venerdì 29 marzo 2013

Bisognerebbe digiunare


Bisognerebbe digiunare dal cibo, astenersi dal mangiare carne. Questo chiede oggi la tradizione cattolica. 
Ma non è difficile, in fondo, domani possiamo ricominciare a mangiare quello che vogliamo e Domenica, probabilmente, i nostri bidoncini della spazzatura saranno più pieni delle nostre colme pance.
Forse oggi si potrebbe rinunciare al sesso, come diceva una ex collega. Cosa peraltro non difficilissima da fare, con i tempi che corrono e, si sappia, dovesse esserci l'occasione, manco morto. 
Digiuno a Pasqua, piuttosto.
Si potrebbe esimersi dal pensare male, dal giudicare, dal creare tensione, dal pensare di aver sempre ragione, dall'opporsi al confronto.
Si potrebbe pensare che sarebbe già sufficiente riuscire a mantenere la calma per strada, in auto, con i figli, se rovesciano due bicchieri di fila, con la moglie se torna stanca e non riconosci nel suo arrabbiarsi la voglia di un abbraccio...
Si potrebbe allora impegnarsi un po' di più per il bene comune, a mettere gli altri al centro delle nostre azioni...
Si potrebbe pensare di spostarsi a piedi, in bici o con i mezzi pubblici, per rispettare l'ambiente che è forse l'ultima ricchezza che ci rimane. 
Potremmo iniziare ad abituarci all'idea di responsabilità: provare a pensare che non si è mai fatto abbastanza per risolvere un problema, anche se ci pare di si, fino a che non sia risolto sul serio.
Oppure lavorare senza distrarsi, senza imbambolarsi davanti allo schermo, senza andare su internet quando suona il telefono...
O chiamare le vecchie zie, quelle che sai che gli farebbe piacere sentirti...

Molte di queste cose, per stanchezza, emergenze, pigrizia o dimenticanza, non riuscirò a farle. Forse nemmeno una.
Spero sempre di avere ancora un piccolo credito di misericordia.

26 commenti:

  1. Mi hai fatto sentire enormemente in colpa!!!!
    Comunque Buona Pasqua Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era intenzione... anzi... chiedevo indulgenza per me ;)

      Elimina
  2. Mi sa che per la speranza di un credito di misericordia mi metto in fila pure io!Auguri Gae, a te Silver ed al mitico terzetto!

    RispondiElimina
  3. Io ci provo e non sempre ci riesco. Per dire, la moglie incazzata bisognosa di abbracci in questi giorni sono io, quando basterebbe che aprissi bocca...
    Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  4. Ma no, forse non è così necessario digiunare, per guadagnarsi misericordia (e perché poi, la misericordia?!...). Già stare al mondo in modo decente, rispettare le persone e il "bene comune", star bene coi propri cari, vivere con grande etica e dignità. Non è sufficiente?! ;-) Auguri!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh? M'è venuto misericordia. Mo me fai venì on dubbio :)

      Elimina
  5. mi sa che hai ragione tu, piuttosto che il digiuno un po' più di attenzione

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo con te.
    Il digiuno da solo non ha senso, lo acquista se la nostra fame (effimera!) ci sensibilizza all'altrui fame (permanente!), se ci invoglia a condividere il nostro cibo con chi è meno fortunato, se ci rende più vigili sulle necessità nostre (che diamo per scontato il mangiare tutti i giorni) e su quelle di chi è meno privilegiato, se ci aiuta a ritagliarci un momento di meditazione, per conoscerci meglio, cercare di migliorarci, e si, riconoscerci fragili e bisognosi di misericordia.
    Grazie!
    silvia

    RispondiElimina
  7. ero al bar per pranzo, di digiunare o anche solo rinunciare al cioccolatino col caffè manco l'idea, ci ho pensato, ma non ce la faccio... però c'era sto papà con figlia + grandina su 7 anni, e gemelli di circa 5. ADORABILI, i gemellini si sono tolti i berretti e avevano tutti i capelli svolazzanti sai elettrici, e erano felici e facevano un sacco di domande/considerazioni sui panini che avrebbero mangiati. TI ho pensato tanto, il papà era molto nella parte.
    Non c'entra un tubo col tuo post ma volevo dirtelo. Lo so che chi si loda si imbroda ma a parte l'andare in internet al lavoro, come ora ma c'è chi fa ben peggio cose, ecco io non penso di essere tanto male socialmente. Un bacio sandra frollini e auguriiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che forte quel papà... E poi, si, cerchiamo di migliorare ma non flagelliamoci ;)

      Elimina
  8. Per stasera cucino pesce, ho fatto un paio di telefonate "gentili" e supporto mio figlio in un gioco insulso ma che lo gratifica ... ok, sono indulgente e mi assolvo!
    Ma hai ragione tu, basta poco per sentirci più comunità e questo è un buon giorno per ricordarcelo! Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ricambio, anche se in ritardo. Ho digiunato dal pc ;)

      Elimina
  9. allora occhi e cuore aperti! ti auguro una Pasqua piena di sorrisi felici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo in ritardo, scusa. Ma il tuo augurio è servito ;)

      Elimina
  10. Il mio unico pensiero del giovedì santo è l'impepata di cozze. Che puntualmente mangio con la speranza che questa mia superficialità pasquale non venga un giorno punita con una partita di mitili andati a male

    RispondiElimina
  11. Ciao,
    ho conosciuto il tuo blog da poco. Mi piace e ti seguo.
    Se ti va passa da me su www.facciamofestainsieme.blogspot.it a ritirare un premio :)
    A presto

    RispondiElimina
  12. si potrebbe apprezzare ogni singolo respiro... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. E non darlo neppure per scontato ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@