mercoledì 16 luglio 2014

He's a maniac maniac...

Tutti mi dicono che sono diventato un maniaco della corsa.
Non è vero!
È troppo comodo dire che sono malato, un po' come quando uno uccide tutta la famiglia e poi dicono: ah, beh, era drogato. Come se questo rendesse meno dolorosa la morte delle persone.

A voler fare il pedante a tutti i costi dovrei dire che, essendo un po' il mio campo, la mania, in senso squisitamente clinico, non è mica l'ossessione per per qualche cosa.
Al limite, quindi, potrei essere ossessionato.
La mania è uno stato caratterizzato da eccessiva energia, idee grandiose ed in continuo sviluppo, tendenza a parlare molto più del solito, eccessivo ottimismo, esagerata autostima, mancanza di freni inibitori.
Insomma, stando alla definizione clinica io non mi dovrei limitare a correre, ma dovrei parlarne di continuo, dovrei alzarmi alle 5 pur di farlo, dovrei avere progetti assurdi tipo correre ultramaratone, strutturare associazioni sportive, ideare eventi mondani a scopi benefici...

Va, beh, dai, sono un pochino maniaco, ve lo concedo.

Il mio problema è che non sono solo ed io una definizione clinica di mania collettiva non l'ho mica trovata. Per cui magari non sono così malato, sono solo un appassionato.
Si, lo so che mi sono messo anche a dieta per correre meglio smerciandola come preoccupazione per il futuro della mia salute. Ma l'importante sarà il risultato, o no?

Ok, ho capito, ok!
Sto diventando logorroico e questo depone a favore della diagnosi.
Scusate se parlo troppo di corsa, come se fossi un corridore vero, peraltro.
Però faccio cose che non avrei mai detto: mi sveglio prestissimo, corro in salita, faccio la colazione salata ed ho tolto i latticini.
Forte no? Io ho sempre pensato che il paradiso dovesse essere una gran forma di parmigiano (o grana padano, fa lo stesso) in cui tuffarsi.
Magari lo è davvero, chi può dirlo.
Ad oggi dico che per me avrebbe ancora più senso che lo fosse.

E comunque non è solo la corsa, è proprio la crisi dei quaranta. Dice Silver, meglio così piuttosto che io vada a scoparmi la prima ventenne che mi fa gli occhi dolci.
 Vedi? Alla fine alle cose basta riuscire a trovare il giusto senso.

ps. però che non sia maniaco lo dimostra il fatto che per fare tutto il resto un po' trascuro Stratobabbo. Scrivo poco e demmèdda, che è quasi peggio che non scrivere. Ah blogge, è per la salute, porta pazienza pure tu.
 

14 commenti:

  1. Quanto ti capisco! Tra film, palestra e blog anche a me danno spesso e volentieri del maniaco! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avercene di maniaci come te, Ford. Avercene!

      Elimina
  2. Ultimamente mi sono data alla creazione di piccoli pezzi di bigiotteria...vedi tu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, da fuori sembrano sempre più manie quelle degli altri

      Elimina
  3. Cmq io te l'ho detto da subito che stavi prendendo il virus...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo trattasi di malattia autoimmuneç non è possibile guarire, solo tenere sotto controllo. ;)

      Elimina
  4. Apprezzo sempre i tuoi post per un motivo semplice: mi sembri uno dei pochi genuini che ci siano in giro. Va bene se corri, va benissimo quando ci butti lì un po' di psicologia che permette di approfondire i concetti. Ciao El Gae non dimenticare però la chitarra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sto un po' trascurando, in effetti. Ma non è una tipa gelosa, me la farà pagare a tempo debito. ;)

      Elimina
  5. oops mi è venuto caldo solo a sentire parlare di corsa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle 5 di mattina fa freschino ;)

      Elimina
  6. avevo pronosticato la tua dipendenza ancora prima di Padova, mi pare. ora dovrò stare attento, ai miei occhi sei diventato uno spacciatore, dovrò stare attento a che tu non voglia portare anche me nel tunnel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni Zambo, la prima dose è gratis ;)

      Elimina
  7. Bravo Gae, io faccio il tifo per le sane ossessioni :)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@