venerdì 22 novembre 2013

Ricattoterapia


Alzi la mano chi non ha mai usato un regalo come ricatto per ottenere un risultato con un figlio.
Così il Natale diventa leva educativa; ben venga, dunque, che al due di novembre ci siano già gli addobbi al supermercato: è l'onda lunga del comportamentismo.
 
Si lo so, non si fa.
 
Il bimbo dovrebbe essere intrinsecamente motivato a mangiare, a lavarsi, a dormire, ad essere bravo a scuola, a riordinare casa a prendersi cura dei suoi vecchi quando un giorno saranno dei piscioni allettati capendone il senso profondo, l'utilità personale e sociale. E non estrinsecamente, con un rinforzo esterno come un gelato, un john deere giocattolo, l'eredità.
Ma non facciamo i verginelli, ok?
Scappa di farlo. Come scappa il cazziatone quando sei più esaurito del solito e lo scapaccione quando proprio te lo levano dalle mani (anche se sempre meno, devo dire, bravo Gae).
È successo un fatto però che mi ha spinto a riconsiderare il ricatto rinforzo come qualcosa che possa servire allo scopo: ottenere il risultato insperato. 
 
I miei figli hanno saputo dai nonni che Babbo Natale porta il carbone ai bimbi cattivi (rinunciate all'idea di convincere i nonni che non si fa. Rinunciate all'idea di convincere i nonni di qualsiasi cosa, ok?)

Un giorno, in macchina, Pee era in preda a crisi capricciosa convulsiva, si è sganciato dal seggiolino e se n'è uscito con un “Io voglio il carbone” che è un po' come dire " provateci, se avete il coraggio".
Accecato dall'ira sono sceso e, legandolo di nuovo, gli ho detto incazzatissimo che lui era ancora troppo cattivo per meritare il carbone e che al massimo poteva sperare in un po' di cacca di renna. 
Secca.
La situazione è improvvisamente cambiata. Tutti hanno iniziato a ridere ed anche Pee ha cambiato completamente registro.
Cosa voglio dire? 
Non sempre la minaccia deve servire a minacciare, può anche essere una specie di gioco che “dis'cioca”, diciamo noi, ovvero fa pensare ad altro e consente di uscire da una situazione di muro contro muro. a la a la
Se avete letto fino a qui e vi sembra la scoperta dell'acqua calda, per evitare che vogliate indietro i soldi, vi elenco alcuni regali farlocchi con i quali ricattare i vostri figli in vista del Natale.

  1. Mutande e calzini (diciamolo una volta per tutte, hanno sempre fatto cagare anche a noi)
  2. Il cicciobello bua, per lui, se vuole un trattore
  3. Il trattore, per lei, se vuole il cicciobello bua
  4. La Barbie con il culo grosso
  5. Il trattore senza una ruota
  6. Il carbone, quello vero, della stufa dei nonni
  7. Cioccolatini preciucciati
  8. Caramelle gusto minestra di verdura
  9. La cacca di renna secca.
  10. Un barattolo con le scorregge delle renne: tu lo apri, fa prr, un po' di puzza e poi basta.

30 commenti:

  1. La cacca di renna secca è già un must, anche se mi sa che il Fordino è il più bravo della casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babbo la porterà a te e Julez, allora :D :D :D

      Elimina
  2. Parola d'ordine: sdrammatizzare. Con mio figlio è stata (ed è ancora) l'unica strategia vincente.
    Comunque grazie dei consigli, terrò presente :-)

    RispondiElimina
  3. Ai cioccolatini preciucciati i miei figli non farebbero una piega, quanto al barattolo di pete di renna, questo sarebbe per loro un regalo bellissimo da far vedere agli amici invidiosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, però dopo che lo hai aperto una volta non funziona più. È quello il pacco ;)

      Elimina
  4. è normale che stia pensando di usare questi consigli con il mio ragazzo invece di conservarli per un'eventuale prole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il tuo ragazzo puoi usare ricatti più efficaci, credi a me ;)

      Elimina
  5. Anch'io sdrammatizzo spessissimo! Grande!
    Temo però che, vista la caciaronaggine di mia figlia, se minacciassi la numero dieci farebbe apposta a comportarsi male, pur di averla e godere di quel singolo momento da Bagaglino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, dici che si accontentano di una volta sola, si?

      Elimina
  6. azz.... "Papà a natale voglio il ciccobello Bua". "Filippo è da femmina, dai.". "No papà, è azzurro". "Comunque quest'anno Babbo Natale ha solo trattori...".
    Caro Gae, in casa mia si sta facendo dura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se vuole il cicciobello tu minaccialo col trattore... ;)

      Elimina
    2. no se vuole il cicciobello compragli il cicciobello!
      che i padri non si prendono cura dei loro figli?
      e un bambino non ha diritto a imitare il padre come la bambina imita la madre nell'accudimento della bambola?
      io ho due maschi che hanno sempre giocato sia con trattori che con bambole...

      Elimina
    3. ... alla fine comunque ha deciso che vuole un elicottero radiocomandato o in alternativa Goldrake! Actarus For Ever!!!

      Elimina
  7. W la cacca di renna secca!!!!!!!!
    e comunque il barattolo di scorregge piacerebbe un sacco anche a mio marito, ma da riempire...ops!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, tipo quei distributori che ricaricano il detersivo?

      Elimina
  8. qui si vive di ric... ehm rinforzi positivi...anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi. Mi raccomando, chiamiamo le cose con il loro nome.

      Elimina
  9. Secondo me la frase di Pee non era tanto "provateci" bensì un "preferisco avere il carbone e fare il monello, se per avere i giochi devo fare il bravo" Ma comunque
    la barbie col culone NON ESISTE
    però quel giorno in auto sei stato un grandissimo, lo riconosco.
    Bacione
    ps. perchè non lanci un sondaggio
    A QUALE ETA' I VOSTRI FIGLI HANNO SMESSO DI CREDERE A BABBON NATALE (o hanno smesso o pensate di dirgli che non esiste!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché? Vuoi dire che non esiste? Buahhhhhhh!!!! ;)

      Elimina
  10. In America la "cacca di renna" e' una prelibatezza!

    http://www.fudge-house.com/Reindeer-Droppings-handmade-candy.htm

    :-)

    RispondiElimina
  11. Io per sdrammatizzare mi imbrunettisco: inizio a ripetere le cose in modo ossessivo, come brunetta da Fazio, fino a quando la pargola non stramazza dalle risate si dimentica il capriccio e ubbidisce. Solo che invece di: lei quanti soldi prende , uso frasi tipo: lavati i denti, mettiti la maglia, raccogli i giochi et similia. Oh io faccio pure la voce di brunetta, PARE faccia riderissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, Brunetta è peggio della cacca di renna...

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. No, ma seriamente: a commercializzare la Barbie col culo grosso si farebbe la felicità delle mamme diversamente magre come me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora facciamo una petizione per la Barbie Culona (anche con un po' di cellulite) ;)

      Elimina
  14. Io questa lista me la stampo ed inizio a provarle tutte, perché la minaccia del carbone ( quello classico) a mio figlio non gli ne caldo ne freddo!!!

    RispondiElimina
  15. oddio, anche i miei fanno così..."Checco, se non la smetti Babbo Natale non ti porta niente" e lui "Io non voglio il regalo di Babbo Natale!".
    Forse potrei provare con le caramelle gusto verdura, che con le scoregge di renna mi sa che ci vanno a nozze...

    RispondiElimina
  16. A me le caramelle al gusto minestrone piacerebbero, per dire.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@