci bene nella noia, non va confusa con la depressione. Quando non stai facendo nulla rischi di iniziare a pensare ed è lì che scopri chi sei, dentro quel vuoto lì.
Conosco troppe persone che sono ciò che fanno e non si fermano mai.
Invece io oggi mi dedico un verbo: Sostare
Che però, per me, si legge So-stare*!

*non è farina del mio sacco, questa doppia lettura, non ricordo con precisione da dove arrivi, l'ho fatta mia diverso tempo fa. Ringrazio Marco V. che me l'ha fatta conoscere.

44 commenti:

  1. Buona sosta allora :)
    Sono contenta che l'intervento sia andato bene, anche un mio amico a breve verrà operato sempre per una cisti.

    RispondiElimina
  2. LE PARENTETICHE IN LATINO SONO UNA CATTIVERIAAAAAAAA!!!
    Comunque Impara a Sostare e Goditi il SO-Stare, per un giorno non succederà nulla OK! Buon riposo El-GAE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Sono tornato oggi e non è successo nulla

      Elimina
  3. Beh, il libro che hai sul comodino è FANTASTICO!!! Goditelo!

    RispondiElimina
  4. allora buona sosta, buona lettura e buon ciste-ripresa.
    Io sono anni che rimando, mi devo decidere :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Approffittane quando sai di poterti godere la giornata a casa ,)

      Elimina
  5. ... tre giorni a casa ammalato (diciamo due perchè al terzo m'è tornata a casa dall'asilo anche la piccola... pace finita). La prima volta in vita. Non mi è parso vero... le giornate sono volate troppo in fretta lasciando una scia di desideri incompiuti... non pensavo, ma la noia ha pensato bene di stare alla larga! Mi sa che pure io so-stare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si può, godersi la malattia come unico momento di tranquillita? ;)

      Elimina
  6. Sosta pure, Gae.
    Serve sempre. E non provarci neppure a sentirti in colpa.
    Perchè il tempo è una delle cose più preziose che abbiamo, e quando ci piove addosso qualche extra è giusto prenderselo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Fa riflettere che gli extra siano sempre di natura medica :(

      Elimina
  7. Gae, non so se te l'ho già scritto qualche altra volta: sei un grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non l'hai visto in mutande...

      Elimina
    2. @ Magetico: chi ti dice che non mi abbia visto in mutande? O senza? ;)

      @ Velma: grazie, non merito! :)

      Elimina
  8. comunque è ingiusto sentirsi in colpa per una giornata passata a toglierti le corna, spinge perlomeno verso il rifarsi... e non credo che Silver sia contenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Meglio riposarsi senza senso di colpa

      Elimina
  9. Stratos!! Lì per lì ho pensato. accindenti, il babbo ha deciso di darsi una botta di vita... respirone di sollievo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perchè? Credi che la vita matrimoniale e familiare non sia una gran botta di vita?

      Elimina
  10. Vedo che il trip ti ha preso male: io fossi in te tornerei la a reclamare il soddisfatti o rimborsati. Dai che c'e' anche il sole, non puoi non godertela :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh! Ma ieri qui il sole non c'era mica... :)

      Elimina
  11. Ma tipo hellboy?
    (Stai gae...stai...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stetti!
      Come Hellboy, si! Infatti volevo provare a limarli con il flessibile ;)

      Elimina
  12. senso di colpa??
    sei matto??
    proprio ieri mi chiedevo quando avremmo riconquistato due diritti due.....
    un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono matto, si. Però sono rimasto a casa. In serenità. ;)

      Elimina
  13. ah ecco cos'era la famosa operazione...
    beh dai..non sentirti in colpa per il giorno libero! E' estremamente sbagliato! Il giorno libero è una cosa meravigliosa!!!! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla di ecclatante, come operazione, come vedi;)

      Elimina
  14. La parentesi contro Cicerone vale il giorno di sosta... È la prova che non è passato invano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che chi conosce Cicerone avrebbe apprezzato ;)

      Elimina
  15. ciao!!! è da un pò che ti leggo di nascosto e penso di non aver mai commentato... se ti sentissero i "vecioti" con cui lavoro ti direbbero di spalmarti la testa di ittiolo e tutto passerebbe...forse con la puzzaccia che sa quella roba passerebbero anche eventuali sensi di colpa! tanto di cappello per il tuo so-stare,io ogni tanto cerco di so-stare ma poi fuggo da me stessa!!messa ben!!
    complimenti per il blog da una veneta :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. azz l'ittiolo.....anche mio padre cura tutto con l'ittiolo....le un vecioto anca lu.
      ciao
      Eli

      Elimina
    2. Non conoscevo l'Ittiolo. Anche oggi ho imparato qualche cosa.
      @ Mama: commenta ancora, mi raccomando! ;)

      Elimina
  16. El_Gae condivido il tuo senso di vendetta nei confronti del buon Cicero. So che sto andando fuori tema ma devo raccontarti questa cosa: ieri alla prima visita in consultorio per la seconda gravidanza (col cavolo che spendo di nuovo tutti i soldi che ho speso per la prima col gine privato) il dottore tastandomi la pancia (non hanno l'ecografo) mi fa: abbiamo un utero un po' grandino per essere alla nona settimana: casi di gemelli in famiglia?. ecco el_Gae noi casi di gemelli in famiglia non ne abbiamo e sono sicura che avere dei gemelli in fondo sia bellissimo, ma tu prega, prega, prega per noi, perchè ho un po' d'ansia e all'eco mancano 15 giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito se vuoi che preghi in favore dei gemelli o contro. ;) Prego genericamente, ok?

      Elimina
  17. Vieni che ti faccio un corso. Io al cazzeggio ci so stare assai bene. Pellons tua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci starei pure io, sono uno che si abitua in fretta! ;)

      Elimina
  18. Certo che a confondere noia e depressione bisogna avere una profondità mentale ed esistenziale pari a quella di un neonato. O di un calciatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il mio pensiero è più articolato e, come sempre, non sono riuscito a renderlo bene: Chi ha paura di annoiarsi ce l'ha perchè nella noia deve pensare. Se pensa scava dentro di sé, se non trova niente impazzisce o si deprime. Per non correre rischi si inventa le cose da fare....
      Così, più o meno. Naturalmente noia e depressione non sono la stessa cosa.

      Elimina
  19. Senso di colpa??ma che scherziamo?Comunque tutto bene spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, non fa nemmeno più male. Cosucce. ;)

      Elimina
  20. e hai ragione, che ci vuole del training per saper oziare senza annoiarsi.
    ma il senso di colpa, quello proprio no!

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@