martedì 8 marzo 2016

I believe in miracle! Where you're from?

Se c'è una cosa che mi fa incazzare è la retorica dell'8 marzo. 
Non pensavo che la festa della donna fosse ancora una festa così sentita, e per certi aspetti sono contento che lo sia, ma la retorica proprio non la sopporto.
Oggi il color mimosa impazza: sulle bacheche di facebook, nei gruppi whatsapp, nelle vetrine dei negozi.
Gattino-mimosa, che ha preso il posto di gattino-cuoricino, che a sua volta era subentrato al natalizio gattino-babbonatalino.
Sempre accompagnato da scritta in sovraimpressione con frase di persona famosa o attribuita a persona famosa.
Quando la persona famosa non fosse disponibile si può sempre attribuirla in modo assolutamente arbitrario ai Peanuts, a Mafalda o ai Puffi. Come vi piace meglio.
Oltretutto fino a ieri, molti di quelli che oggi mimosano gareggiavano all'insulto sessista contro la ministro Boschi, l'astronauta Cristoforetti, la ragazza violentata sul giornale o anche semplicemente con la mamma che non risuciva a parcheggiare all'asilo.


Si, insomma, mi stride un po' che oggi uno mi dica che la donna è stata creata da Dio, che sia stata baciata da un angelo prima di scendere sulla terra, che senza di lei il mondo crollerebbe, quando fino a ieri si dava fiato al reportorio più becero dell'universo mondo.

Però perché giudicarli affrettatamente, magari il problema è che semplicemente non hanno trovato in internet delle mimose con le loro frasi preferite.
Quindi eccomi qui, pronto a colmare il loro vuoto.
Divertitevi, sessisti del cazzo





6 commenti:

  1. per le feste è sempre così... la cosa importante secondo me è che uno faccia sempre quello che crede indipendentemente dalle mode. Se uno vuole festeggiare non ci sono problemi ci mancherebbe, sarebbe coerente però rispettare sempre l'essere umano, a prescindere che sia uomo o donna.
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Infatti io ce l'ho con chi non rispetta. ;)

      Elimina
  2. Concordo su tutta la linea!

    RispondiElimina
  3. Oohhhh finalmente un post come si deve sull'8 marzo!
    Che poi, da donna, sono arrivata alle ore 11 di quel giorno già con i nervi scorticati da decine di messaggi di altre DONNE, con disegnini e auguri melensi che....no basta, non dico più niente!

    RispondiElimina
  4. Notevole, notevolissimo post

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@