venerdì 26 ottobre 2012

Friday I'm in love (ma senza figli son buoni tutti)

La scena si ripete abbastanza regolarmente ogni giorno: torni dal lavoro, i bimbi ti corrono incontro, ti abbracciano, iniziano a fare i capricci, si finisce circa verso l'ora della messa a letto. Non sempre tutti e tre assieme, grazie a dio. Ma comunque sempre almeno uno.
I motivi sono i più disparati: il chupa chups che non si può aprire perchè è quasi ora di cena, il giro in vespa che non si può fare perchè, amore, vedi, è buio, la carriola giocattolo che è sotto la tettoia invece che in garage, la coperta sul divano piegato dalla parte gialla invece che da quella rossa, la ruspetta che ha in mano Jack la voleva Pee, poi non la voleva più, poi voleva anche il camioncino. Un bel casino, insomma.
Ma questo sarebbe ancora passabile, sono piccoli ,dopo tutto.
L'inevitabile carico da undici (inevitabile salvo assoldare un killer professionista che faccia un lavoretto pulito pulito) lo mettono sempre i nonni:"I xè sta boni, ma boni, ma boni... quando che i ve vede i da de mato"
Non sto nemmeno qua a tradurre che tanto mi viene solo il nervoso.
Allora se è così torniamo a fare come quando eravamo diciottenni, sempre fuori tutte le sere fino a tardi, un boccone veloce e via di corsa ancora.
L'animazione in parrocchia, le prove della band, il giornalino del paese, il lavoretto per pagarsi le spese, l'allenamento di calcio, la serata con gli amici, il concerto al sabato, la partita la domenica, lo studio per l'esame.
No non tornerei indietro nemmeno se costretto. Lo ammetto.
Però ci risparmiassero almeno le battute.
A proposito, qualcuno ha qualche contatto per un sicario o lo cerco sulle pagine gialle?

52 commenti:

  1. L'altro giorno mia madre aveva in braccio pagnotta che strillava, mi sono avvicinata e lei ha strillato di più.
    "Sei venuta apposta per stuzzicarla?! Ti diverti a farla piangere?!" E se ne va.
    Zitta eleanor, zitta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grrrrr!!! Qui c'era il nonno che al minimo lamento iniziava:" ha fame, datele da mangiare..."

      Elimina
  2. L'incomunicabiltá del genere umano é un tema che mi appassiona, ma solitamente é trattato in un modo così noioso che mi sale la carogna e mollo il mio studio appassionato :)
    Invece qui....é uno spasso. Evviva i nonni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui è uno spasso, una volta passata la carogna ;)

      Elimina
    2. Il mio qui voleva dire "qui in questo tuo blog". A proposito di incomunicabilità ...... :))))))

      Elimina
  3. E lo so, lo so...come lo so!

    the cure?

    RispondiElimina
  4. "Ciao nonna, ti hanno fatto disperare? chi??? ma figurati tre stelline, come non averli!!!!" e intanto tu con la coda tra le gambe ti riporti a casa tre belve inferocite che ancora prima di varcare la porta di ingresso hanno tirato fuori tutto il peggio di te e anche di più. Un abbraccio . . . e viva i nonni santi subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, che dio conservi sempre la loro salute ;)

      Elimina
  5. Scusa io te lo devo proprio dire: aaahhhh...quant'è consolante leggere il tuo blog!!
    No perchè Magù mi fa scene dell'altro mondo perchè il cucchiaino è arancio e non azzurro, perchè vuole andare in piscina all'aperto a fine Ottobre, perchè vuole portare il cane a pisciare, poi perchè non vuole. Io lo strozzerei, mi snerva veramente. Stavo meditando di aver sbagliato se non tutto molto, ma poi leggo te e forse -mi dico- forse è un casino per tutti bilanciare amore e autorità, flessibilità e coerenza, partecipazione e stanchezza mortale.
    Io lo sapevo che non ci ero portata, xazzo.

    Susibita

    RispondiElimina
  6. Ci saranno passati anche loro dalla tua situazione no?
    E se diventerai come loro un giorno? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse. Ma secondo me i nonni si facevano i cazzi loro. Oppure rompevano dichiaratamente ma almeno si sapeva di che morte si doveva morire. Non mi avranno mai, mai... forse ;)

      Elimina
  7. E se i nonni sono i suoceri è mooooolto peggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah! Qui è una bella gara, te lo assicuro

      Elimina
  8. maniere forti, maniere dolci e ogni tanto, certo, stanziare un buon budget per un killer che non ammetta errori... quanto offri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè tu quanto mi verresti? Fai fattura?

      Elimina
  9. Fortunatamente i nonni qui non si azzardano, visto che la figlia/nuora risponde per le rime qualunque cazzata dicano. Se vuoi vengo lì e li rimetto in riga ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che se Silver si mette è tosta. Ma non sono particolarmente recettivi :(

      Elimina
  10. la traduzione non serve. Go capio paroea pa paroea... idem con patate anche qui!;.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gheto visto? Me despiase par ti :(

      Elimina
  11. A costo di dar l'impressione di spammare (nooooo :D) non posso non dirtelo: ma come, faccio il post di lancio del mio secondogenito, un nuovo romanzo dove ci sono anche contadini veneti che offrono gustosi tranci di dialetto, e mi manchi all'appello proprio tu, mio affezionato e venetissimo lettore??!! :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, Zio, non ho commentato ma avevo visto e mi sono già mosso per averlo... non mi lascerei mai scappare un evento simile ;)

      Elimina
  12. Il veneto lo sentivo parlare a mia madre con mia nonna, che bello! Ora mia suocera dice la stessa frase che citi ma in piemontese ... mio figlio non è che sia un angelo neppure con i nonni ma al nostro arrivo è l'inferno per ameno mezz'ora . Meno male che non conosco killer altrimenti sarei già in cronaca ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suocere di tutto il mondo, una faccia una razza

      Elimina
  13. Sono stati bravissimi... se se ne ecsce con un "oggi non stanno benissimo"... vuol dire che l'hanno fatta impazzire. Cheddire... al mio rientro Filippo è riuscito a laciare la Ferrari a Bea e a far cadere una vasetto di terracotta... Sono bravissimi. Cheddire!
    L'unico killer è il tempo: lasciali ai nonni tre giorni di fila notte compresa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh! Quando ho letto che il tempo è il killer pensavo ti riferissi ai nonni e ti immaginavo seduto sulla riva del fiume ;)

      Elimina
  14. "devi essere tu che le agiti, con me sono bravissime"
    "si certo mamma, è colpa mia"... o magari è anche un po' colpa sua che quando le rimprovero per qualcosa se ne esce con frasi del tipo "ecco, se rivada to' mama che no ghe va mai ben 'gnente"

    Ma sulla distanza cede anche lei: ieri sono rientrata dal lavoro alle 19:40, me le ha mollate sulla porta di casa con un breve saluto "ciao devo andare" e nessun commento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, anche i nostri fanno così, insistono per le piccole dosi ma se la "mokkano" quando si supera la soglia ;)

      Elimina
  15. Bè senti....dovresti tener conto che tra i lettori ci sono poverine(come me) che non capiscono nà cippa del veneto.... tesò eh!
    Ho solo capito che i nonni si sono messi in mezzo...ma che ca..spita hanno detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, dai, ci puoi arrivare. Dopotutto nemmeno Camilleri traduce mai (scusa è un po' un delirio di grandezza paragonarsi a Camilleri) ;)

      Elimina
  16. Con i nonni sono sempre bravissimi, mangiano tutto, dormono 12 ore filate, si addormentano in un botto e non piangono mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, oppure i nonni li sopportano perchè sanno che ad una certa ora passiamo a prenderli ;)

      Elimina
  17. Io non mi posso lamentare, mia figlia i capricci li fa solo se è molto stanca o sta male. quando arriverà il fratellino temo che le cose cambieranno. comunque delle due ho il problema contrario, con mia suocera è una piccola tiranna, la tratta malissimo e se non fa quello che dice lei la picchia.....

    RispondiElimina
  18. dai miei suoceri: al primo vagito " sa gala, gala fame, daghe calcosa eh! le piena de fame poarina!!" questa era la tipica frase che mi sorbivo (e tuttora ci provano ancora) ogni volta che si andava a trovarli (da notare che di figli ne ho 5 e nel corso degli anni non è mai cambiata la frase)
    da mia madre: "ma portameli i resta qua a zugar, mi son a casa, non fo niente" "ok mamma te li porto domani che ho un impegno" "ah no doman no go da 'ndar al marcà" "ok allora te li porto dopodomani" "ah no go la paruchiera" .....la vita impegnata delle nonne!! :-)))))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa mi sono dimenticata la firma
      baci
      Eli

      Elimina
    2. Precisa a mia madre. Precisa precisa.

      Elimina
  19. Ahi ahi ahi, genitori, ma non avete mai addestrato un cane? Non voglio sminuire i pargoli, ma vi posso assicurare che bambini e cani sono assolutamente identici. Nel senso migliore. Loro (entrambi) hanno l'istinto animale, sentono quello che provate, quello che pensate, non quello che dite.
    Per dare un ordine ad un cane ed essere obbediti dovete "sentire dentro" un assoluta convinzione. Se è NO rimane no. Dovete essere totalmente, pienamente, intensamente convinti che quella cosa è no. L'ordine è sempre prima per il padrone (e/o genitore) che per il cane (e/o bambino).
    Se voi traballate, se sentite un briciolo di senso di colpa, se pensate che poi, in fondo, ma via.... Siete fottuti!
    Cesar Millan docet. Seguite il programma tv, applicatelo ai bimbi e vivete felici. Mio cognato mi guarda sbalordito quando vede il figlio obbedirmi senza un biz, mentre a lui gli fa delle menate assurde. È che io sono bravissima ad addestrare cani, quindi .... A proposito, vengo su anche gratis, ti addestro i bimbi in un fiat e torno giù. Mmmmhhhh, però guinzaglio e museruola ai bimbi non li metto. E non uso il giornale.
    Laperfezionestanca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima....totalmente d'accordo in tutto e per tutto...Stesse cose che faccio io ottenendo ottimi risultati...Comunque anche santa TataLucia docet e molto! Mia nipotina abita lontano e fa una marea di storie per mangiare (6 anni) perchè se solo lei storce il naso le presentano subito altre dieci opzioni a quello che non voleva...hai presente un ristorante? Quando vado su e ci troviamo a pranzare insieme...io mi metto in mezzo alla grande con le mie regole....e sai una cosa? Di regola mangia sempre...anche perchè ci sono miei figli che si strafogano di tutto e lei prende l'esempio positivo!

      Elimina
    2. Non sono d'accordo con la similitudine del cane. Il mio ha imparato a darmi la zampa solo dopo 3 biscotti. Con Pee non mi è ancora riuscito. Forse devo cambiare biscotti.

      Elimina
  20. Bè, se hai bisogno di un sicario, sono qui apposta :)

    RispondiElimina
  21. Vorrei introdurre una piccola variazione sul tema: la malattia. Quando mio figlio è ammalato lo porto dalla nonna, poi chiamo e chiedo come sta: Benissimo! Non ha mai tossito...no catarro non ne ha, un po' ma proprio pochino pochino...
    Poi lo vado a prendere e lo trovo in preda a tsunami di catarro, tossisce che sembra un novantenne fumatore di cubani, il naso che cola come una grondaia e tutto il ricco corredo di cui solo un 2enne è capace!
    Io ho risolto non chiamando più le nonne, però quando lo vado a prendere le guardo meglio negli occhi: le dovrò pur vedere 'ste fette di salame, o no???
    Vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me se lo magnano mentre parcheggi, il salame ;)

      Elimina
  22. Pensavo a te (giuro!) proprio stamattina, perché era da qualche giorno che non ci sentivamo. Leggo che sei sempre alle prese con la numerosa prole... beh, devo dirti che dal tuo blog si capisce sempre bene che è bellissimo. Che ci sono momenti complicati, ma che dev'essere speciale. Chissà se un giorno anch'io... :-)
    P.S. non vedo l'ora di leggere la tua prima intervista!

    RispondiElimina
  23. oh tutti uguali eh.
    i nonni dico.

    RispondiElimina
  24. Risposte
    1. EH! Lo segno tra i preferiti, non si sa mai...

      Elimina
  25. Ma solo da me funziona al contrario??
    Ch mi chiamano per assicurarsi che io stia tornando a casa, e anche veloce, quelle poche volte che non c'è la babysitter "perché sai che con me fa il matto, è bravo solo con la sua mamma".

    Due anni e due mesi: quattro notti fuori casa, in totale. Poi hanno dato forfait.

    Invece che il killer, facciamo cambio!

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@