martedì 18 marzo 2014

Niente regali alla festa del papà


Caro San Giuseppe,
so che domani è la tua festa, per te come per tutti i papà, però perdonami ma io non ho pensato di farti nessun regalo.
So che sei stato un uomo eccezionale, hai inventato il concetto di MILF e, oltretutto, hai pure soprasseduto sulla F, perché eri un vero signore (anche se i Vangeli apocrifi ti accreditano una novantina d'anni per cui, senza Viagra, direi che non è stato tutto sto sforzo).
Ma non perdiamoci in sottilette, ok?
Sei stato il primo a pensare che la donna potesse essere qualcosa di più che un buco da riempire quando non avevi il calcetto, il lavoro o lo spritz time con gli amici. E so anche che non la pensavi come una mera esecutrice dei lavori domestici, quella che doveva farti trovare in tavola il minestrone con la teletta sopra appena rincasavi o che doveva lavare e stirare per tutti. Che già gli andava bene che avevate un figlio solo, che guarda, non venirmi a dire pure tu che triboli di più con uno perché ti prendi una randellata, ti prendi.
Ma insomma, tu sei stato un grande ma è ora anche di finirla con questa storia, ok?
Ci riflettevo un paio di settimane fa, che stavo stirando due cose finché mia moglie era andata a trovare uno zio in ospedale: “Dai, ragazzi, stiriamo che facciamo un regalo alla mamma”.
Complimenti El_Gae, potresti dirmi tu, che sei il mio faro, ottima scelta di frase.
Forse che ti senti di aver ricevuto un regalo quando tua moglie stira? Non preferisci un pacchettino da scartare, o un dolce alla crema?
È un regalo il bagno lavato, il letto rifatto, la lavastoviglie scaricata?
C'hai raggione, Peppe, che te devo dì?
E poi, continueresti, proprio davanti ai figli? È così che cerchi di crescerli nella parità dei diritti e dei doveri?
Si si, ho sbagliato, scusa...
Ma Peppè, perdona a papà, torniamo in tema e piantiamola con i dialoghi che questa è una lettera e non una sceneggiatura.
Direi che proprio tu che sei stato il precursore di una visione moderna della donna dovresti essere il primo a ribellarti, a dire che è ora di finirla che la festa del papà non serve più a nulla, non serve soprattutto lontana dalla festa della mamma. Facciamo la festa dei genitori, come quella dei nonni. Facciamola due volte, se il problema è far quadrare il consuntivo delle feste ma lasciamo all'amore dei figli la distinzione.
Dai Giuseppe, sei stato il primo vero rivoluzionario della storia, con in più la mitezza di una persona che non si è mai messa sotto le luci della ribalta, fatti coraggio, ribellati.
Ti aiuto io.

32 commenti:

  1. Si, la festa dei genitori mi piace tanto tanto. Beh comunque, nell'attesa, auguri per domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo oggi, per cui grazie ;)

      Elimina
  2. Post bellissimo.
    E approvo in pieno la festa dei genitori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Ford, sapevo che potevo contare su di te ;)

      Elimina
  3. Ma si, una bella festa dei genitori mi piace!Però gli auguri per domani te li faccio lo stesso!!

    RispondiElimina
  4. ma quanta ragione hai??? anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so... io ho il mio pensiero ma non pretendo di avere ragione ;)

      Elimina
  5. Ma tu sei proprio un grande! Soprattutto nella parte sulla parità dei diritti, un pensiero il tuo non il linea con i tempi, anche se sembra impossibile...
    W i genitori, anche quelli che avrebbero molto voluto esserlo, ma non ci sono riusciti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva i genitori. Grazie mille del commento.

      Elimina
  6. Trovo questo post molto ben scritto, ma non lo condivido. Queste ricorrenze sono soprattutto per i bambini e non vedo perché, per fare i progressisti, dobbiamo necessariamente abolire tutto quello che c'è stato finora! Che senso avrebbe festeggiare due feste dei genitori solo quello di attribuire un nome diverso alla festa del papà e delle mamma e sentirci avanti? Lasciamo che i bambini preparino i loro lavoretti e imparino le loro poesie e continuiamo a collaborare in famiglia, senza che ciò sia qualcosa di eccezionale, ma la sacrosanta normalità! W Giuseppe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi fa piacere il tuo commento perché mi permette di spiegare meglio un aspetto: non stiamo parlando dei moduli dell'INPS con scritto Genitore 1 o Genitore 2, e nemmeno di cambiare i nomi alla festa. Nemmeno della festa, a ben guardare. Stiamo parlando di cambiamento culturale. Sono d'accordo: non togliamo la festa ai bimbi. Cerchiamo però di superare le differenze, gli stereotipi, l'idea dei ruoli ben definiti. E lo dico non perché ho la consapevolezza io per primo che questa non è ancora la sacrosanta normalità.
      Poi stasera mi ascolterò la poesia dei miei bimbi, mangero il dolce e mi prenderò i miei auguri ed i miei baci.

      Elimina
    2. Sul superamento degli stereotipi sono d'accordissimo, non penso però che si cambino fondendo la festa della mamma e del papà. I bambini sono più avanti di noi e se ne fregano delle etichette che noi vogliamo affibbiare ad ogni singolo essere della società.

      Elimina
    3. Si, stiamo dicendo la stessa cosa... l'articolo era volutamente iperbolico ma in fondo il senso è lo stesso.

      Elimina
  7. Amo le cose che non "servono a nulla", mi spaventano di più quelle che servono. Perchè mi piace apprezzare - e vivere - quello che l'inutilità spesso genera. In fondo è più gratis dell'utile. Aggiungiamo pure la festa - mi auguro inutile - dei genitori, ma non aboliamo per forza qualcosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te, Vitto, dico quello che ho detto a MammaCreativa: il problema non è la festa in sé. Si può tenere così com'è. Il problema è la cultura di fondo in cui un padre progressista (che quindi sgrava di alcuni compiti la madre) è considerato bravo, mentre è il padre che non lo fa che dovrebbe semplicemente essere considerato un coglione. Lo dico con te, perché so che non mi fraintendi e che la pensi allo stesso modo.

      Elimina
  8. bellissimo post, amo il concetto di padre così come l'hai descritto tu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo amo anche io. Non sempre riesco a metterlo in pratica, lo ammetto.

      Elimina
  9. Mi è piaciuto il tuo post, ma rilancio: non solo perchè è incredibile che ancora oggi apparecchiare e aiutare in casa sia "a-normale", o peggio considerato un regalo, ma anche perche le famiglie sono di tanti tipi diversi (una mamma single, un papà single, due mamme, due papà, famiglie allargate...) e una festa dovrebbe includerli tutti. E' anche vero cosa dice MadreCreativa, ma non è per "sentirsi avanti", ma solo per evitare esclusioni, che credo sia necessario sfumare un po' i confini, a mio parere, le differenze arricchiscono sempre se gestite con serenità e senza paure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto il tuo commento e ti ringrazio per averlo scritto. Altro, credo, non serve aggiungere ;)

      Elimina
  10. San Giuseppe era troppo avanti….ne ho le prove

    http://patronatosanvincenzo.myblog.it/2013/02/25/martedi-26-febbraio-131/

    Lucio Massari Sacra Famiglia del bucato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sublime citazione. E pure molto colta... mi alzi la media del blog :D

      Elimina
  11. Impossibile alzare la nedia del tuo blog. Ottimo post Buson!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... ma non è vero dai, a volte sono sciatto e volgarotto ;)

      Elimina
  12. E anche la festa del genitore 2 ce la siamo levata dalle p... Spero che stasera mia moglie mi abbia stirato tutte le camicie, altrimenti faccio andare la cinghia. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo... ci teniamo alle tradizioni, noi padri :D

      Elimina
  13. Hai detto bene gae...non c'è posto migliore della famiglia dove sperimentare e toccare con mano la collaborazione...altro che regali 😁

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@