sabato 23 febbraio 2013

Il Voto Inutile

Ad un giorno dalle elezioni mi viene di parlere di voto... Strano, no? Non lo fa nessuno...
Lo faccio perchè ieri sera, parlando dopo le prove, emergeva, a grandissima maggioranza, la propensione per l'astensionismo, l'annullamento, il rifiuto della scheda elettorale.
Motivazione: non mi sento rappresentato da nessuno.
Errore, caro mio. Potrai non riconoscerti in nessuno ma, volente o nolente, qualcuno finirà per rappresentarti. Non credi che sia opportuno dire la tua?
O forse è più semplice rimanere alla finestra in modo da potersela prendere con chiunque, al momento opportuno?
Perchè non stiamo dicendo che non tiferemo Italia ai prossimi Mondiali perchè ci sta sulle balle Balotelli. Stiamo parlando delle persone che governeranno il paese, per poco, per tanto, chi lo sa? Ma lo governeranno

Quindi, pur capendo la fatica, il nervoso, il fastidio che pensare ai candidati possa dare, non si può esimersi.
Votare non è solo un diritto, è un dovere.
La democrazia partecipativa è uno strumento imperfetto ma, ad oggi, è il migliore che abbiamo.
Non entro nel merito di chi votare... in tanti sanno come la penso.
Ieri uno mi ha detto: "ho sempre avuto il sospetto che tu fossi di sinistra, ora ne ho la certezza".
Ho risposto che il fatto che io sia di sinistra non solo non è mai stato un segreto ma non lo considero neppure un problema.
Almeno lo dico.
Voi conoscete qualcuno che abbia mai ammesso di votare Berlusconi. Io no. Eppure è statisticamente impossibile che sia così
Comunque, tornato a bomba: non astenetevi, andate a votare. Nessun voto è inutile.
Nemmeno quello a Berlusconi. Quello è stupido. (scusate, mi è scappata) 

39 commenti:

  1. Bravo! mi piace quello che hai scritto, meglio scegliere che criticare solamente a posteriori.... senza nemmeno fatto la fatica di fare una x.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e poi, come dice una collega: "Siamo sicuri, prima di dire che non voteremo, che li abbiamo ascoltati tutti per bene?"

      Elimina
  2. D'accordissimo su tutta la linea, soprattutto sul fatto di votare a sinistra.:)

    PS : io di gente che vota B. e lo dice, ne ho conosciuti.Ora sono tutti diventati grillini...mah...

    RispondiElimina
  3. Bravo, Gae! Andiamo a votare! E' lo strumento che abbiamo per scegliere e farci valere!

    RispondiElimina
  4. Certo che vado a votare. E qui in Lombardia si gioca la partita decisiva... quindi ogni voto vale tantissimo! Spero si possa creare un Italia Giusta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, vorrei essere lombardo pure io ;)

      Elimina
  5. Stratobabbo, ti voglio bene. E non solo perchè suoni la chitarra.

    RispondiElimina
  6. Caro strababbo, è la prima volta che ti lascio un commento - ma leggo sempre - e mi unisco al coro: andate tutti a votare domani...però vi prego, non votate per il nano!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, e torna quando vuoi (se spesso, anche meglio) ;)

      Elimina
  7. Io mi sono fatta un'idea e spero di non restare delusa. Spero anche che quello del nano sia al massimo il quinto partito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma magari... vogliamo sognare? che non raggiunga il 4%?

      Elimina
  8. anch'io conosco chi ha votato Berlusconi, chi lo ri ri-voterà e chi è passato a Bersani.
    Io sono di sinistra, si sa e me ne vanto, la frase "ho sempre avuto il sospetto" dio bono come se parlasse di una minaccia nucleare.
    Andate a votare, l'ho scritto anch'io da me. Ma conosco gente che andrà per scrivere mariuna libera. Le elezioni sono sempre importanti, ma queste di più. baci sandra frollini, ti commento mentre ascolto battiato, che al concerto ne ha dette delle belle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro Battiato, e l'ho suonato per anni in un gruppo serio. Non riuscirei a pensare ad un'armonia migliore di questa (blog + politica + Battiato) ;)

      Elimina
  9. Io non voto. Il dovere? Il mio dovere lo faccio tutti i giorni da troppo tempo. Continuerò a farlo ancora purtroppo perché al momento non riesco a sperare in niente di diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non metto in dubbio che tu faccia il tuo dovere. Solo che, penso, l'unico modo per farci ascoltare è votare e poi andare a rompergli le balle. Il non voto non interessa a nessuno.
      Ma naturalmente nessuno può costringerti ad andarci.

      Elimina
  10. Per quanto difficile sia sentirsi rappresentati da qualcuno nell'attuale panorama politico, concordo in pieno con quello che hai detto.
    Non solo un diritto, ma anche un dovere.
    Un dovere morale se si pensa che dobbiamo evitare di far tornare il re dei voti stupidi al potere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno avremo qualcuno da andare a tirare per la giacchetta ;)
      (dio o chi per esso ne scampi e libberi dell'opzione innominabile)

      Elimina
  11. La penso esattamente come te, bello questo appello al voto ;)

    RispondiElimina
  12. Mi piace il tuo appello al voto. Per le prossime 36 ore la speranza di farcela andrà a 1000.
    Speriamosperiamosperiamo bene, almeno per questa volta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo... però firmati, dai, che gusto c'è a rimanere anonimo se manco mi insulti? ;)

      Elimina
  13. Mia madre in passato l'ha votato Silvio... e avendola sempre sentita sputare veleno su Monti perché ha rimesso l'IMU, non so se ha cambiato idea :( Ci ho provato a farle capire che l'abolizione dell'ICI ha portato al disastro, ma niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la mia, in passato. Ora basta, però!

      Elimina
  14. Risposte
    1. Grazie mille... lavoro doppio per voi lombardi, ne?

      Elimina
  15. "Uno" bravo tempo fa cantava "libertà è partecipazione" e penso che sia tutto davvero qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero... è tutto lì. Ma rivendichiamo sempre la libertà senza ricordarci che la partecipazione richiede anche un po' di impegno.

      Elimina
    2. Il non voto non è disinteresse, non partecipazione. Non sono mai stata così coinvolta nelle elezioni come questa volta ed è la prima volta che non voto quindi, per me, è proprio il contrario. Se avessi potuto votare per nessuno l'avrei fatto. Però, sembra, che fra 6 mesi possa avere di nuovo l'occasione di andare a votare, chissà.

      Elimina
    3. Su quest'ultima cosa mi sa che siamo tutti d'accordo. Sul resto rispetto le tue idee pur non condividendole. L'accettazione delle opinioni degli altri dovrebbe essere il primo passo per il cambiamento.

      Elimina
  16. Votare votare.....hai assolutamente ragione è l'unica arma democratica che possiamo impugnare.......e pure la mia nonna di 80 anni ci è andata ieri...e sotto la neve...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande la nonna di 80 anni. avercene!

      Elimina
  17. Ehm...io nel 2001 l'ho votato. Mea culpa. Poi però basta, lo giuro!

    RispondiElimina
  18. Se siete annoiati e disgustati dalla politica e non vi disturbate a votare, di fatto votate per gli arroccati establishment dei due principali partiti, i quali, potete starne certi, stupidi non sono, ma anzi hanno una consapevolezza profonda di quanto gli convenga mantenervi in una condizione di disgusto e noia e cinismo, fornendovi ogni possibile motivazione psicologica perché il giorno delle primarie ve ne stiate in casa a farvi i cilum guardando Mtv. Sia chiaro: avete tutto il diritto di stare a casa, se volete, ma non prendetevi in giro pensando di non votare. In realtà, non votare è impossibile: si può votare votando, oppure votare rimanendo a casa e raddoppiando tacitamente il valore del voto di un irriducibile. (David Foster Wallace)

    RispondiElimina
  19. condivido appieno il tuo post, ne ho fatto uno in cui parlo del voto una settimana fa circa :) votare non solo è un diritto ma un dovere di ogni cittadino verso lo Stato ma soprattutto verso se stessi.
    ahahahah hai ragione, anch'io continuo a non sentir parlare chi vota il Berlusconi...!

    RispondiElimina
  20. La chiusa ti è "scappata"? Che simpatica canaglia che sei... Sì, bisogna votare senz'altro. Io ci sono andata Lunedì, Domenica non stavo per niente bene e detto molto fra noi (tanto non ci sente nessuno, no?) non ero convintissima di ciò che stavo facendo.Chissà se il tempo mi darà ragione oppure no.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@