martedì 23 luglio 2013

Al lupo, al lupo!


Se in epoca di vacche grasse, quando gli istituti di statistica avevano soldi per fare anche sondaggi intelligenti, invece di quelli inutili sul gradimento del Governo Letta, forse avrebbero colto il mio suggerimento di fare una rilevazione sull'importanza dei bau bau pedagogici.
Cos'è un bau bau pedagogico? Cazzo ne so? Me lo sono inventato ora.
Ma ve lo spiego lo stesso: il bau bau pedagogico, anzi Bau Bau Pedagogico (maiuscolo, così sembra anche una roba seria) è una tecnica educativa che si basa sull'inventarsi un qualsiasi mostro che verrebbe a fare visita ai bimbi nel caso non facciano qualcosa che devono assolutamente fare.
L'algoritmo è piuttosto semplice:

Se non A, guarda che arriva B

dove

A= mangi, dormi, lavi
B= lupo, orco, il poliziotto.

Non ho memoria se i miei genitori lo abbiano mai usato con me ed i miei fratelli, non mi pare. Certo è che una volta mia mamma si è lasciata scappare un “guarda che arriva l'uomo nero” quando, fatalità, al piano di sotto, abitava un ghanese. Hai voglia tu a spiegare, poi, che l'uomo è nero in quanto vestito di nero e non nero di pelle, che in ogni caso è marrone.
In compenso ci pensavano gli zii. Ricordo ancora la notte insonne che ho passato dalla zia quando una sera, passeggiando in collina, mi disse che poco distante abitava la Barbana, una vecchia strega che rapiva i bimbi che non mangiavano. Adesso che ci penso mi viene il dubbio che mia zia ci credesse veramente, ma questa è un'altra storia.
Mia suocera è più Bau bau pedagogica, invece; il lupo va per la maggiore ma non si disdegnano anche le forze dell'ordine: poliziotti , carabinieri, vigili e capo del villaggio (al mare, ad esempio). Credo che li usasse anche come mamma a giudicare da quanto è anarchica Silver.
Ma non è questo il punto, parlavamo di sondaggi. Un tempo avrei detto, impostando la mia migliore voce bassa e smussando anche l'accento veneto, che è assolutamente sbagliato ricorrere al Bau Bau Pedagogico.
Lo penso anche ora. A volte però, esasperato, ammetto che ricorro anche io al Lupo di cappuccetto. È certamente meglio dello scapaccione, almeno.
Non voglio giustificarmi, è una debolezza, ma cosa fare quando non hanno messo ancora in bocca nulla, la cena e fredda è già il sole è calato?
Una bella alternativa potrebbe essere quella di lavorare proprio sui personaggi delle fiabe, cercando di “des'ciocarli” (distogliere l'attenzione dal loro essersi impuntati sul non mangiare facendoli pensare ad altro). Spesso funziona.
L'unica cosa che cerco di fare è evitare di fare riferimento a persone vere, quello si. In fondo, mi dico, avere paura di un lupo può anche andare bene, quante possibilità avranno di incontrarlo? E se anche lo incontrassero, forse starne alla larga non sarebbe una cattiva idea.
Ma un poliziotto, un vigile, un carabiniere... meglio che capiscano che la cintura serve per proteggersi e non per non prendere la multa.
Meglio che imparino a capire che il matto è una persona da aiutare, non da temere.

22 commenti:

  1. Una mia prozia, di cui ricordo ancora i capelli bianchi e i baffi neri, una volta mi disse, stando dietro la finestra della mia camera: "Se fai le boccacce alla luna, poi ti resta la bocca storta"... e io che ero piccina picciò, mi chiedevo: ma perché dovrei voler fare le boccacce alla luna???!!

    RispondiElimina
  2. Posso, senza passare per la peggio stronza del mondo, dirti che il mio Bau Bau pedagogico é poliziotto scritto con due zeta?
    Dai, fustigatemi, ma mio papà da piccola mi faceva prendere il vocabolario ad ogni parola sbagliata, inadeguata o semplicemente non la migliore possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché dovrei fustigarti? C'hai raggione, c'hai. Ho corretto. Grazie

      Elimina
  3. decisamente contraria al bau bau pedagogico, anche se capisco l'esasperazione di certi momenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però qualche volta ai nonni "scappa" subito ;)

      Elimina
  4. Io lo usavo al contrario, anche a luglio, se il Nano non faceva A NON arrivava B...abbo Natale! Ehehehehe. In compenso la mia bisnonna che aveva delle piaghettine alle gambe da diabete mi diceva che le venivano perché l'avevo fatta arrabbiare. Che sensi di colpa inenarrabili!

    RispondiElimina
  5. Uso vigili e multe solo quando Elisa vuole guidare. Ok, ogni tanto lo facciamo lo stesso. Ma solo nel vialetto. Ok, merito la multa.
    Contraria al Bau Bau, per il resto!

    RispondiElimina
  6. Io uso i carabinieri, sì. Lo ammetto.
    Perchè la storia della sicurezza ci ho provato un sacco di volte, come prima cosa, ma non gliene fregava nulla.
    Poi una volta ci fermano i carabinieri e controllano. Lui annichilito. Tutto bello legato ma con una coda tra le gambe così.

    Susibita

    RispondiElimina
  7. carabinieri e poliziotti e...colombi (nel senso proprio di piccione) o gli fan paura pure quelli e noi ne approfittiamo...lascia pure che non sia educativo, ma quando picchia la sorella o me non so più che pesci pigliare.Elisabetta

    RispondiElimina
  8. mia suocera (che è stata pure iuna maestra d'asilo)è la regina dei Bau Bau pedagogici...se fosse per lei mia figlia avrebbe paura di tutto...medici, poliziotti, etc..
    Io credo che non dovremmo insegnare ai nostri figli ad avere paura...
    Mi ricordo che mia mamma si era inventata una storia per fare mangiare mia sorella: una bimba che non mangiava diventava ogni giorno più piccola fino a che la mamma non l'aveva dovuta mettere in un ditalino per non perderla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però quella della storia è carina. È un po' come l'orco di Pollicino.

      Elimina
  9. Io non ho figli, pero' sono totalmente in disaccordo sul tirare in ballo polizia et simila. se si perdono e vedono un poliziotto, non vorresti che ci andassero a chiedere aiuto? sono perplessa.

    RispondiElimina
  10. Io ho ancora paura del "bocio" (...azzo era, non l'ho mai capito, però ne ho ancora paura. Un amico cattivissimo di quella psicopatica di mia madre, suppongo). Mai usato certi mezzucci con mio figlio, anche perché ai suoi tempi d'oro sarebbe stato il lupo cattivo/il bocio/il poliziotto a darsela a gambe levate...Seriamente? Non condivido la pratica, però posso in qualche modo comprendere chi la applica saltuariamente, soprattutto se ha tre figli (ogni riferimento a fatti, cose o buson realmente esistenti è puramente casuale) :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi cerchiamo di non applicarla. Poi si fa quel che si può

      Elimina
    2. E' esattamente quello che ho scritto io, El_Gae. La GUERA è GUERA ;-)

      Elimina
  11. io ho ampiamente sgridato le nonne che usavano come Bau Bau i personaggi in divisa (vigili/carabinieri/poliziotti et similari)....
    i bimbi non devono averne paura...devono usarli come "alleati"....

    preferisco usare la tecnica del "NON" come già detto, tipo no parcogiochi, no mare, no passeggiata etc....
    e naturalmente poi la promessa è debito ;)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@