mercoledì 8 febbraio 2012

Mi nombre es..


Disclaimer: sono in crisi creativa... questo post è una schifezza che potrei risparmiarvi ma tiene buoni quelli della casa di produzione*


Avete mai ascoltato il suono del vostro nome? Ripetendolo piano piano piano e con voce grave? E poi vi siete concentrati sul significato?
“Mamma, perchè mi avete chiamato Gaetano?”
“Boh! Ci piaceva!”
“Però mamma, che gusti di merda” (non gliel'ho mai detto, non acora)
Poi viene un età in cui chiamarsi Gaetano ed essere praticamente l'unico in paese (a parte quel signore immigrato in tempo di guerra dalla Sicilia che, i casi della vita, è finito a vivere proprio di fronte a casa) ti piace, perchè ti distingue dai Matteo, Marco, Paolo.
E poi abbinato ad un cognome di chiara matrice veneta ti fa sentire Italiano, cazzarola, nome del sud e cognome del nord, in barba ai verdognoli che popolano queste lande.
Però sarebbe bello avere un nome che ha una storia.
Mi ricordo il passaggio di Forrest Gump in cui il nostro spiega che il nome Forrest arriva da un antenato che aveva fatto parte del Ku Kux Klan. Non ne andavano fieri ma tutti abbiamo fatto delle cazzate, nella vita.
Quand'ero giovane giovane dicevo che avrei chiamato i miei figli Erode e Giuda. Per dare a quei nomi una seconda possibilità...
Poi c'era Ettore. L'eroe più positivo dell'Iliade. E Silver se lo immaginava che andava a scuola con l'armatura. Poi il vicino ha chiamato Ettore il cane e, a quel punto....
Alla fine li abbiamo chiamati Maria, Giacomo e Pietro.
Maria ci piaceva un sacco. Abbiamo passato tutta la gravidanza portando qui e là “La Buona Novella” di De Andrè. In ogni canzone è citata Maria. E ogni canzone meriterebbe un post a se, tanto sono belle. Quello spettacolo era stato un progetto nostro, voluto, pensato e realizzato. E anche Maria.
I gemelli sono arrivati più all'improvviso. Non è servito nemmeno litigare sui nomi: uno lo propone la mamma e uno lo propone il papà. Sono usciti Giacomo e Pietro. Forse inconsciamente entrambi sono nomi legati a due avventure in bicicletta che avevamo condiviso negli anni precedenti (magari una volta faccio un post di amarcord). Ne è uscita la versione ufficiale.
“Mamma, perchè ci chiamiamo Maria, Giacomo e Pietro?”
“Per legare indissolubilmente il nostro passato al nostro futuro”.
E giù, con le foto del papà e la mamma da giovani...

*Naturalmente non c'è nessuna casa di produzione

37 commenti:

  1. Stupendo! quanto attacchi con le foto che a loro sembrano di duemila anni fa e a te pare ieri...

    Sì i tuoi hanno gusti discutibili x essere veneti, ma se l'hanno fatto col cuore come puoi biasimarli?

    (x es: "Simone" mi ricorda un gatto grasso: da sempre! ma non l'ho mai detto alle mie amiche che hanno chiamato così i figli!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, il gatto grasso fa simpatia, però...

      Elimina
  2. a me il mio nome inizialmente piaceva...poi però ho iniziato ad odiarlo...non perchè è brutto eh, anzi, è bello secondo me...ma lo usano certe signorine come nome d'arte..e tutti a prendermi in giro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se vuoi ti posso indicare alcune simpatiche varianti di Gae

      Elimina
  3. Ma che bel post! Dovresti avere le crisi creative più spesso
    :-P

    Da bambina il mio nome non mi piaceva... troppo lungo, associato al cognome ben 19 lettere e io stavo ore a provare la mia firma, ma non mi sembrava mai accettabile. Ho tempestato i miei per anni chiedendo perché mi avessero chiamato proprio così e alla fine è venuto fuori che a loro piacevano altri nomi, che quando sono nata erano indecisi e che il medico li ha minacciati di scegliere perché dovevano scriverlo sui documenti... e così hanno optato per il mio nome.
    E meno male che ero la prima figlia! Comunque a casa mia ci chiamiamo tutti con la A e il nome di mio fratello è contenuto nel mio. Ergo il mio sta a significare "colei che protegge l'uomo" e il suo, ovviamente, solo "uomo". Questo ha significato che era destino dovessi occuparmi di lui, che ne è più che contento.
    Citerò i miei per danni, ho deciso ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie ha un nome che ha deciso l'ostetrica...

      Elimina
  4. Il mio nome vero é Gabriella, isola le ultime 5 lettere e capirai come mio fratello ha potuto rovinarmi l'infanzia .... ma pazienza, riesce ancora a piacermi. E alla mia bimba ho dato anch'io il nome Maria (bellissimo)

    RispondiElimina
  5. sì: io mi chiamo Azzurra ed avrei voluto chiamare una delle mie figlie Viola... poi ho temuto che me la portassero via i servizi sociali!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Viola è molto bello e a me, più che il colore, ricorda il fiore...

      Elimina
  6. Il nome che ho dato alle mie figlie (il nome vero, intendo, non quello con cui le chiamo nel blog)doveva essere:
    - privo di difetti di pronuncia (es.: Lucia (Luscia), Gabriella (Gabbriella), Emanuela (Manuela), ecc...
    - nuovo, nel senso che non dovevo conoscere nessuno con lo stesso nome;
    - scevro da ridicoli diminutivi, ma non per questo necessariamente corto;
    - dal suono mellifluo, per potersi sposare bene con il cognome dal suono aspro;
    -italiano!!!!
    -con un significato;
    - con un santo.
    Immagino che ti starai chiedendo come si chiamano!
    Davvero Gaetano è un nome del sud? Non lo sapevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, effettivamente mi chiedo come tu possa averle chiamate, ma sono sicuro che sono dei bei nomi. Gaetano non è del Sud. È molto più usato a sud, però.

      Elimina
  7. Niente male davvero.
    E poi Gaetano mi fa venire in mente Rino.
    La buona novella non si discute.
    Giacomo è James.
    E Pietro è Peter, come l'Uomo Ragno.
    Direi che ci sto alla grande.

    RispondiElimina
  8. Macchè crisi creativa. E' un post carinissimo.Hai miei figli ho dato un nome dal sapore antico, italiano, normale.
    Io mi sarei dovuta chiamare Anna, ma mi chiamo come un'attrice italiana che a mio padre piaceva moltissimo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei in crisi creativa, io sono in crisi ortografica..ovviamente volevo scrivere Ai miei figli....mamma mia!!!

      Elimina
    2. come la Occhini (recentemente ha recitato anche in un film si OzpetecK)

      Elimina
    3. Come direbbe Natalino Balasso: Di nichia... il papà ;)

      Elimina
    4. molto di Nichia....:) Oddio, io son più giovane della suddetta signora eh???:)

      Elimina
  9. Ma guarda che a me 'sto post sui nomi piace assai! io ho una vera fissa per i nomi, appena so che qualcuno è in dolce attesa chiedo "e i nomi?". E' da quando sono adolescente che penso ai nomi da dare ai miei figli. Grazie al cielo con gli anni ho cambiato gusti e quelli che mi piacevano allora mi repellono oggi.
    Per Paciuk è stato difficile scegliere, eravamo certi di aspettare una femmina ed eravamo preparatissimi con un nome femminile, invece aveva proprio un peduncolo in mezzo alle gambe...
    Dopo lunghi dibattiti è stato chiamato Tommaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah volevo farti notare che hai l'onore di ospitare per la prima volta l'outing sul nome del Paciuk! mica roba da poco!

      Elimina
    2. Dà lustro al mio blog ;)

      Elimina
  10. Bellissimo 'sto post sui nomi! Il mio (Alice) mi e' sempre piaciuto molto, a parte i primissimi anni di desiderio di conformismo (quando ero piccola ce n'erano pochissime, mica come ora che e' di moda)... e poi c'era tutta la storia di lewis carroll e il personaggio fuori dagli schemi con grande fantasia e capacita' di sognare etc. etc. insomma ora che dobbiamo sciegliere il nome per l'ospite c'ho l'ansia da prestazione!! Ho sempre avuto in testa che se avessi avuto una bimba l'avrei chiamata Emma, come il personaggio di uno dei romanzi della Austen, poi pero' mio marito (che e' siciliano) mi ha fatto presente che esistono delle possibili storpiature super trash in dialetto catanese che qui risparmio per decenza (suggerisco solo l'inizio e mm'a a...)e soprattutto una certa marystar al precedente governo ci ha chiamato la figlia... morale, scartata Emma, ora siamo orientati verso Agata Maria, che' Maria lo volevamo per forza e Agata come Sant'Agata patrona di Catania e come Agatha Christie, almeno visto che e' un nome del sud difficilmente qualcuno della lega ci avra' chiamato la figlia!!

    RispondiElimina
  11. A parte che non so perche' ma non ricevo i tuoi aggiornamenti :( Durante la gravidanza i miei scherzavano sempre sul fatto che avrebbero voluto chiamare i due figli Filippo Ferdinando I e Filippo Ferdinando II. Per fortuna sono nate due femmine, e la regale stirpe e' decaduta di per se' :) Mio padre da giovane aveva i capelli rossi era sicuro che avrei ereditato questa caratteristica. Non e' stato cosi', ma mi chiamo Tiziana lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potevi chiamarti Maria Antonietta ;)

      Elimina
  12. Io ho deciso che era fico a 14 anni dopo averne scoperto il significato, dopo essermi fatto chiamare gli anni precedenti* con un nomignolo femminile, deciso dalla mamma in quanto gli faceva cagare quello di mio nonno che il mio babbo mi ha affidato come vuole la tradizione (degli uomini delle caverne :)).
    Ah mio nonno aveva due nomi, l'altro era Giovanni. Meglio il mio. ;)

    *: le persone che ho perso di vista dopo i 14 anni mi chiamano ancora col nomignolo. Che fastidio.

    RispondiElimina
  13. Argomento assai affascinante... dare un nome a una persona è un atto in qualche modo violento (non per nulla si chiama anche "imposizione" del nome) ma d'altra parte non si può farne a meno... Un intero mio romanzo è percorso, come sottotraccia, dal tema dei nomi (e dei soprannomi, violenza ancora più forte), ma per ora non te ne parlerò, un po' per non fare spamming, e un po' per scaramanzia, poiché forse è un romanzo che sta per vedere la luce... :-))))

    RispondiElimina
  14. eh eh... i nomi sogno magnifici. Ci soffermiamo su di loro troppo poco.

    RispondiElimina
  15. Gaetano a me ricorda il mio prof di filosofia del liceo. È un nome che da allora mi è molto simpatico.
    Io mi chiamo Sara senz'acca, IlMioAmore è Ettore (mi ha riferito lo stesso senso di "nome unico" di cui scrivevi tu e l'estate scorsa abbiamo conosciuto un bel Setter suo omonimo) e la Purulla è Elisa. Cercavamo un nome breve e non troppo usato (non me ne vogliano i genitori delle Emme, Giulie e Sofie)

    RispondiElimina
  16. Io, nato nel giorno di pasquetta, ho rischiato di essere Pasqualino. Mia nonna Bianca si oppose con tutte le sue forze. Non so io come l'avrei presa.

    RispondiElimina
  17. Che bello anch'io da piccola chiedevo ai miei perchè cavolo mi avessero dato sto nome(Augusta) che la più giovane delle Auguste che conosco HA 70 anni,però come te ne sono andata fiera anche perchè è un nome importante!! Solo che quando ho dato il nome al mio bimbo maggiore non ho badato al significato.... però mi piaceva...si chiama Biagio. Ciao e complimenti (isssssimi) per il tuo blog mi piace da matti!!

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@