martedì 29 gennaio 2013

Point Break


Vi ricordate cos'è il Pointbreak?
Non vi chiedo neppure se avete visto il film perchè lo do per scontato... è un cult tamarro anni '80 che non può mancarvi. 
A dire il vero è del '91 ma è ancora abbastanza eighties.  
Ora spiegare cos'è il pointbreak in gergo surfistico è piuttosto complicato. Anche perchè io non sono un praticante, almeno se escludiamo la pratica del bodysurfing che, apprendo da Zia Wiki, è comunque annoverata tra le discipline del surfing. Se qualcuno volesse farci emergere dalle onde della nostra ignoranza, siamo qui ad ascoltare.
Va beh, ma non volevo parlare di questo.
Dicevo il Punto di rottura.
Abbiamo tutti il nostro punto di rottura.
Quando corri c'è un momento in cui la fatica sembra non più sopportabile, che il tuo cervello manda in continuo segnali di allarme: ordina al cuore di battere più forte, ai muscoli di irrigidirsi. È lì che deve intervenire la tua volontà, che deve ordinare all'altra parte del cervello di non sentire i messaggi del corpo e di continuare comunque. Se ce la fa, si “rompe” e si continua quasi per inerzia per chilometri, fino a casa.
Altre volte è più difficile.
Prendiamo ad esempio la sveglia notturna della Triplice Alleanza e l'idea/progetto di abituarli a rimanere nel loro letto.
Analiziamo una notte tipo:
I piccoli si addormentano verso le 20,30 – 21
Noi, quando va bene, andiamo a letto verso le 23,00 – 23,30
A mezzanotte inizia il walzer: Marichan capita in camera, timidina, sa che dovrebbe stare nel suo letto. Infatti, solitamente, è sufficiente riaccompagnarla o, nei casi più fortunati, rimandarla in camera sua.
Verso l'una e mezza-due, Jack piange: vuole acqua, scappa la pipì, vuole la mamma, giugio (ciuccio pronunciato con la bocca impastata).
Amore del papà (o della mamma), sai che il ciuccio l'ha preso Babbo Natale, facciamo pipì e poi dormi nel tuo lettino che è tanto comodo. Papà e Mamma sono di là, in camera loro, se hai bisogno chiama, stai tranquillo, dormi (cazzo)”
Pare dormire e potrebbe anche farlo. È probabile però che la scena si ripeta più o meno pari pari una mezz'oretta dopo.
Alle tre si sveglia Pee: abbraccio, coccola light e rimessa a letto. Questo è un evento raro, però. Pee di solito dorme e, se proprio si sveglia, non ti chiama dalla camera, si muove al buio come i gatti e si infila sotto il nostro piumone, il più delle volte senza che ci accorgiamo.
Comunque se ci accorgiamo lo riportiamo nel suo “cuccio” e di solito ci rimane.
Il problema sopraggiunge quando si son fatte quelle quattro, quattro e mezza. Quello è il Pointbreak.
Se uno qualsiasi si sveglia dopo le quattro il tuo cervello fa una rapida scansione del disco fisso (che è acceso in modalità provvisoria): "mancano meno di due ore alla sveglia, se mi alzo ora perdo il sonno, in fondo è soltanto uno, ma si, dai, solo per stanotte, vieni e sta buono che non lo scoprano i tuoi fratelli".
Alle quattro e mezza si cede, non ce n'è.
Non c'è nessun fondamentalista pedagogico che riuscirebbe a definirsi ancora tale dopo le quattro e mezza.
Se valesse anche per le altre forme di fondamentalismo forse risolveremo alcuni problemi dell'umanità.
Basterebbe mettere una legge che costringa i potenti del mondo a fare scelte importanti solo dopo le quattro e mezza quando la sveglia suona alle sei e un quarto.

31 commenti:

  1. E' vero, man mano che la sveglia si avvivina la forza di reagire agli assalti dei piccoli invasori diminuisce. Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. La tua maniera di riportare all'attualità le considerazioni sulla tua vita di papà ha sempre del genio. Grandissimo, Gae!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Avevo anche pensato qualcosa di più elaborato ma il risultato non rendeva...

      Elimina
  3. Meriteresti il Nobel per la pace, lo sai vero :D!?
    Avresti risolto la fame del mondo, le guerre etniche, le stro§§§§te planetarie!
    Dopo di che: io con due ore di sonno comunque firmerei una cambiale in bianco e voterei dbjmsdgjdg! Insomma per farla breve legalizziamo 'sti letti a 5 posti così dormiamo tutti insieme appassionatamente e dormiamo meglio ;D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letti a 5? Guarda che poi ce li teniamo in mezzo finchè hanno 30 anni :(

      Elimina
  4. ... finito il punto di rottura con i bimbi, ne è iniziato un altro: mia moglie mi sveglia perchè russo troppo forte. Se lo fa prima delle 2.00 è un disastro, ci metto almeno un'ora per riprendere sonno.... come cavolo faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti sveglia? Alla Sacra Rota fanno lo sconto per casi così... ;)

      Elimina
  5. Comprendo benissimo. Anche se io, sono più "terra terra" e la definisco "sopravvivenza".

    RispondiElimina
  6. oddio com'è vero!
    dopo le quattro non dormi più, sicuro.
    e secondo me loro lo sanno, perfidi.

    RispondiElimina
  7. Sei un eroe.Io dopo una settimana così,sarei da ricovero.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma infatti siamo da ricovero :)

      Elimina
  8. Ma come, Babbo Natale invece di portargli i regali gli ha fottuto il ciuccio? Bastardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia là che ha fatto un gran lavoro il panzone ;)

      Elimina
  9. Interessante teoria, quella del point break!
    Vedere nanna e c..zo insieme m'ha fatto venire in mente questo sfolgorante pezzo di letteratura infantile, letta da Samuel Jackson:
    https://www.youtube.com/watch?v=Gv6b0CretuE
    Enjoy :-)

    RispondiElimina
  10. Noi cediamo molto prima delle 4 e mezza.

    RispondiElimina
  11. Mio figlio arriva ancora, non sempre, ma arriva. E sempre dopo le 4 ... e poi arriva la gatta verso le 5-5.30 ... a quel punto almeno uno dei due viene buttato fuori dalla camera ... ok, la gatta! È come dici tu, a quell'ora mio figlio non posso combatterlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando, da ragazzo, mi capitava a letto il cane non avrei mai pensato che il mio futuro sarebbe stato così :(

      Elimina
  12. Oddio non lo so quando cederei...
    però visto che chiaramente sono stata figlia piccola, non mi sono mai alzata per andare nel lettone, mai mai mai. E dire che avrei dovuto fare ben poca strada, visto che dormivamo nella stessa stanza coi miei. Mia sorella al piano di sopra del letto a castello, che se si fosse alzata lei sai che disastro??!
    Io stendo e mi stendo. Bnotte. : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io con i miei mai? Cosa sarà cambiato? Mah?!

      Elimina
  13. A leggerti ho avuto paura.
    Sappilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura aiuta a prepararsi meglio ;)

      Elimina
  14. Belle avventure notture ;)
    Point Break era un grande cult, con dei rapinatori con maschere di ex presidenti Usa; me lo ricordo bene, era uno dei primi film della Bigelow.

    RispondiElimina
  15. Avete tutta la mia stima e sono d'accordo con te, sulla fiducia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne riparliamo fra un paio d'anni, neh?

      Elimina
  16. oddio, oddio, oddio mi hai appena ricordato i miei primi cinque anni di insonnia. Ma credimi, passano anche questi arrivati i bambini a una certa età. e comunque, il trucco di mia suocera che ne aveva quattro di figli, con gli ultimi due è stato quello di mettersi una materassino ai piedi del letto con l' accordo che se qualcuno di notte si sentiva solo e aveva bisogno di presenza genitoriali poteva arrivare silenziosamente e mettersi sul materassino. Ha funzionato per 3-4 anni. iO invece manco quello, abbiamo il lettone grande e ci si possono mettere uqndo gli pare. prima o poi la pianteranno. Nel dubbio quello di noi più sveglio si sposta in uno de letti dei bambini o in quello degli ospiti. bisogna sopravvivere, anche ai propri principi. Conosci qualcuno che prima di sposarsi vada ancora di notte nel lettone? No, vero? È solo quesitone di momenti diciamo che magari entro un paio di annetti ne siete usciti alla grande.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@