martedì 12 marzo 2019

Il Prof di ginnastica

Sono convinto che non valga la pena vivere di rimpianti; la vita è una serie infinita di sliding doors che a volte si chiudono, altre si aprono. Capita che lo facciano in modo definitivo, altre volte si riaprono e richiudono in continuazione.
Ogni tanto, sarà l'età, mi diverto a pensare a "ma se" e tra questi "ma se" quello che mi piace di più è: se avesse seguito il consiglio della psicologa che in terza media ci ha fatto i test attitidinali (erano avanti a scuola mia, alle medie). "Ti piacerebbe fare l'insegnante di educazione fisica?" mi chiese.
"Si, penso di si". Risposi.
La parte di educazione fisica forse era saltata fuori dall'amore per lo sport che non sono mai riuscito ad abbandonare. In terza media, poi, ero alto più o meno come adesso con qualcosa come quindici kg di meno. Il fisico a quell'età conta quasi tutto: ero il più veloce, il più resistente e il più forte fisicamente in quasi tutti gli sport che facevamo (ad onor del vero eravamo due classi sfigatissime e non era così difficile eccellere).
Ripensandoci mi stupisce che la psicologa abbia trovato la predisposizione per l'insegnamento.
Ma non volevo parlare di me e dei miei irrisolti.
O meglio: un paio d'anni dopo avevo già buttato nel cesso i consigli della cara psicologa (so che è morta pochi anni dopo, in fondo ancora giovane, di un tumoraccio dio sa dove) perché, siccome a scuola andavo così così, preferii lasciare calcio e nuoto per essere almeno mediocre in Italiano, Latino e Matematica. Gettai così in modo abbastanza irrimediabile (per lo meno poi non ho mai completamente rimediato) le basi per la mia futura obesità in cambio di un paio di rinvii a settembre.

Al liceo con me c'era Nicola Zanini. La Juve lo prese a 15 anni assieme a Del Piero. Anche lui era bravo a scuola ma ha mollato tutto ed è partito. Nicola non ha avuto la stessa fama, ma ha sempre vissuto di calcio in modo dignitosissimo, facendosi apprezzare ovunque sia andato.
 
Adesso c'è questo ragazzino al nostro paese che andrà alle nazionali di nuoto. Pare che sia un gran talento e le voci dicono che i suoi sarebbero pronti a trasferirsi in un'altra città per permettergli di coltivare meglio le sue abilità. Pare che sia bravissimo anche a scuola, tra l'altro.


Adesso porto i miei figli a nuoto, fanno allenamenti e garette del settore Propaganda. Io specifico sempre che si tratta della vecchia pre-agonistica, perché Propaganda mi fa tanto ventennio fascista. Comunque loro si divertono tanto a queste gare e sono pure bravini.
Li vedo sognare ad occhi aperti quando mi chiedono di vedere un video su Federica Pellegrini o su Phelps ma non so fino a che punto poi sia giusto assecondarli. Metti che domani salta fuori il ct della nazionale che mi dice: portameli a Roma. Che facciamo? Li portiamo? E se uno si e gli altri no? Avere un fratello che eccelle in che modo può minare gli altri?
Ah, stronzatine, film che mi faccio io, preventivamente quanto inutilmente.
Forse non dovevo mollare lo sport in prima liceo. Mi sarei tolto le mie voglie, mi sarei scontrato con i miei insuccessi e adesso non sarei anche io lì, di nascosto, a guardare i filmati di Phelps sognando di essere io ad arrivare in un tripudio di folla.

1 commento:

  1. io credo che lo sport sia importante per la crescita di un bambino, oltre alla parte prettamente fisica o tecnica proprio per le varie dinamiche relazionali. Sono anche convinto che in questo paese non si dia la giusta importanta all’educazioni fisca nelle scuole.
    sono istruttore di calcio da parecchi anni, ora in una scuola calcio e purtroppo devo registrare anche che molti bambini arrivano da noi senza sapere correre.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@