giovedì 8 marzo 2012

Voglio eliminare la Festa della Donna


Avevo un pezzo bell'e pronto, cazzone e divertente (ma è solo una mia opinione). 

Invece ho cambiato idea all'ultimo momento perchè ho pensato di fare un pezzo contro la Festa delle Donne.
La vorrei eliminare. Vorrei che non servisse, che non ce ne fosse bisogno.
In molti dicono che già non serve più, che è troppo comodo volere la parità dei diritti e poi pretendere la mimosa o la sera libera per andarsi a vedere i Centocelle Nightmare.
Ma siamo sicuri che la parità dei diritti ci sia veramente?
Rispondo io per tutti, se dite, secchionazzo saccente ed antipatico che non sono altro: No, la parità non esiste proprio per la minchia.
Ma come? Dirà qualcuno. Proprio tu, che da quasi un anno ti vanti sul blog che cucini, cambi i piccoli, pulisci casa, vai dal pediatra? Proprio tu che tutte le tue amiche dicono a Silver: non vorrai mica lamentarti del Gae? Proprio tu che, in fondo, merda che sei, ti piace che dicano così?

Si, porcozzio, io!
Avete mai sentito nessuno lodare una mamma perchè cucina, cambia i piccoli, pulisce casa, va dal pediatra? Avete mai notato il senso di colpa negli occhi di vostra moglie, quando dice che si sente di “trascurare” i figli? Quasi che fare con passione un lavoro che piace metta in secondo piano il fatto che, proprio per i figli e per il loro futuro, si affrontano mutuo, casa nuova, rette della scuola.
Sono convinto (o forse lo spero) che un giorno i figli apprezzeranno, ne sono sicuro. Come io ho sempre ammirato i miei che scendevano in laboratorio dopo che ci avevano messo a letto, per preparare il lavoro per il giorno dopo, stando in piedi fino a notte fonda. (Poi a 12 anni mi facevano anche lavorare aggratis per svariate ore a settimana, ma questa è un'altra storia)
E sono stanco degli amici e conoscenti che mi considerano semplicemente succube di una moglie con due palle così perchè cerco, responsabilmente, di non pretendere i miei spazi di “libertà” ma di costruirli insieme a lei, concordandoli e, dove possibile condividendoli.
E, anche se mi giuggiolo sempre, a fare il galletto fra le mamme che tessono le mie lodi, faccio coming out: sono una merda. Ogni mio compiacimento in materia è un passo indietro verso la vera parità dei diritti.
Voglio un mondo in cui sia normale fare l'uomo di casa. Voglio un mondo che additi come irresponsabile, pusillanime, larva, l'uomo che arriva e si stende sul divano mentre attorno c'è da salvare il mondo. Voglio un mondo in cui essere “gran lavoratore” non sia più un alibi per le mancanze affettive e le responsabilità educative verso i figli. Voglio un mondo senza fortini di virilità da difendere.

Voglio un mondo senza festa delle donne.

A presto, con più lievi questioni

47 commenti:

  1. Eeehhh, chiedi troppo Gae.
    Credo che il machismo faccia parte della nostra cultura: la strada per abolirlo è irta di ostacoli, e per ora dobbiamo accontentarci, semplicemente, di festeggiare coloro che hanno reso la condizione delle donne in alcuni paesi un po' più decente.
    E speriamo di riuscire ad educare i nostri figli. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proviamoci, almeno (messi assieme sono già sei :)

      Elimina
  2. che dire.... meriti una standing ovation!!! ti dico solamente GRAZIE!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, addirittura standing... statteve sedute, ppe carità :)

      Elimina
  3. questo non è un post contro la festa delle donne: questo è un bellissimo pezzo contro i cazzoni. e se tra amici e conoscenti hai chi pensa che sei "succube" potresti fare una cosa rivoluzionaria mandandoli a cagare. io ho un uomo come te a fianco, e purtroppo mi considero fortunata: perchè ancora il mondo ne ha di strada da fare (però ci stiamo muovendo, soprattutto noi donne)(parlavo anche di te, eh)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandare a cagare... sono una personcina a modo, io ;)

      Elimina
  4. Seeee... vabbè, questo è un post da super-lecchino per fare l splendido con le donne oggi facendole sospirare (Guarda che faccio la spia e lo dico a Silver!)... Ihihih... :PPP

    Scherzi a parte, concordo in pieno.
    Bravo il papo papozzo! :)

    RispondiElimina
  5. Questo è uno dei migliori post mai letti! Grazie!!!

    RispondiElimina
  6. "No, la parità non esiste proprio per la minchia. "
    Giustissimo!
    Ma non potrebbe esistere in ogni caso - secondo me - che uomo e donna sono due esseri diversi, ognuno con le proprie attitudini fisiche e mentali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, però non lo possiamo nemmeno usare come alibi, no?

      Elimina
  7. Un uomo che si dà della merda con tanta innocenza e amore fa sentire nell'aria il profumo di un'aria diversa. Ciao!

    RispondiElimina
  8. la vera tristezza è che c'è ancora chi guarda con compassione un uomo che carica la lavatrice o cambia un pannolino.
    io trovo molto più virile un uomo che cucina, che non uno che comanda.
    il mio compagno è come te. mio padre è come te. e state aumentando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shhhh! prendiamoli di sorpresa ;)

      Elimina
  9. Complimenti ad amici e conoscenti che considerano l'aiutarsi, sostenersi e dividere le responsabilità "essere succubi"!Ma dobbiamo ammetterlo, i passi da fare sono ancora tanti. Mio marito è come te, ed io sono fortunata, ma la cosa scandalosa è che io, Lucia, V. e Silver siamo considerate fortunate, la nostra dovrebbe essere la normalità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto nel segno, è proprio quello che volevo dire.

      Elimina
  10. Eh, ce n'è di strada da fare, prima di arrivare a condividere pienamente le responsabilità e spartirsi i sensi di colpa!
    Nel frattempo, però, alzarsi dal divano per cucinare o cambiare i bambini, è già qualcosa :)
    Complimenti per il post.
    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora meglio, sediamoci sul divano solo dopo averli cambiati. A presto :)

      Elimina
  11. Anche IlMioAmore è come te. Perché mio suocero ha tanti difetti, ma era così anche quando non era di moda, e l'esempio è importantissimo. Spero che per i nostri figli questa sia la normalità, e non una fortunata eccezione: la famiglia è una squadra, non un tutti contro tutti (come molte di quelle che stasera andranno a rendersi ridicole credono).

    RispondiElimina
  12. Anch'io voglio un mondo così! Ma purtroppo penso che ci siamo ancora lontani.
    Mio marito aiuta ma quasi solo su richiesta e dopo innumerevoli sfuriate da parte mia :-(
    Come dice mafalda l'esempio è importante!
    Comunque... GRAZIE!!! Almeno ci dai un po' di speranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mio amico direbbe "tira xo la bastarda" (cosa significhi lo lascio al piacere della scoperta) ;)

      Elimina
  13. Azz sta diventando un vizio, sono ancora d'accordo con te!
    Io mi imbufalisco quando mi dicono "Eh che fortunata che sei! il Pi è bravo! Bada a Paciuk (ehm in effetti l'abbiamo fatto insieme), ti aiuta in casa (non è che sporchi solo io no? perchè se dovesse pulire chi più sporca il Peloso e Paciuk starebbero sempre con la ramazza in mano!) e ti LASCIA USCIRE (no comment).
    Mi va proprio il sangue alla testa!
    di solito rispondo: se non fosse stato così non l'avrei sposato, (intendendo dire che per me non è un privilegio, è un presupposto indispensabile!!) e guardo perplessa le facce da pesce lesso davanti a me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la stessa cosa che dice sempre Silver (che ha commentato positivamente il tuo commento)

      Elimina
    2. allora divento amica anche di Silver! eh eh eh

      Elimina
  14. Che dire...bellissime parole. Chapeau. Condivido assolutamente. Mi hai fatto riflettere, il che non é cosa da poco :-)) Un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. Vedo che dunque la colpa è tua :)
    "Ogni tuo compiacimento in materia è un passo indietro verso la parità di diritti".
    Per me un po' ti puoi godere i complimenti, sono solo piccoli passi indietro, a fronte di moltissimi avanti.
    Ma sono parecchio tollerante. :)
    Si potrebbe istituire la festa dell'uomo 2.0

    Barbara mfc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo quando le donne saranno le dominatrici del mondo :D

      Elimina
  16. wow, capito per la prima volta nel tuo blog e mi trovo a leggere proprio questo post...sono stesa, colpita, impressionata! Per mia fortuna ce l'ho anch'io un marito con cui divido 50:50, altrimenti mi avresti uccisa! Adesso vado a leggermi il resto...a presto

    RispondiElimina
  17. Approdo qui per caso... leggo il post e per poco non piango. Grazie. Davvero... grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta e grazie, torna a trovarmi

      Elimina
  18. Concordo su ogni punto. Sei stato fenomenale.
    Purtroppo la società moderna si porta appresso dei retaggi mentali antichi.
    Il concetto è "donna, squo tu stai in casa e zitta. Uomo tu lavora e se cambi un panno o lavi i piatti sei da glorificare e santificare"
    Inoltre la mamma,donna,casalinga che vuole lavorare, che sente la necessità di realizzarsi è una vergognosa trascuratrice della famiglia e dei suoi valori.

    Max Dejavù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il fenomenale, ma sono contento di vedere che sono in buona compagnia ;)

      Elimina
  19. Non mi ricordo neppure come abbia trovato il tuo blog qualche giorno fa, ma mi sono iscritto tra i follower, mi piaci molto!

    A presto,
    Amedeo

    RispondiElimina
  20. Mi inchino!
    a casa mia è normale che mio marito stiri mentre io tento di andare avanti nel romanzo che sto scrivendo ad esempio.
    O che io vado a buttare la spazzatura.
    baci ricchi di gratitudine.

    RispondiElimina
  21. E' la cosa migliore che abbia letto sulla festa della donna.
    E detto da un'anarchica conta doppio.

    Mi piaci.

    RispondiElimina
  22. Grande Gae, superparacullissimo questo post!! (scherzo!). Concordo in toto. Uomini e donne non sono uguali e mai lo saranno (per fortuna). Questa parità dei sessi è una cazzata, così che la gestione della casa e dei figli debba essere solo loro, mentre il maschio lavora solo fuori casa.

    Preferisco la differenza nella complementarietà tra uomini e donne. E poi, sta festa delle donne ha davvero rotto un po' la minkia!

    RispondiElimina
  23. Ma che post bellissimo!
    Io sono d'accordo con te, ovviamente...e per fortuna ho un marito che la pensa come te!
    io e lui siamo uguali, e la pensiamo allo stesso modo per le cose importanti intendo, altrimenti, col piffero che me lo sarei sposato!
    sapessi quanti commentano in malo modo il suo essere casalingo e papà... mah invidiose!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, invidiose e anche inette. Vuoi dirmi che non hanno nessuno strumento a disposizione per far cambiare i compagni? ;)

      Elimina
  24. Ciao! Ti scopro oggi e uno dei primi post che leggo è questo...FANTASTICO! Mi piace soprattutto perchè sono anni che mi incazzo quando altre donne(grrr) mi dicono che sono fortunata perchè il mio compagno divide con me al 50% cura di casa/bambini/animali..oddio non proprio, lui porta fuori i cani e a me tocca la sabbia dei gatti...in effetti anche se piove la mia situazione non cambia di molto ;)la sua sì!
    Ciao e grazie
    V:

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@