lunedì 11 marzo 2013

The Blair Parents Project


Sssshhhh!!!
C'è un rumore... si stanno avvicinando” Quasi piangeva dalla disperazione
Oddio... l'ho risentito” tremava ora.
No, non preoccuparti, non può essere” cercava invano di rassicurarla lui... ma la voce era incrinata, prossima alle lacrime
Ma si, ma si” Ho sentito il cancelletto delle scale che cigolava, sono loro ti dico, sono ancora qui... vai a vedere tu, io non ce la faccio, aiuto, non ne posso più”
Ma no, ma scusa, sempre io... porc...”

Sembra il dialogo di un B Movie. Uno di quei bruttissimi horror che mandano in seconda serata d'estate, dopo l'ennesima replica di Bud Spencer e Terence Hill o di un film dei Vanzina.
Invece non si discosta molto da una normalissima scena serale a casa nostra. Si mettono i bimbi a letto, si finisce di riassettare, si cerca conforto sul divano... qualcuno si sveglia... Mannagg....
Sempre meno, però. La notizia è proprio questa: le cose stanno andando bene! 
Meglio, per lo meno.

I bimbi hanno orari abbastanza regolari ma non muoiono se li si cambia un po': riescono a reggere qualche ora la sera, se ci sono amici a cena. Se siamo fuori, non è più necessario pisciarli e cambiarli prima di risalire in macchina. Non serve più trasformare il tavolo della pizzeria nella nursery di Ostetricia.
Non è indispensabile farli dormire al pomeriggio. Certo, se non lo fanno non te li puoi portare al rave party la sera; a qualcosa devi pur rinunciare.
Però, se tutto è a posto, alle 20,45 dormono. I notiziari più belli sono già finiti ma rimane ancora una mezz'ora per valutare i millibar delle labbra di Lilli Gruber.

Mangiano quello che trovano. In pizzeria, ad esempio, la pizza. Che è più facile trovare la pizza in pizzeria che perdere la sera a cercare una papperia per le pappe.
Inoltre sono belli cicciotti, se una sera mangiano meno, non succede nulla, hanno una certa riserva.
Non servono più i seggioloni, le seggiole per mangiare, il passeggino (abbiamo avuto momenti con tre passeggini (il gemellare nel bagagliaio e l'ultraleggero sotto il sedile), la borsa con il cambio, il sacchetto per i pannolini sporchi, il bibe per bere... Praticamente un trasloco ogni volta. Poi dice non vi muovete mai.

Se hanno una ruspetta giocattolo ed un libricino potrebbero litigarseli per ore ma, piano piano, stanno imparando che si può giocare assieme, fare cambio, raccontarsi le storie.
Ieri Maria litigava con l'amichetta G.: entrambe volevano interpretare Aurora. Dopo dieci minuti di pianto l'illuminazione: “Ma ascolta G, che male c'è se facciamo tutte e due Aurora?”
Bella mia, sei tutta tuo padre, un genio della mediazione relazionale... quantotevojobene.

Ma se noi ci siamo riusciti, perchè non mettere tutto il mondo a parte della nostra tecnica, del nostro metodo infallibile, della nostra teoria, approfondita nel dettaglio teorico e sapientemente applicata nella pratica?
Perchè tenercelo per noi?

Facile mi direte: basta sapersi organizzare.
Ma no, ma dai... certo, aiuta, io lo consiglio, ma ci siete arrivati tutti, che segreto è?

Siete pronti?  
Ve lo dico?

I bimbi crescono. 
Banale? Mah, non so: Ogni giorno passa un giorno ed ogni giorno aggiunge stanchezze. 
Ma se vi fermate un attimo e aprite la vostra mappa, vi accorgerete che non siete al punto di partenza e non state girando in tondo. Forse la meta è ancora lontana ma i passi fatti in avanti, quelli, non ve li toglie nessuno.

Questo post partecipa al blogstorming di GenitoriCrescono

33 commenti:

  1. Eh si, crescono e ogni giorno è un passo avanti! E quando vedi chi è ancora qualche passo indietro non ti sembra possibile essere già arrivato lì e magari vorresti ricominciare il giro!! Nr.3, che ha 4 anni, da ben 10 giorni dorme nel suo letto, in camera con i fratelli ..... Io non mi sono ancora abituata ad avere solo Dolcemetà nel letto. Un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riabituati in fretta... ed occhio ;)

      Elimina
  2. La cosa preoccupante è che crescono alla velocità della luce... Mi sembra ieri che la mia cuginetta era uno scricciolo di due mesi che mi si addormentava addosso appena la prendevo in braccio io ed ora è una signorina di quasi 3 anni che gioca con me e mi svuota la cucina...

    RispondiElimina
  3. io ne ho uno solo, ha 4 anni ed è autonomo abbastanza ormai da spogliarsi fare la doccia e rivestirsi da solo, per dire. eppure a volte mi sembra di essere ancora in un tunnel infinito, soprattutto quando parte la lagna.
    poi mi guardo intorno, leggo uno dei tuoi post e rimetto i piedi per terra: non è lui, sono io che chiedo troppo.
    magari mi ridimensiono, dai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tunnel è infinito ma l'importante è non esserci bloccati in mezzo :)

      Elimina
  4. grazie per questa pillola di speranza...il nanerottolo qui ha 20 mesi e certi traguardi sembrano irraggiungibili ma leggendoti la speranza si infonde un pochetto. anna

    RispondiElimina
  5. Ed è lì, quando sono cresciuti e ti ritagli quel margine sottile di indipendenza...che taaaaac: ci ricaschi e ne fai un altro!

    RispondiElimina
  6. ... ci pensavo proprio oggi. Giocavo a palla nel parchetto con Filippo e Bea era ad una festa con amica... un anno fa avevamo ancora in ballo passeggini, pannolini, biberon, ciucci. Ora eccoli: parlano, si fanno capire, giocano da soli. E stasera si sono messi il pigiama senza aiuto... erano orgogliosissimi!
    ... Pippo dice pure: "Papà, guardiamo un po' di sport?" Quanto mi piacciono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, quando arrivano allo sport è stupendo... e non ti dico la soddisfazione quando guardiamo i supereroi ;)

      Elimina
  7. Vero, vero... quando poi puoi portare i maschi con te ad allenamento di football australiano e la femmina a ballare in piazza per One Billion Rising, si prova una gradevole sensazione di tunnel alle spalle. Se non altro, *un* tunnel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Un tunnel. Ma questa è la vita.. e a me le gallerie sono sempre piaciute, in tutti i viaggi.

      Elimina
  8. La tua chiusura mi piace molto, nonostante i periodacci sono certa che non siamo alla partenza e non stiamo girando in tondo ... è molto molto rassicurante.
    Certo che voi con tre, grande ammirazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no... tre può essere molto dura, a tratti... ma poi, quando sono assieme che giocano, sono anche un aiuto

      Elimina
  9. Che bel post! Adesso arriva la primavera, spero tanto di conoscervi davvero :)

    RispondiElimina
  10. A volte vorrei che finissero i risvegli notturni, le paturni per il sonno mancato o i capricci senza senso. Poi mi dico che crescerà che il tempo mi restituirà un bambino diverso, e poi un ragazino diverso e poi un uomo. Ed io non sono pronta.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a dormire sono prontissimo... se solo mi lasciassero ;)

      Elimina
  11. Quest'estate scrissi un post con qualcosa di molto simile: ci si lamentava per il gran caldo e io dissi che poi in inverno ci saremmo lamentati per il gelo, che ogni stagione ha le sue caratteristiche quindi il tormentone del "le vacanze coi figli non sono vacanze!!" sarebbe comunque finito perchè i figli crescono, e magari un po' si rimpiangeranno anche. Come tutto ciò che passa quando sai che indietro non si torna. baci sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lamentarsi è il nostro sport preferito. Ma noi stiamo cercando di smettere

      Elimina
  12. che bello questo post! Per una che fra pochi mesi entra nel tunnel non è per niente male sapere che prima o poi ci si esce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ElGae scusa l'invadenza, ma devo congratularmi con la Vete che non leggevo da un sacco di tempo, e che adesso ritrovo con una bellissima notizia!! :)

      Elimina
    2. Mi congratulo anch'io...

      Elimina
  13. e ti sembrerà folle, lo è, ma a me, quando vedo la luce in fondo al tunnel, già mi mancano.


    (..certo che le 20.45 ti dice proprio culo. per dire eh)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito quella delle 20,45... ma forse piano piano ci arrivo

      Elimina
    2. Capita! Succede di rado, sappilo ;)

      Elimina
  14. la luce in fondo al tunnel esiste davvero.
    tu hai visto la luce! (cit)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista.. e non distolgo lo sguardo, nemmeno sotto tortura

      Elimina
  15. Ciao! bello il blog!
    mi dai un po' di fiducia per il futuro...
    anche io in preda a risvegli notturni della mia bimba di 11 mesi...

    oh, pero' ci tengo a precisare che qualche mamma mi ha detto " figli piccoli, problemi piccoli, figli grandi, problemi grandi"...
    e quindi, come la mettiamo....?!
    darling

    RispondiElimina
  16. Fai qualcosa per farmi loggare anche dall'ipad.
    La pellons che è la terza volta che perde il commento.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@