martedì 8 luglio 2014

La Folgorante (Social Club)

Nasce La Folgorante.
Cioè, non è ancora proprio nata nata; diciamo che siamo le donne che scoprono di essere in dolce attesa dopo averci pensato e provato tanto.
Noi, ad essere onesti, non è neppure che finora ci abbiamo provato chissà quanto, più che altro siamo stati lì a fantasticarci sopra un bel po'.

Ma cu minchia fu La Folgorante? Si staranno chiedendo a Punta Raisi.
La Folgorante è un'associazione di corsa, sulla carta (che ancora non c'è).
Il bello è quello che c'è sotto la carta (che ancora non c'è): un gruppo di guerrieri affiatatissimi, pronti ad affrontare tutto (alcuni davvero tutto, in senso assoluto) per ricordarci che siamo vivi e che non è scontato, non lo è più. Lo ha detto benissimo mio fratello, quel triste martedì di aprile: “Da oggi sappiamo tutti di avere già avuto in regalo un tot di anni e di mesi”.
La Folgorante è uno dei tanti modi per dire che quel regalo non finira nel sottoscala della nostra vita, o in uno scatolone in soffitta.
Ma badate bene, voi tutti che state pensando che la corsa non risolve i problemi: nessuno di noi corre per correre; la corsa è un mezzo, è il viaggio. E nel viaggio è più importante chi ti tiene per mano che la meta finale. I problemi non si saranno risolti ma almeno non saremo stati soli.
E non sarà arrivando primi che vinceremo le nostre gare (credo di poter affermare con ragionevole certezza che in ogni caso primi non ci arriveremo mai comunque).
Ogni persona che verrà con noi, ogni singolo corridore che deciderà di vestire i nostri colori sarà il nostro premio, se avrà condiviso lo spirito di fondo.

La Folgorante è un Padre Nostro recitato al sole che sorge all'orizzonte e l'eresia lanciata ad ovest sulla salita successiva, è una lacrima asciugata di nascosto sull'argine del Tèsina, è il magone che ti fa fermare sugli “scursoli” del Summano.
Ma è anche il disquisire di dimensioni artistiche dei corridori, di monovolumi improponibili e di assoli di chitarra.
La Folgorante è una tartaruga che è venuta azzurra perché non c'erano altri colori disponibili con una N che sembra un fulmine sul petto (o sul guscio, mo' vediamo). 

Ed è in quella N che affonda la sue radici la Folgorante. Non c'è bisogno che tutti sappiano!
Quelli che verranno potranno dare a quella N il significato che vorranno.
A noi non serve neppure per ricordare, che non c'è bisogno di artifici per farlo; serve a farci un minimo di compagnia, giusto un po'.
A far sentire meno vuoto quel posto che sicuramente avresti occupato con noi anche in questa pazza, perdente e sconclusionata avventura. 

Another day passes as the night closes in
The red light goes on to say it's time to begin (Ozzy Osbourne - No More Tears)
 

12 commenti:

  1. Compagni Corridori!
    Post...fata resurgo (non perchè finalmente commento El Gae dopo tanto silenzio): perchè mi pare un giochino di parole che riassumere il senso del post: dopo la morte mi rialzo, risorgo.
    Lasciamo anche stare l'araba fenice.
    Ma il motto vale per "N" (chi non l'ha conosciuto può senz'altro continuare a considerarlo come una luce dal cielo, un fulmine) che da Lassù osserva in pace e divertito noi e le nostre fatichette e i nostri inciampi.
    Vorrei fosse d'aiuto per noi, che DOBBIAMO andare avanti, spesso a fatica; rialzarci, lottare, sudare e correre, appunto.
    Sappiamo che "La Folgorante" è stata fondata fin da quando ognuno di noi, per conto proprio e senza condividere subito, ha pensato di dare una ragione in più alle nostre corsette, scoprendo poi di aver avuto la stessa idea.
    "La Folgorante" va ora messa su carta bollata e divise, per tutti. Certamente anche per chi ancora non corre letteralmente e forse non correrà, ma comunque ogni giorno si rialza, lotta, suda e guarda avanti.
    Ciao belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo chiuderla meglio. Grande Franz!

      Elimina
  2. Non ho avuto la sorte di conoscerlo di persona ma penso che avrebbe apprezzato.
    Bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che avrebbe solo apprezzato, credo che l'avrebbe fatto lui per ciascuno di noi. Grazie mille

      Elimina
  3. Bravi. Quella tartaruga blu è proprio bellina. Secondo me da lassù sta facendo il tifo per voi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tartaruga è uscita di quel colore perché ci siamo presi tardi a comprare gli ingredienti. Questo è il nostro spirito: si fa fin dove si arriva e poi ce la facciamo andare bene. ;)

      Elimina
  4. C'è un entusiasmo contagioso tra i pixel ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che tu lo dica, spero contagi molti.

      Elimina
  5. Orgogliosissima della tartaruga bruttina, ma è la N che conta. Dàje Buson!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, non è così brutta... era il primo esperimento di cake design

      Elimina
  6. Summano chi è, mi è parente? (tanto per buttarla in caciara prima che mi commuovo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commuoviti pure. Spero non sia parente: ha due gobbe :D

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@