giovedì 7 febbraio 2013

Dal primo libro del profeta Gaeel

In quel tempo dio parlò a Gaeel e disse: "Gaeel, ascolta!"
"Ascoltarti ti ascolto, ma come mai hai la "d" minuscola, dio?" 
"Perchè per un profeta da quattro soldi come te, che non prega mai e va in chiesa quando si ricorda, non vorrai mica che si muova quello con la "D" grande, no?"
"Hai ragione pure tu, ma comunque perchè mi cercavi?" continuo Gaeel, un pelino ridimensionato nella sua autostima... 
"Ti dono un comandamento nuovo" disse dio "devi portare al mondo il mio decalogo del Rispetto". 

  1. Rispetta te stesso/a. Sei la  più importante ricchezza che hai, rispetta il tuo corpo, il tuo pensiero, fa fruttare i tuoi talenti. Da grandi poteri derivano grandi responsabilità (questa non è mia, ma è una figata)
  2. Rispetta le donne. Non si può più accettare che vengano sottomesse, squalificate e troppo spesso (perchè anche una sola volta è troppo) maltrattate e uccise solo perchè fisicamente più deboli. Che poi è l'unica cosa che fa loro difetto rispetto agli uomini.
  3. Rispetta gli uomini. Non sono tutti mostri e possono imparare. E sul loro cambiamento che dobbiamo scommettere.
  4. Rispetta le idee. Anche quelle diverse, soprattutto se diverse: non sono automaticamente sbagliate, portano ricchezza ed in ogni caso, se pronunciate anch'esse con rispetto, male non faranno di sicuro
  5. Rispetta la cultura. Troppo spesso è relegata ad attività per gente snob ed altezzosa. Nessuno si vergogni di sapere.
  6. Rispetta l'ambiente. Ciò che non ha proprietari non è di nessuno, rispetta un campo fiorito come faresti con casa tua. A meno che tu non abbia l'usanza di pisciare sul tappeto del salotto.
  7. Rispetta le cose. Rispettarle significa rispettare chi le ha fatto, i loro sforzi, la loro fatica. Se sono state fatte nel rispetto non saranno cose che possono fare male.
  8. Rispetta il tuo lavoro. Ogni impiego ha le sue fatiche. Se ne hai uno, pensa a chi non ce l'ha.
  9. Rispetta le tradizioni. Non significa che devi rispettarle, ma sono parte di noi, non irriderle
  10. Rispetta i bambini. Quelli voluti, quelli non voluti. La gioia per quelli nati ed il dolore per quelli non nati. Nonostante tutto sono ancora l'unico modo per far andare avanti il mondo. Questo decalogo è per loro.
“Scusa, …. dio...” disse allora Gaeel, “Ma non avevi già detto una volta «Ama il prossimo tuo»? Non era sufficiente?"
"Di per sé lo sarebbe anche stato... ma questa settimana tutti parlano d'amore pensando ad un cioccolatino... proviamo con Rispetto. Però fa il bravo, comincia con insegnarlo ai tuoi bambini"
"Ci provo, dio, ci provo".
 

questo post  partecipa al  blogstorming di genitori crescono


31 commenti:

  1. "Nessuno di vergogni di sapere" mi piace da morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Nessuno si vergogni di sapere" volevo dire!

      Elimina
    2. Contento che ti piaccia ;)

      Elimina
  2. wow! Importante.
    E sul mio blog c'è un premio per te (E' un Bridimondo, su Libero).
    Grazie e ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, grazie mille...
      Ma non riesco a commentare... forse perchè non sono registrato... grazie tante.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Fa un po' impressione come nome... non so se ti conviene ;)

      Elimina
  4. Rispetta le idee...
    Rispetta l'ambiente...
    Al tuo decalogo non manca niente: e provarci non fa male a nessuno.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  5. Come hai ragione! Dio, poverino, l'aveva detto di amare il prossimo tuo, un bel po' di anni fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, vero? Chissà se con il rispetto avrà più fortuna

      Elimina
  6. Decalogo perfetto... dovrebbe far riflettere un sacco di persone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi accontenterei che mi tornasse in mente e facesse riflettere me ;) Grazie, comunque

      Elimina
  7. Non so: io penso che dall'Amore già derivi sempre e comunque il Rispetto, mentre non è detto che il Rispetto, di per se stesso, abbia a che fare con l'Amore: si può "rispettare" anche per paura, per servilismo, per egoistico calcolo, per conformismo, per convenienza, per automatismo non pensato, per ignoranza...
    Resto ancorato al Comandamento unico: AMORE.
    E poi non sopporto i decaloghi: perché non 9 o 11? Vabbè che abbiamo dieci dita, ma... :-))

    Un doppio abbraccio, visto quello che hai sul comodino... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto ridere perchè inizialmente avevo pensato ad un decalogo di 9.. poi mi sembrava troppo cialtrone: per quanto abbia la d minuscola è pur sempre un dio :)
      D'accordo sull'amore come comandamento unico. Però non credo che il "vero rispetto" nasca dalla paura o da altro... quello può sembrarlo, ma non lo è...
      Il tuo libro mi sta piacendo un sacco

      Elimina
  8. Mi piace questo decalogo, profeta Gaeel!
    Lo insegnerò alle mie gnome.

    RispondiElimina
  9. Massimo rispetto. In tutti i sensi :)

    RispondiElimina
  10. Il rispetto è ciò che ho messo al primo posto con mio figlio. Si può anche non condividere o non amare, capita, ma il rispetto porta sempre e solo cose buone.
    Un decalogo degno dei tuoi predecessori, Gaeel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orco can! Han fatto tutti una brutta fine. Smetto subito ;)

      Elimina
  11. La cosa più bella che mi hanno detto le maestre di Anna al colloquio è stato "è una bambina che ha il senso del rispetto" EVVVAI!
    allora a furia di insistere lo imparano ;)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@