giovedì 5 settembre 2013

iGenius


Essere genitori è la condizione che molto più di altre ti costringe a rimetterti in gioco. Rimettersi in gioco non è mai facile: significa accettare che cambierai tu e la tua vita. Pensiamo a come si trasforma il corpo di una donna. Pensiamo a come cambiano i ritmi della giornata.
La nascita è sempre un evento lieto ma il cambiamento va elaborato.
Prendiamo me, tanto per non dover parlare degli assenti: io da quando sono padre sono molto più ordinato.
Giuro.
Prima per me era abbastanza normale avere il mucchio di vestiti sopra lo schienale della sedia che butavo a lavare solo quando, per via di quella regola sul baricentro che non ricordo tanto bene che deve stare dentro alla base, la sedia cadeva da sola sul pavimento.
Idem per le scarpe. A cosa serviva riporle nella scarpiera se ogni mattino ed ogni sera per metterle e levarle devo sedermi sul divano? Tanto vale lasciarle sotto al divano.
Poi ti sposi e le tue abitudini devono necessariamente meticciarsi con quelle della tua metà.
Ma è ancora facile.
È quando hai figli che ti rendi conto che cinque paia di sandali sotto lo stesso divano non sono sostenibili né olfattivamente che logisticamente.
E così impari a starci un po' più attento, all'ordine.
Infatti prima di re-iniziare a fare sport, l'esercizio quotidiano che comportava maggiore dispendio di calorie era riordinare: chinarsi, gambe tese, chinarsi, flessione delle ginocchia, lancio dell'oggetto nel cesto, flessione delle ginocchia, spostamento laterale, su belli dritti, quattro passi veloci, flessione delle ginocchia, allungare il braccio, mollare l'oggetto.
Allenamento costante, quotidiano, ripetuto nel corso della giornata.
Anche la pulizia della casa si.
Ci ha sempre tenuto di più Silver, non c'è che dire. Però ci si abitua a stare sul pulito e quando non c'è ti manca l'ordine, l'organizzazione. È anche vero che è praticamente impossibile non spazzare il pavimento dopo ogni singolo pasto dei tre cuccioli di licaone. A meno che tu non abbia due robuste calzature a trekking estremo e non ti faccia impressione l'effetto della gomma appiccicata sotto alla suola.
E non è che lo fai perchè i bimbi sono sempre per terra, che tanto quando aprono la porta di casa si buttano a mangiar terra ed a mettere le mani su qualsiasi schifezza gli arrivi a tiro.
E non lo fai neppure perchè con tre figli è probabile che qualcuno ti venga a trovare; è molto più facile che tu vada a trovare qualcuno. Che tanto poi uno che ha tre figli è legittimato a tenersi la casa come un campo appena arato.
Lo fai perchè ne hai bisogno. Noi ne abbiamo bisogno. Magari a qualcuno serve dell'altro: scrivere, leggere, suonare, cucinare, aggiustare elettrodomestici, costruire un veliero in bottiglia.
A noi serve mettere in ordine. Cerchiamo di evitare che diventi il fine delle nostre azioni, che tutto sia subordinato a questo, ma non ci piace andare a letto con la tavola apparecchiata. E Silver va al lavoro più volentieri se ha rifatto i letti. Chiaro che non succede niente se talvolta si sgarra, l'eccezione ci sta.
Abbiamo bisogno di quell'ordine perchè diventa il metro con cui misuri la tua capacità di far quadrare il bilancio sociale della tua famiglia. Non stai andando a rotoli, è semplicemente cambiato e molte cose in meglio.
Ogni volta che riponi la scopa e ammiri il pavimento pulito, il lavello in ordine, il centrotavola in centro pensi che i bimbi stanno bene, sono a letto che dormono tranquilli ed anche oggi ce l'hai fatta. Ed ogni giorno passa un giorno.

Still, tomorrow's gonna be another working day
and I'm trying to get some rest
that's all I'm trying to get some rest.
(Simon & Garfunkel – American Tune) 


27 commenti:

  1. ... questo post lo nasconderò a mia moglie

    RispondiElimina
  2. Il centrotavola al centro della tavolaaaah?
    Oddio ma siete troppo avanti, ora mi sento inadeguata.
    E anche perche' ho dovuto cercare sul wikipedia il licaone O_o
    E non c'entra niente ma...sei poi riuscito ad arrivare a correre scalzo? Io un mesetto fa ho fatto aerobica col DVD in casa senza scarpe e per tre giorni avevo i polpacci di kaputt (dici che ho esagerato eh? e' che non avevo voglia di chinarmi a prendere le scarpe...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisonga partire gradualmente. E comunque ormai corro poco scalzo e molto di più con le scarpe minimaliste. Il correre scalzo era propedeutico al passaggio ;)

      Elimina
  3. ehmmm i polpacci DI kaputt...ma che e', se magna? Stordi colpisce ancora.

    RispondiElimina
  4. io quando ripongo la scopa e guardo il pavimento pulito penso quanti nanosecondi resisterà all'incursione successiva di Paciuk... per fortuna in tutta la casa abbiamo un simil cotto che maschera bene, ma in bagno... il bagno dopo una lavata di mani sembra che abbia ospitato Dumbo e la sua proboscide spruzzante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pavimento che maschera bene è un must. Lo metterei come vincolo architettonico a chi ha figli piccoli e si vuole costruire casa.

      Elimina
  5. sono molto ordinata e anche mio marito lo è, tutto è sistematino e a modino, l'arrivo di un figlio avrebbe fatto cambiare altri aspetti del nostro modus vivendi, tipo diminuire/eliminare gli aperitivi. BACI
    Sandra frollini

    RispondiElimina
  6. non so così... mi è venuta un po' d'ansia. :-) poca però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma perchè... mica starai incinto, no? ;)

      Elimina
  7. Tempo fa ho letto un cartello che diceva una cosa del tipo:
    La mia casa è pulita da essere presentabile,
    sporca quanto basta per essere felice.

    La nostra è moooooolto felice,
    direi quasi giuliva.

    Impe- madre di 3 unni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi, felicissimi. Infatti non è che è sempre pulita. La si pulisce spesso.

      Elimina
  8. Leggo questo post con gli occhi lucidi di speranza: quindi c'è ancora una possibilità che il mio ragazzo non dico diventi ordinato, ma almeno migliori??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un criterio molto personale. Per mia moglie io non sono migliorato.

      Elimina
  9. No, io con Ettore ci ho rinunciato. Al mattino esco di casa senza guardare per terra. Alla sera torno a casa senza guardare per terra. Lui sostiene che è pulita, io ho altri parametri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace ma non si possono conciliare le due posizioni. ;)

      Elimina
  10. Non avendo figli non corro il rischio di diventare ordinata. In compenso continuo a fare la brava figlia che permette alla mamma di pulire e riordinare. :D

    RispondiElimina
  11. La penso esattamente come te!! Soprattutto l'ultima parte.

    RispondiElimina
  12. Mah! Sarà che avendo tre figli magari l'ordine diventa importante, però io vivo seguendo due principi:
    1) I lavori di casa non possono ucciderti, ma perché dargli una possibilità?
    2) Una casa pulita è il simbolo di una vita sprecata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I lavori di casa non ci uccidono.
      E, ribadisco, non è che la casa non si sporchi... semplicemente evitiamo di accumulare strati geologici ;)

      Elimina
  13. Ma si, fondamentalmente sono d'accordo.
    Anche se tutte le volte che devo fare i lavori di casa ho una faccia che paio la Madonna Pentita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, beh! Qui vedessi che capitelli dell'addolorata che abbiamo in casa :)

      Elimina
  14. Qui si pulisce e si riordina il minimo indispensabile per l'incolumità familiare.
    Io sono come Silver, son più tranquilla se la casa è in ordine.
    Tuttavia le eccezioni sono ben accette.

    RispondiElimina
  15. Ma allora esistono uomini che aiutano in casa!
    Il mio non fa niente di niente e i due nani di casa ( due bimbi un affido ) amano prendere esempio da lui. Sono davvero disperata!
    Ciao alessia

    RispondiElimina
  16. Ma allora esistono uomini che aiutano in casa!
    Il mio non fa niente di niente e i due nani di casa ( due bimbi un affido ) amano prendere esempio da lui. Sono davvero disperata!
    Ciao alessia

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@