mercoledì 20 novembre 2013

Rage against the Recita


Io credo di essere una persona mediamente snob con dei picchi decisi verso il molto snob. 
Uno di questi picchi arriva in prossimità del Natale quando tutto il mondo entusiasta pare non attendere altro che la possibilità di organizzare le attività dell'asilo; 
il carro per andare a cantare la stella, il canto della stella, i regali per le maestre, i biglietti di auguri, i lavoretti per la bancarella, le scenografie per lo spettacolo dei bambini, lo spettacolo dei genitori.
Ognuna di questa attività richiede almeno due serate.
Conto veloce?
12 serate. Una più una meno.
Nessuno ci costringe ad andare, sia chiaro e, se andiamo, lo facciamo volentieri. Raramente, ad essere onesti, perché non sempre si riesce a portarsi i bimbi e il tempo che si passa assieme è davvero poco già così. Però non ci piace delegare e basta.E molti di quelli che ci vanno sono nostri cari amici. 
Insomma, non volevo parlare di questo ma un incoraggiamento a chi tira la carretta è doveroso.

La cosa di cui non capisco l'esigenza però, e adesso mi sforzo davvero di non essere snob, è una sola: la recita dei genitori.
Perché serve una recita per i genitori? Sono aperto al confronto di idee, sul serio. Se mi convincete ci vado

Scorrendo i pro e contro o trovato i due seguenti pro:
  • I bambini si divertono a vedere i genitori che fanno gli scemi.
  • È occasione di aggregazione tra genitori, che non fa mai male
I contro invece sono un po' di più:
  • Avendo poco tempo il prodotto finito non è mai di qualità
  • Non essendo coordinato da qualcuno che lo sappia fare, si rischia di lasciare troppo spazio alle manie di protagonismo di qualcuno
  • Allunga uno spettacolo che, di per sé, sarebbe già a posto così
  • Ma soprattutto, e lo dico con forza: lo spettacolo di Natale, con tutti i limiti che può avere, è un momento dei bambini.

Dico, i nostri figli avranno già un sacco di problemi a crescere, il lavoro, che è già poco per noi sarà probabilmente ancora meno per loro, faranno sempre più fatica ad emanciparsi dalle figure genitoriali (un po' per cultura ed un po' per necessità), hanno davvero bisogno che ci mettiamo in mezzo anche in qualcosa che dovrebbe essere loro e solo loro? 
È utile che i nonni, alla sera, gli ricordino quanto divertenti sono stati gli sketch di mamma e papà (ammesso che lo siano stati) e poi, con quell'aria assolutamente falsa e sgamabilissima da “si amore anche tu sei bello” dicano che è piaciuto anche il loro piccolo ed imbarazzato canto di Natale?
E non sarebbe invece importante semplicemente lodarli per essere riusciti a non piangere? O consolarli se invece hanno pianto?
Per poi bersi una cioccolata calda tutti assieme, riportando tutto la dimensione che merita.

L'aggregazione tra mamme e papà è importante ma si può fare in mille altri modi. Ed i bimbi si divertono anche se balli sul divano assiema a loro, la sera, prima di dormire.

26 commenti:

  1. La recita dei genitori??? Ma vuoi scherzare??? Oddio, credevo di vivere tra mamme sadiche tutte votate all'organizzazione di colazioni e pizze per mamme (che già trovo una barbarie), ma questo ulteriore picco di genitore-centrismo mi mancava... No, non credo lo reggerei. Hai molta più che ragione, altro che snob: dovrebbe essere una cosa dei bambini, fatta da loro e con applausi solo per loro. Sono loro i protagonisti! (dici che ho usato abbastanza il pronome "loro"? No se no lo aggiungo ancora un paio di volte eh.)

    RispondiElimina
  2. Temo che giunto a questo periodo dell'anno io finisca col fare sempre lo stesso commento, e ne chiedo perdono. E il commento è: ci sono momenti in cui mi rammarico di non essere padre, ma questo rammarico si trasforma in gioia da scampato pericolo ogni volta che leggo delle smanie genitoriali che si scatenano in queste occasioni... :)
    Coraggio! :D

    RispondiElimina
  3. Grazie al cielo al mio asilo non la fanno! Sarebbe troppo. Davvero.

    RispondiElimina
  4. L'ho fatta...il primo anno d'asilo....con il più grande. Quando mi ha vista sul palco è scoppiato a piangere....mai più ripetuto l'esperienza.:-0

    RispondiElimina
  5. DETESTO queste manie di protagonismo genitoriale, le detesto proprio.
    Non parteciperei per niente al mondo.
    Ribelliamoci! ;)
    P.S. Da noi si è parlato di una festa di carnevale collettiva per grandi e piccini... quella è più accettabile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se siano manie di protagonismo, voglio sperare che qualcuno lo faccia in modo inconsapevole, pensando di fare anche una cosa bella per i propri figli. Non voglio giudicare. Però io lo trovo fuori luogo... ecco.

      Elimina
  6. Effettivamente ne ho vista una, sono andata alla prima recita di Natale del nipote grande, e sinceramente è stata una tristezza unica. Guardare i bambini che cercano di recitare o cantare fa tenerezza, subire i genitori che i fa fastidio... Anche n

    RispondiElimina
  7. Scusa, volevo dire anche no. E firmarmi.
    Ciao Bridigala

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, per la firma. Ed anche per il commento.

      Elimina
  8. a me già fa schifo vedere le recite dei bambini a scuola, tranne i momenti in cui mio figlio, che veramente non per dire ma è un genio a rotelle, non recita, così invece di guardarlo posso fargli le foto e i filmi col telefonino. No, i genitori non ce la posso fare

    RispondiElimina
  9. Non sono ancora in quella fase, ma senza dubbio mi pare un'iniziativa al limite del grottesco: giusto che le recite restino territorio dei piccoli.

    RispondiElimina
  10. La recita dei genitori serve. Quando avevo sei anni mio padre venne convinto a fare la scena della morte del cigno in una specie di parodia de Il lago dei cigni. Un metro e novanta di uomo in tutù. Ancora oggi conservo le foto e mi diverto a sbattergliele in faccia di tanto in tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Il solo pensiero di io in tutù è agghiacciante... brrrr! ;)

      Elimina
  11. alla materna del grande da noi le feste (ad eccezione di quella a fine anno) sono solo per i bambini: i genitori non sono invitati! Mi sembra una soluzione geniale!
    invece al nido del piccolo in effetti fanno sia lo spettacolo dei genitori che molte attività in orari assurdi (21-24 per intenderci): mai preso parte, ma se c'è chi ne ha voglia non discuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, secondo me se uno ha voglia di recitare può iscriversi ad un bel corso di teatro o partecipare ad una di quelle compagnie amatoriali che ce ne sono un milione...

      Elimina
  12. Mi stai dicendo che vuoi rinunciare a fare S. Giuseppe o il Re Magio?
    Il nostro asilo retrogrado non la propone... si limita alle prove di canto per la messa con i bambini.... quanti talenti sprecati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, se mi facessero fare il protagonista accetterei: si parlava di pastore o, peggio, di pecora :D

      Elimina
  13. Anche se la fanno al nido, io quest'anno mi giustifico... hai comunque ragione, la festa è dei bimbi e breve o bella o brutta che sia la recita o il canto dei piccoli va più che bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi pare che da voi la facciano... e comunque per l'esperienza che ho io non contribuisce a rendere il tutto più bello.

      Elimina
  14. Ecco. Mi chiedo il senso della recita dei genitori. Ma non hanno un cazzo da fare? Lavorare, no?

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@