lunedì 2 luglio 2012

Il Nostro Undici Vincente


Si lo so, è un titolo che per gli appassionati di calcio è come girare il coltello nella piaga.
Ma lo avevo pensato prima della partita di ieri sera.

La vacanza al mare è andata molto bene, un sacco di note positive. Tanto positive da farne una squadra per i prossimi mondiali (se fossi riuscito a scriverlo prima della finale avrei scritto per la finale degli europei, sigh!)

  1. L'Ironia della “Crew”:
Il posto dove siamo stati era popolato di famiglie con bambini/ragazzi disabili e “famiglioni”, molti dei quali “affiliati” (si potrà dire così? Non vorrei suonasse offensivo) ad un noto movimento religioso. 
È proprio la filosofia del villaggio, addirittura chi ha ragazzi disabili può prenotare prima e poi, a scalare dai 5 figli in giù prenotano gli altri. 
Con tre figli quasi ci guardavano strano. Se ne hai di meno sei un poveraccio.
La cosa che mi ha colpito di più però è stata che molti degli “Over 5” avevano facce serie, poco inclini all'ironia. A cavallo tra il guarda io che bravo e dio che esaurimento. 
E ho notato che la nostra ironia, che non è una scelta ma ci viene proprio così, ci difende come un portiere con i controcazzi, è l'ultimo baluardo prima del gol degli avversari. 
Non siamo bravi a prenderci sul serio... alla fine, vedi, lo sapevo che aveva i suoi vantaggi. 

 
  1. Il buon vicinato
La nostra sistemazione era molto “Porta a porta”. Non c'era Vespa, per fortuna. C'era una simpatica famiglia trevigiana con due gemelle dell'età dei gemelli ed una bimba dalla vocina incrina-cristallo poco più grande di Marichan. Sentirsi capiti aiuta ad impostare le azioni sulla fascia. E l'aiuto reciproco nel guardarsi i bambini ti permette di lavare i piatti, ad esempio. 
  1. Gli europei di calcio
Sull'altra fascia non ce n'è per nessuno. Cosa può legare difesa e attacco più di un paio di sane partite serali viste in piazzetta del villaggio? Partite esaltanti, oltretutto (Quarti e Semifinali). Il giorno dopo tutti a salutarsi come fossimo dei vecchi amici. È pazzesco i livelli di condivisione che si possono raggiungere cantando tutti assieme l'Inno di Mameli o patendo per un calcio dal dischetto.
  1. I nonni
I nonni materni sono degli interdittori (no, non perchè rompono i coglioni). Ci hanno fatto trovare un setting perfetto, i bimbi ambientati. Un notevole vantaggio regalato alla prima vacanza assieme. (Oltre a garantirci una settimana a casa senza figli che fa riposare "muscoli" diversi)
  1. La brava Mami e il bravo Papi
Si, non è elegante autoincensarsi. Ma Silver è la persona più organizzata che conosco. Gestisce tutto a ritmi e qualità mai visti e, oltretutto, riesce anche a trovare il tempo per rilassarsi. Coadiuvata da un regista difensivo che detta i tempi, meno arcigno sulla marcatura, ma più agile sugli imprevisti, la vacanza non può che andare bene. Qualcuno potrà dire che così è meno romantico... lo dica pure, nessuno da queste parti si offenderà. Una buona difesa aiuta a gestire gli attaccanti avversari: le scottature, la pioggia, gli infortuni dei bimbi, il “che se magna?”, le code in autostrada.
  1. La Sabbia
Un giorno sono venuti a trovarci i miei. Mio padre si è subito sdraiato sulla sabbia ed ha scavato nei miei ricordi, più che nella terra.
Ha fatto l'astronave (con la plancia tutta di conchiglie), la Vespa, la macchinetta. Pensare che mi divertivo tanto, eppure non me le ricordavo. E i piccoli, come io un tempo, si sono subito innamorati della spiaggia (del nonnomao sono già innamorati da un pezzo, anche perchè al ritorno ha fatto trovare in giardino una bellissima piscina gonfiabile, nonnomao paraculo!)

  1. Le Ciclabili
A completare il pacchetto di centrocampo le lunghe passeggiate all'ombra. Finalmente si inizia a capirlo anche in Veneto che se c'è un posto dove passeggiare o girare in bici senza farsi arrotare da un pullman di tedeschi la gente lascia a casa la macchina molto volentieri.

  1. La Siesta
È molto egoista come approccio ma a Silver e a me sono piaciute le sieste pomeridiane. Quelle tre ore che i bimbi dormivano erano il nostro momento dedicato alla chiacchera, alla lettura, alle gambe sulle sedie. Momenti preziosi che valorizzano la vacanza.

A lei dedico il ruolo di fantasista. Perchè è una creativa. Perchè è stata gentilissima a portare un regalino per i bimbi. E perchè è la prima blogger che ho conosciuto in carne ed ossa. 5 minuti, ritagliati al suo lavoro, preziosi, perchè fanno capire che non siamo solo persone che stanno qui a spipettarsi su internet. C'è tutto un mondo la fuori... e assomiglia molto a questo qui dentro.

  1. Il Mare
La seconda punta è il mio ruolo preferito. Era quello che ricoprivo da ragazzo. Con l'11 sulle spalle. Va da sè che si debba dedicare per ultimo, ma non ultimo, al Mare. Il mare è stato una scoperta per i bimbi e per noi è stato bellissimo vedere il Pee, che non ha paura di nulla, farsi mangiare “i bigoli in testa” da Moe, che di solito è un fifone ed invece in acqua è un pesce che non si è mai visto. Marichan che ha dimostrato che le lezioni di nuoto invernali sono servite: non usciva dall'acqua nemmeno sotto minaccia di morte. 
Il mare rovescia le gerarchie: i grassi galleggiano meglio, l'acqua ti “sporca”, i bimbi dettano i tempi agli adulti.
Il mare è meraviglioso... (e pensare che ho sempre preferito la montagna).

Siamo tornati vincenti e riposati. La routine ci ha già risucchiato, ma questa è un'altra storia.

33 commenti:

  1. Bon per voi!!! Questo sì che è un undici vincente! :)

    RispondiElimina
  2. Questa squadra mi piace assai! se sopravvive ai cllini è davvero da coppadelmondo!
    Ben tornati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non ciellini. (Ma anche loro fanno un sacco di figli?)

      Elimina
    2. almeno tre sacchi! :)

      Elimina
  3. La prossima volta verremo a trovarti anche noi, così potremo lottare per l'inserimento in squadra! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il posto in squadra tu non te lo dovresti nemmeno sudare... è lì che ti aspetta ;)

      Elimina
  4. Bentornati!
    Sono molto felice che vi siate goduti la vacanza :)

    RispondiElimina
  5. Ciao, arrivo da un altro blog, non chiedermi quale. Oggi navigo a vista. Che bella che è la tua dfamiglia, complimenti.
    Tua moglie è bravissima e anche tu non scherzi. Lez<ioni ne date? A pagamento si intende!
    Tornerò a trovarvi.
    Moglie di chitarrista e madre di figlio di chitarrista.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta. Torna quando vuoi. Lezioni no, di solito insegna chi non sa fare (dice il saggio)

      Elimina
  6. almeno qualcuno che ha vinto per fortuna c'è... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Avrei fatto a cambio volentieri

      Elimina
  7. Che bellezza!
    Non vedo l'ora di partire anch'io :-)
    Mancano solo più dieci giorni...

    RispondiElimina
  8. anche noi siamo stati al Cavallino... mare stupendo! quasi quasi ci ritornerei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, pare impossibile, eppure e così

      Elimina
  9. Anche io ho sempre preferito la montagna, vuoi vedere che se faccio una vacanza così cambio idea anche io? Quanti figli mi servono? Tre? Ottimo, è il numero perfetto :)
    (già, ma dove li trovo, con questa crisi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuoi per un po' te li presto ;)

      Elimina
  10. ... 15 anni fa con 30 giovani, pure io lì ci sono stato... i ricordi di momenti unici. Non amo il mare, ma è colpa mia, ma in quel luogo ho vissuto atmosfere uniche.

    RispondiElimina
  11. Intanto ben tornati!Son proprio contenta che la vacanza sia andata bene.
    Siete una squadra fortissima!!!!:)
    p.s.: la foto è bellissima.

    RispondiElimina
  12. Che post(o) fico! ;)
    Guardando la foto mi son chiesto: "ma come si dispongono per andare via per manina quando sono in 5?" Che dalla foto sembra "donne da una parte uomini dall'altra"! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè te credi che i riessa tignere la formassion par tanto, ti? :)

      Elimina
  13. WoW una vacanza raccontata così è da 110 e lode!!!! e poi vuoi mettere il bene amato relax quante cose in più ti permette di dire o fare? Sono contenta che i bimbi abbiano fatto il loro bagno al mare senza Paura! E che tu e tua moglie finalmente vi siate riposati anche solo per la pennichella pomeridiana Smack :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il massimo dei voti... non ci sono abituato.

      Elimina
  14. Sei tornato sano e salvo e me ne rallegro perchè ero un pochettino preoccupata. Poteva essere un'impresa eroica :)
    Forse è davvero l'ironia il vostro segreto per il successo (devo comprarmene qualche sacco per affrontare le mie vacanze ) e la vedo anche nella foto: hai colto l'attimo che non si ripeterà mai più ? Tutti in fila, in ordine. Rido.
    Bentornato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente colto l'attimo... Di solito uno corre da una parte e l'altro dall'altra ed è più divertente. Solo che fotografarli tutti, in quel caso, è un casino ;)

      Elimina
  15. Sei un uomo perfetto.
    Ma mi sei caduto con quel "io preferivo la montagna".
    Allora è stato destino non averti incontrato.
    :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quasi una fortuna non esserci mai incontrati. Così almeno puoi continuare tranquillamente a pensare che sono un uomo perfetto :)

      Elimina
  16. Dopo aver letto il tuo post, il giovedì successivo ho preso in mano uno dei prezzari che ci sono al banco dell'accettazione... così per far qualcosa, mentre aspettavo di lasciare il mio nome per entrare...
    prima voce che mi salta agli occhi: riduzioni per chi ha più di 5 figli!!! manco se uniamo le forze ce la possiamo fare perché è OLTRE i 5 figli!!!

    Comunque, ciellini a parte, è un ambiente davvero speciale, perlomeno visto dal tatami dello Shiatsu!

    RispondiElimina
  17. ma che squadra fortissimi!

    bella l'idea e le parole che hai speso per ciascun giocatore

    un saluto da NYC
    Dcf

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@