lunedì 5 marzo 2012

C'è una luce laggiù in fondo


Ci sono alcuni episodi, nel passato, che dovrebbero contribuire a farmi ragionare un po' di più sul tempo che passa.
In ordine assolutamente sparso:
ero un pre-adolescente abbastanza timido, idealista, credo buono. Mi affacciavo allora, come ogni soul man che si rispetti, a muovere in primi passi incerti nella musica suonando in chiesa. Il “maestro” era un vecchio, la domenica sempre in giacca e cravatta, laureato in filosofia. Simpatico, però. Un giorno il parroco gli fa gli auguri e lui, scherzando, dice che ne ha 19. Poi dice, no dai, 26. 
Woaaau.... 26, che vecchio!
Chissà come sarò io, a 26 anni, ho pensato. E già mi vedevo sposato e con qualche marmocchio.
Poi quella volta, nel 1996. C'erano le Olimpiadi ad Atlanta e si sapeva che Roma era in lizza per organizzare quelle del 2004. Mia cugina mi fa: "Sai che si può andare a fare i volontari durante i giochi? Deve essere figo". 
Le ho detto: “Garda che nel 2004 avremo 30 anni, chissà dove saremo?”
“È vero” ha detto lei (che infatti nel 2004 si è sposata e poi era incinta).
Poi penso alla foto sul libretto universitario. La più brutta che abbia mai fatto, alle 6 del mattino in una macchinetta automatica della stazione. Il bomber blu, un velo di quasi barba e l'occhio a fessura. Quanto ero io, quello?
Poi penso al 1988 che ho fatto un sacco di gol e volevano portarmi a giocare nel Vicenza. Ho detto di no, non mi interessava. Ho smesso di giocare a calcio e sono andato a nuotare. Potrei essere fidanzato con una velina. Forse non saprei nemmeno scrivere, però magari avrei già pubblicato un libro.
Poi ci sono quei giorni che mi siedo fuori, sull'erba del prato. E i bimbi giocano e c'è questa leggera brezza. E penso al tempo che è passato, che non tornerà, ai figli che cresceranno e forse dovrei starci di più, alle malattie che c'hanno colpito in casa, nei nonni, e chissà, un giorno, a pregoilsignore che non succeda nulla di male ai bimbi, alla chitarra che non ho mai imparato a suonare come credevo avrei voluto, a Silver che ancora oggi non merito appieno, a tutta la fortuna che ho che non mi sono nemmeno costruito, al lavoro meraviglioso che faccio e che ogni tanto odio solo perchè lo amo, agli amici che, cazzo, è una vita che non sento e loro si ricordano comunque di farmi gli auguri oggi.
C'è una luce, laggiù in fondo. Sono i 40 che mi aspettano. “Invecchiare non è bello, l'alternativa, in ogni caso, è peggiore” diceva nonmiricordochi. Io dico che non è nemmeno così brutto; con il vostro permesso mi tengo una parte di cuore che pensa ancora di avere 16 anni.

44 commenti:

  1. non puoi farmi commuovere così di primo lunedì mattina eh! sembri una persona felice ...per questo ti leggo sempre.. ;-) Giulia (quasi 29enne che comincia a sentire pure lei il passaggio del tempo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente una persona felice. Ciao ciao

      Elimina
    2. non avevo dubbi! ;-) ciauz!

      Elimina
  2. Questa volta hai toccato lì, nel mio cuore di frignona...tanti auguri..da una che ha più o meno la tua età e ogni tanto fa i tuoi stessi pensieri!

    RispondiElimina
  3. Anch'io spesso mi trovo a fare considerazioni di questo genere. Ricordo quando ero ragazza, mi chiedevo: chissà come sarà avere vent'anni, chissà come serà avere un ragazzo... ecc. Poi mi ritrovo qui, quasi trentenne, sposata... e mi sento la stessa di allora!
    P.S. passa da me, c'è un premiuccio per te :-)

    RispondiElimina
  4. Caro Gae..Mi fa piacere leggere questo tuo post oggi! Fai bene a pensare alle cose che hai, ed apprezzarle.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Commovente, per me i quaranta (della scorsa estate) si sono rivelati catartici: per tutta quella vita che ci è passata in mezzo. Auguri, ragazzino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzino implume, aggiungerei ;)

      Elimina
  6. Tientela stretta, la parte sedicenne: nemmeno io la mollo mai!
    Bellissimi ricordi, e grandiosa la riflessione su cosa saresti da calciatore: zero libri letti, ma quasi certamente almeno uno pubblicato... :)
    Ti è andata bene.
    Ci differenzia la foto universitaria: quella finita sul mio (inutile ed effimero) libretto è una delle mie migliori...

    AUGURI AMICO CARISSIMO!!!!

    RispondiElimina
  7. Avevo scritto il commento da Polly prima di leggere il tuo post. Sono rimasta a 16 anni anch'io, per certi versi, e ne sono felice.
    Buon compleanno nella migliore delle vite possibili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo visto il commento da Polly. Grazie mille.

      Elimina
  8. Non so se sono rimasto a 16 o meno, e non so se il 16enne è ancora lì a scalciare. Sicuro, sicuro non sono arrivato a 37 però :)

    Tanti auguri.

    RispondiElimina
  9. abbraccione gae! e nei quaranta non ci sei ancora, proprio per niente, nonnò!

    RispondiElimina
  10. Oh, ma sei proprio vecio, allora!?! :D
    Dài, ha solo circa un decennio in più al sottoscritto (ti facevo più vecchio... ahahah... Scherzo! :P), potresti essere un mio fratellone o uno zio giovane (ma li ho già tutti e due, e va bene così! :P).

    I mie auguri di cuore!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che a me, invece, mancano entrambi ;)

      Elimina
  11. Auguri di cuore! che se ci conoscessimo sono sicura potremmo essere amici, che nelle cose che racconti spesso mi specchio

    RispondiElimina
  12. Bella la tua riflessione. Panta rei! A volte è difficile rendersene conto. Ma è giusto così. Carpiamo il diem che è meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I carpiati non sono mai stati il mio forte :)

      Elimina
  13. Auguri! Il tuo post mi fa sorridere ma fa venire anche un po' di nostalgia...

    RispondiElimina
  14. Allora auguri! Mi piace sapere che sono più giovane, tiè!
    Scherzo dai, sai che ti vogliamo bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice che non sei una che schifa gli uomini più vecchi ;) ;) ;)
      Valà valà... grazie per gli auguri.

      Elimina
    2. Ah , su quello sono maestra!

      Elimina
  15. finchè dovrai buttare un occhio ai documenti per controllare quanti anni hai, perchè non sei mica convinto di averne più di 16 va bene! Auguri da una nuova spiona

    RispondiElimina
  16. Auguri! Che bel modo di raccontare il tempo che passa...
    E mio marito lo dice sempre a sua mamma, che ha i suoi bei 91, "lo so che è brutto invecchiare ma preferisci l'alternativa?" e lei risponde sempre di sì... E intanto ha seppellito tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelli che si lamentano che vivono di più. Infatti io ho iniziato già :)

      Elimina
  17. Tanti auguri El Gae! Continua a essere cosi' come sei, che' di uomini davvero speciali non ce n'è abbastanza in circolazione! Buon compleanno! (sono ancora in tempo vero?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altrochè! Poi qui si adorano i last minute ;)

      Elimina
  18. Scusa il ritardo...buon compleanno!

    RispondiElimina
  19. A volte, quando ti leggo, penso che è possibile essere felici e continuare a sognare.
    Buon compleanno!!!

    PS: scusa per il ritardo, ma ieri qui sui monti non andava la linea

    RispondiElimina
  20. ALTOLA' !!!
    A quaranta NON si è vecchi (anche perché io a maggio li avrò già superati di 4 e non mi sento affatto vecchia)... e poi mi pare che il tuo "tirare le somme" abbia mostrato un bilancio molto positivo.
    Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vecchio no. Però che gli anni passino è evidente... nel miocaso, naturalmente. ;)

      Elimina
  21. Bé, chi arriva ultimo male alloggia dicono, comunque Auguri ^^ E dai, che la vita incomincia dopo i 40 (dicono).

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@