mercoledì 23 luglio 2014

Un problemino da sistemare

(attenzione, post ad alto rischio sgureggione
 
Qualche giorno fa si faceva qualche battuta ad un paio di amici che si trovavano nella piacevole contingenza di avere due dei tre figli al mare con i nonni.
A parte le immancabili frasi di circostanza della serie "Occhio che fate il quarto", eccetera, le battute sono continuate con "La donna si deve concedere ogni tanto, perché, mi ha detto mia nonna, che l'uomo, se non si sfoga in casa, cerca sfogo fuori casa".
E non credo che si riferisse al calcetto.
Qualche giorno dopo assisto ad un secondo siparietto: un gruppo di mamme si lamentava del ritardo dei mariti che si erano imboscati in un bar vicino. "Cosa vuoi? È l'istinto del maschio, bisogna sempre tenerlo a bada e poi, appena ti volti..."
Beh, in effetti, ho pensato, il maschio ha pure le sue ragioni.
Dopotutto, dopo essere stato tutto il giorno a cacciare, avrà pur diritto di fermarsi un attimo alla taverna per rinfrescarsi il gargarozzo, prima di andare a casa, appendere l'antilope in fondo alla caverna per farla frollare e andare a pretendere dalla moglie ciò che gli spetta, pena lasciarla sola con i cuccioli per andarsi a cercare quella sciacquetta della grotta vicina.
Certo, non è che il maschio si distingua sempre in positivo nel cercare di far cambiare l'idea che le donne hanno di lui. Penso ad un vecchio conoscente che aveva una relazione extra coniugale della quale si definiva schiavo perché incapace di resistere alle armi di seduzione di massa agite dall'amante.
Orco can, mi dicevo già allora, magari potresti provare a spostare il baricentro del pensiero un mezzo metro più su rispetto al tuo glande.
Ma io sono freddo e calcolatore e di queste cose sarebbe meglio che non parlassi.

Ma mi interessava parlare delle donne perché a volte ho come l'impressione che abbiano bisogno di sentirsi in qualche modo vittime di una cultura che le relega, quando va bene, ad angeli del focolare.

Basta, ok? È ora di finirla!
Io lo dico da un sacco di tempo e mi ero anche abbastanza abituato a non essere ascoltato dagli uomini, ma le donne?
Se non parte da voi donne la spinta al cambiamento, vogliamo davvero sperare che siano quel manipolo di maschi in controtendenza a creare una nuova cultura? Presi come sono da non sembrare schiavi soggiogati dalle mogli, sempre intenti a mendicare una scopatina, tanto per gradire e tenere sopito l'animale che è in loro, come potranno arrivare al traguardo stabilito?
Ma poi, se anche fosse, ma siete disposte ancora una volta ad annullarvi e lasciare il merito di una faccenda così grande come una rivoluzione culturale ai maschi? Quasi che fosse una loro concessione e non un diritto? 
Io dico finitela, lo dico a spese mie, sarebbe più vantaggioso per me abdicare al modello vecchio.
E chiudo citando i troll di Frozen, film che dovreste vedere, anche se non avete figli.
In particolare la versione inglese della loro canzone.
Dico in inglese non per fare lo sborone ma proprio perché in italiano è completamente diverso il testo e di conseguenza il senso. 
In sostanza dice che l'amore non deve pretendere di cambiare l'altra persona, ma deve tirare fuori il meglio di lui e di lei.
Il meglio, capito?
È un dovere. Una responsabilità grande che deriva dal grande potere dell'amore.
Non ho scritto che io ne sono capace. E neppure che è facile. 

"People make bad choices if they’re mad,
Or scared, or stressed.
"People make bad choices if they’re mad,
Or scared, or stressed.
Throw a little love their way.
 And you’ll bring out their best". (Fixer Upper, Frozen)


Vi ricordo di passare qui per il progetto Occhio al Nikio

11 commenti:

  1. Bello! Non commento mai, ma stavolta trasgredisco alla mia prassi!

    RispondiElimina
  2. Proprio bello. La pensiamo come te :)

    RispondiElimina
  3. Nn si deve pretendere di cambiare l'altra persona altrimenti si perde la scintilla che ha fatto mettere insieme la coppia, si perde la propria identità da tenere stretta, prendere il meglio e a volte anche il peggio che alla fine se uno i pensa bene non lo è...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. O meglio: se uno prende solo il peggio è proprio il peggio. Ma è nell'equilibrio con il meglio che esce la persona. È pretendere di cambiare il peggio che è un problema.

      Elimina
  4. Io non ci ho capito niente: il succo è che dobbiamo scopare di più?
    Mi sa che è meglio se non parte da me la rivoluzione culturale che son troppo ignorante.
    Sob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il succo è che puoi scopare quanto ti pare, l'importante è che se non hai vogli per un po' non legittimi tuo marito a cercarsi altre. A meno che non sia un accordo tra di voi, nel qual caso, se a trascurarti è lui... va bem ma questi sono affari vostri ;)

      Elimina
    2. Macchè! Io se lo scopro con un'altra lo defenestro e legittimo il maritocidio.
      E noi lo faremmo subito il quarto ma siamo ancora in attesa del secondo. Magari ne arrivano due insieme anche a noi! MAGARI!

      Elimina
  5. Se c'è da scopare di più, io ci sono. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché ma lo immaginavo ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@