giovedì 1 ottobre 2015

Jack si alza presto

Jack si alza presto la mattina.
Di solito sto facendo il caffè e dò le spalle alle scale. Ma è impossibile non sentirlo arrivare, con il suo passo per nulla agile.
Non dice neppure ciao, si avvicina al tavolino dove di certo ha lasciato qualche gioco la sera prima e noi proprio non ci siamo arrivati a metterlo via.
Se mi volto piano lo guardo senza farmi vedere ed è bellissimo, con quegli occhi color miele e i capelli biondi tagliati cortisimi e l'aria ancora assonnata. 
Alza lo sguardo e finalmente mi vede, ancora nemmeno un ciao.
"Batman di che colore aveva la cintura nel film dove è con Robin?"
Si gode la figliunicità di questa prima mezz'ora della giornata, Jack. Lui che è così tranquillo, che non riesce ad avere le pretese d'attenzione lunatiche della sorella maggiore e neppure la (talvolta) molesta fisicità del fratello gemello, passa quasi inosservato. Non è particolarmente coccolone, come si potrebbe pensare dalla morbidezza dei suoi lineamenti.
Ma potrebbe tenerti ore a ragionare su un film Marvel.

Una vera passione quella di Jack per i supereroi e per i fantasy in genere. Raccontandogli storie di supereroi gli ho fatto fare 17 km e 1000 metri di dislivello in un giorno solo. È stato più difficile gestire sua madre.

È un bimbo Jack, un bambino di cinque anni: non problematico, per fortuna, non più maturo del necessario, non particolarmente geniale. É un bimbo che ti potresti dimenticare, talvolta, da quanto è capace di mettersi un mantello ed una maschera e uscire a giocare, anche da solo, immaginandosi sul suo cavallo ad andare incontro al tramonto.
Oppure alla sera, quando si mette sotto le coperte e si addormenta, senza mai chiamarti, senza mai una storia più del necessario, solo abbracciato al suo Pluto  logoro e arrivato chissà da dove.
Così è prezioso questo suo alzarsi presto, questo raccontarci i film. Un po' ricorda una scena già vista: una madre che raccontava i film al figlio che si alzava prima.
Se se ne ricordasse, da grande, come me lo ricordo io, potrei già dirmi contento.  



13 commenti:

  1. Che bello questo post, descrive un'atmosfera così delicata, e dolce.. Credo che Jack se ne ricorderà, quando sarà grande, e magari sarà padre.
    Ti leggo da tanto, in silenzio, non abbiamo nulla in comune ma seguo il tuo blog perché mi piace molto come scrivi e soprattutto i temi che tratti e l'approccio con cui li tratti.
    Buona giornata!

    Cate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento, mi fa piacere che ogni tanto passi qualcuno di nuovo da queste parti. Sei la benvenuta.

      Elimina
  2. Io continuo a pensare, Gae, che tu abbia la dote dei grandi scrittori: racconti la vita.
    E sai una cosa? Mi sono rivisto in Jack. Da piccolo ero come lui.
    Meglio non ti dica il casinista che sono diventato invecchiando! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo penso anch'io, ma se glielo dico non mi crede

      Elimina
    2. No no, ma io vi credo. Non temete che vi credo ;)

      Elimina
  3. Davvero bello questo post. Davvero: scrivi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh! Ed io scrivo... quando posso. E se ho qualcosa da scrivere

      Elimina
  4. Vabbè, però così ci stendi...

    Bellissimo!

    Firmato: un papà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché? Stesi si sta male? :D :D :D

      Elimina
  5. E' la cosa migliore essere bambini, e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so... io non tornerei bambino, ad esempio.

      Elimina
  6. davvero belle queste parole complimenti

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@