lunedì 9 luglio 2012

Sulla Strada


Avete mai pensato a quanta poesia ci sia nella vostra giornata?
“Obiezione, Vostro Onore! El Gae sta uscendo di testa nonostante le recenti ferie”
- Riformulerò, signor Giudice -.

C'è un momento della mia giornata in cui mi sento davvero parte del popolo di poeti, eccetera eccetera: il tragitto del mattino
Provo a spiegarmi, perchè mi succede da sempre;
Al mattino mi alzo e, tra mille traversie riesco a mettermi in macchina (o in Vespa o, in tempi meno “proletari”, in bici). E con il trasporto prescelto affronto un tragitto in cui incrocio un sacco di persone. Tutte le mattine. E non so chi sono, ma nell'incrociarle tutte le mattine si costruisce una complicità strana, clandestina. Non ci si saluta nemmeno, ci si guarda e basta.
So che anche loro mi notano, perchè mi guardano. Magari staranno pensando come me che ieri ci siamo incrociati più in su sulla strada e allora significa che sono in ritardo.
Ai tempi del liceo incrociavo tutte le mattine, in una nebbiosa strada di campagna, una ragazza su di una Uno verde. Così, ad occhio e croce, poteva avere un paio di anni più di me ma la guida di un'auto la poneva necessariamente al di sopra dei 18. Era molto bella.
Una volta l'ho vista in sagra, con i suoi tre figli. Mi ha guardato e, per la prima volta, ha accennato ad un saluto.
Anche adesso è così: c'è il pulmino arancione delle scuole (Puma puma, dicono in coro i gemelli), la coppia di pensionati che cammina tenendosi ancora per mano, che chissà se anche noi...
C'è il “Piallator Gentile”, l'amico falegname che si reca al lavoro con la faccia ancora assonnata appiattita sul finestrino (il furgone lo guida suo fratello).
C'è “il signore dei nanetti” che ha tutta la collezione di nanetti da giardino sotto l'altalena. Abita proprio di fianco al semaforo ed i bimbi sperano sempre che sia rosso per poter salutare Brontolo, Pisolo, Jesolo, Asolo e gli altri. Un giorno li ha spostati e dalla strada non si vedevano. Il signore deve aver notato la nostra delusione dalla finestra e, la mattina seguente, ce li ha fatti ritrovare al loro posto.
Poi i ciclisti: “il ragazzo in bicicletta” figura misteriosa su una bici da donna con lo zaino nel cestino, pedala come un missile. Chissà dove sta andando.
Il “vecchio con la bici elettrica” che pedala pianissimo ma sfreccia che manco Indurain.
La ragazza sportiva”: che qualcuno mi ha detto soffrire di anoressia...
C'è “l'uomo ch saluta”, un sessantenne piuttosto in carne che cammina in direzione contraria alla mia e saluta tutte le macchine che incrocia.
Nessuno ricambia, almeno per quello che ho potuto vedere.
Oggi l'ho fatto io. E sapete che vi dico: la giornata mi è sembrata di colpo più bella.
Buona settimana a tutti, compagni di strada.

31 commenti:

  1. Io ho un sacco di amici di sguardo, e addirittura amici di saluto, persone che saluto sempre perché le vedo ogni giorno, ma non so il loro nome, chi sono, cosa fanno, so solo che li vedo tutti i giorni o quasi, e mi basta per riconoscerli sorridere e salutare :)
    Buona settimana a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico di sguardo è una bellissima definizione.

      Elimina
  2. Che bel post! Mi è piaciuto un sacco leggerlo :-)

    RispondiElimina
  3. Bello. Oltre che sguardi sul mio cammino incontro sorrisi, a volte, spesso però, non mi caga" proprio nessuno. Vabbè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero. Anche a me. Forse è per questo che noto gli altri :)

      Elimina
  4. Bellissimo post! Il people watching, lo chiamo io. È davvero poetico.

    RispondiElimina
  5. a me questo Jack Kerouac veneto piace molto...
    ... ma ho sperato con il fiato sospeso che la ragazza con la uno e tre figli fosse Silver... sono troppo romantica????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, aveva la Panda. E comunque l'abbiamo rottamata prima della proliferazione

      Elimina
  6. effettivamente quanti sguardi incrociamo e non salutiamo, poi magari il saluto lo diamo a quelli che nn ci guardano nemmeno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Però a quel punto diventa un problema loro, no?

      Elimina
  7. Ma dai, non avevo mai pensato a quanta poesia ci potesse essere negli incontri mattutini.
    Io li chiamavo "le solite 4 facce" ^_^
    Prometto di rivalutare il tutto in chiave poetica (ma non ora, con questo caldo non ce la posso fare)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono, in effetti, le solite quattro facce. Però sai che se per un po' non li incrocio arrivo quasi a preoccuparmi?

      Elimina
  8. Io ti adoro.
    Ma potrò dirti tutti i giorni che ti adoro?
    prima o poi Silver mi ammazza.

    RispondiElimina
  9. Il piallator cortese si scusa se non ricambia il saluto ma prima delle 8.30 am, x limitare il consumo di energie a "motore freddo",saluta e/o vede solo donne, meglio se carine e senza l'autoadesivo .....:-) .Comunque, popolo dello stratobabbo blog, io che ho la fortuna di conoscerlo posso confermare che el gae, silver e tutto il carrozzone sono cosa vera e sono proprio così, come leggete.E chi ha visto sa che è cosa vera e ne può dare testimonianza (....uhm....questa l'ho già sentita....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siemo!!!
      Comunque l'adesivo non c'è sulla mia macchina

      Elimina
  10. ...l'autoadesivo << mio figlio a bordo>>....era sparito un pezzo!!!

    RispondiElimina
  11. A Roma ho visto uno che incontro semrpe ai concerti...non lo conosco di persona, però ieri sera ci si è salutati..incontrarsi a 600 (?)km da casa è comunque un avvenimento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, fico no? A quel punto è come essere amici... quasi!

      Elimina
  12. oooh che meraviglia...
    non sono l'unica allora che bada alla gente della mattina... ci badavo di più quando ero studentesso, cioè, non è che studiassi tanto, diciamo quando andavo a scuola...
    se un giorno non ne incrociavo uno, quasi quasi mi preocupavo...

    RispondiElimina
  13. El_Gae poetico... questa mi mancava :-)
    Bel post. Mi è piaciuto sul serio.

    RispondiElimina
  14. Quando ero studentessa anch´io mi preoccupavo se qualcuno "mancava all´appello" :-) Ora che lavoro e che faccio pochi km non mi accorgo tanto degli sguardi della gente. Mi accorgo però se sono in ritardo, se incontro qualcuno non nel solito posto.
    Comunque è interessante questo tipo di riflessione. A me interesserebbe sapere, quando faccio tragitti lunghi a orari insoliti, p.e. durante gli orari di lavoro, dove sono dirette le macchine che incrocio o che supero in autostrada. Come durante gli esodi estivi, quando i giornalisti vanno in coda in autostrada a chiedere alle persone dove sono dirette e se hanno caldo (:-), ma lo fanno ancora?!?) Magari in futuro ci saranno programmi o sistemi che monitorano il traffico e la provenienza delle persone/auto... Elena dalla Svevia (Schwabenland)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi regolo con l'orario in base a dove incontro le persone. È proprio bello.

      Elimina
  15. Bello, questo post è proprio bello.
    Un pò di poesia!

    RispondiElimina
  16. E' rassicurante incontrare tutte le sante mattine alla stessa santa ora tutti questi santi lavoratori che si appropinquano verso il proprio santo posto di lavoro ...
    O forse è solo consolatorio? (mal comune mezzo gaudio?)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@