martedì 14 ottobre 2014

Michael Pholp

Ho ricominciato a nuotare.
Si, 45 minuti a settimana forse non è proprio il caso di chiamarli "nuotare" ma questo è quanto.
Dallo scorso anno porto tutta la ciurmaglia in piscina al giovedì. Uno dei momenti più belli della settimana ma anche uno dei più faticosi.
Tra parentesi: ma 'sto mito dei genitori che fanno fare troppe attività extra ai bimbi? È vero?
Se è vero, come fate? Dove le trovate le energie?
Lasciando stare tempo e soldi che sono un altro discorso. La risposta forse sta nel gruppetto di tate straniere che portano uno s'ciapo di rampolli di qualche nobile casata in piscina alla stessa ora. Non vale, però: non c'è gara se c'avete la tata che ve li scarrozza.
Ma torniamo a noi: una volta a settimana che di più non si può. Vorrebbe dire andare a lavorare a chissà che ora per finire a chissà che altra. No no no.

La piscina dove andiamo ha una caratteristica, oltre che essere gestita da mio papà: è calda. È calda l'acqua ed è caldissimo l'ambiente.
Così lo scorso anno mi preparavo in assetto da competizione già al mattino: t-shirt fiqua invece della maglia della salute, che se devi rimanere in maniche corte almeno che tu non abbia la canotta de nonno. Pantalone non eccessivamente attillato (che pesando quasi 100 kg non era mica facile da trovare). Calzini senza buco.
E comunque sudavo mentre li cambiavo tutti e tre in rapida successione. Anche puntando all'autonomia sudavo. Pure di più, ad onor del vero.
Poi avevo l'illusione di questi 45 minuti di pace.
Pia illusione, si direbbe. Una volta la signora che pulisce lo spogliatoio non trova la scala e nemmeno mio padre e chiede a me (che notoriamente so dove mio padre mette la scala), una volta mio padre deve farmi fare un lavoro, una volta mi chiamano al telefono per una cosa che non può aspettare domani, una volta ci sono i nipotini da guardare, un'altra volta trovi la compagna del liceo che ti attacca il bottone, poi ce la mamma dell'altra bimba che vuole sapere cosa ne pensi dell'istruttrice... insomma: addio 45 minuti di tranquillità.
Così ho pensato: invece di bollirmi di umidità e di facebook mi tuffo in acqua e provo a vedere se questa benedetta spalla destra trae un minimo di beneficio facendo un po' di esercizio.
Funziona.
No, non per la spalla, che fa sempre male, ma per i 45 minuti di tranquillità.
In corsia ci sono due dodicenni sprintosi che probabilmente mi vedono come io vedevo il 40enne barbuto in corso con me quando avevo 12 anni: un rompicoglioni fuori posto.
Poi c'è una mamma con un fisico da pin-up che se l'avessi avuta in corso a 12 anni avrei nuotato tutto il tempo con la deriva bella fissa che manco Luna Rossa.

Insomma, questa cosa mi piace. I bimbi sono contenti, ogni tanto dalla loro corsia mi salutano, ma la maggior parte delle volte neppure mi calcolano. Ci si lava e ci si veste assieme ed alla sera si dorme il sonno dei giusti.
Adesso cerco il modo di mettere una segreteria telefonica personalizzata per il giovedì: chiamate domani, sono occupato ad essere felice.

10 commenti:

  1. Vabbè dillo subito: ti stai dando al triathlon. W l'Ironman GAE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parlavo poco tempo fa con mio fratello, credo che avrei decisamente meno problemi a finire un triathlon senza grosse pretese che una maratona. A nuoto vado ancora che è una bellezza.

      Elimina
  2. Splendido, con la deriva ho fatto una sonora risata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non darmi corda Mafalda che poi a sparar minchiate non mi fermo più ;)

      Elimina
  3. Effettivamente, quella della deriva non è niente male! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, sono le stupidaggine che si dovrebbero raccontare davanti ad una birra ;)

      Elimina
  4. Splendido, nonostante la chiave ironica di tutto il post l'ultima frase mi ha commossa! Anche io ho 3 figli (anzi figlie!) e vedere un padre darsi da fare con spontaneità e amore mi fa bene al cuore, soprattutto in questo momento...ciao, Lia

    RispondiElimina
  5. Ora ho capito, scusa, sei El_Gae che commenta spesso i post di Valentina...riconosco lo stile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riconosci lo stile delle risposte o lo stile di Valentina? Nel secondo caso sarei un copione ma avresti comunque fatto un gran complimento ;)

      Elimina
  6. Intendevo lo stile delle tue risposte, ironico e simpatico!!! ciao

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@