martedì 9 aprile 2013

Volevo scrivere una cosa e poi ne ho scritta un'altra


La coppia è importante. Che ve lo dico a fa?
Ci sono centinaia di scritti su quanto sia importante prendersi degli spazi come coppia, non farsi assorbire completamente dai bimbi, dalla gestione della casa e dal lavoro.
Anche il singolo è importante. Che, te lo devo ricordà io?
Non puoi annichilirti sulla coppia. Non siete un unico indivisibile: impara a prenderti i tuoi spazi.
Silver ed io ci abbiamo sempre creduto a questa cosa. Ma davero, davero (ma perchè oggi mi scappa sto accento romano?)
Infatti sabato scorso siamo andati al cinema. Come ogni... dunque, ogni quanto è che ci andiamo?
Ogni settimana, ogni mese, ogni volta che esce un film grandioso che non possiamo proprio perderci, ogni volta che c'è il cinema gratis... Insomma l'ultima volta c'eravamo andati nell'agosto del 2008, “Il Cavaliere Oscuro”. Eravamo andati in Vespa e s'era presa pure la pioggia al ritorno.
Poi era stato tutta una gravidanza (la seconda delle quali fatta praticamente sempre a riposo) e, quando finita la gravidanza ben che andasse un DVD.
Poi c'è stato un weekend benessere (24 ore nette, a dire il vero), un concerto, una mostra di pittura e qualche messa con il coro senza figli, che di solito ce li portiamo appresso (In quasi cinque anni, che botta de vita, aho!)

Perchè? Direte!
In fondo sono io che mi vanto di quanto siano splendidi i nonni, la baby sitter, gli zii.
Ma proviamo a fare una simulata.
In una settimana ci sono 168 ore.
Mettiamo che se siete fortunati riusciate a dormirne 6 per notte. Ve ne rimangono 126.
Se siete ancora più fortunati fate parte di quell'universo sempre più parallelo degli italiani che hanno ancora un lavoro a tempo pieno: togliete altre 40 ore di lavoro effettivo e un'ulteriore decina per i trasferimenti e gli straordinari.
76 ore “libere a settimana.
Ma se siete di quelli che una sera dovete uscire con vostra moglie per forza... Cosa facciamo, pizza e cinema? 4 ore, viaggio compreso e se non vi piace andare alle retrospettive su Ben Hur.
Qualche momento per te, da solo. Io corro tre volte a settimana. Mettiamo che tolgo 3 ore, tre ore e mezza.
68 e mezza vi rimangono tutte per stare con i vostri figli.
Ehi, ehi, non è così semplice, aspetta.
Se i bimbi sono piccoli come i miei, devi mettere in conto che, almeno in teoria, vanno a letto molto prima di te, diciamo almeno un paio d'ore a sera. Togli 14 ore.
A quanto siamo? Ah, si, 54 ore e mezza.
Mettiamo mezz'ora per colazione: 3 ore e trenta.
Un'ora a pasto, che però nei giorni lavorativi si limitano alla cena: altre nove.
Ne rimangono 42 (leggasi: quarantadue).
Quarantadue ore libere da passare con i figli.
A volte sembrano tantissime e sei sfinito e non passano mai. A volte volano, crescono che ti scappano via. A volte torni che stanno andando a letto e ti abbracciano che ti fanno pentire di non essere tornato prima.
A me non piace dare consigli, a me piace stare bene. E io sto bene se vado al cinema e non penso ai miei figli. Se devo andarci con l'ansia preferisco stramazzare morto sul divano come ogni sera. 
Qualche volta capita di stare con i figli e di voler essere al cinema ma questa è un'altra storia e molto spesso dipende da una stanchezza che non è giusto imputare solo ai piccoli. 
  
Sabato ci siamo divertiti ed è stata una bellissima serata, grazie ai nonni che sono stati con i bimbi. La sera prima li avevamo portati tutti e tre al coro perchè potessero andare al cinema i nonni. 
Anche di questi piccoli do ut des è fatta la nostra felicità.

23 commenti:

  1. "... a me piace stare bene". Grande filosofia... concreta. Due sabati fa i nostri due hanno dormito dalla nonna. Erano contenti, si sono preparato lo zainetto da soli... e noi al cinema. Rigorosamente primo spettacolo... chissà perchè il secondo non lo reggiamo più. (ps. mia moglie dorme minimo 10 ore a notte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche la nostra scelta di film si concentra su proiezioni a basso rischio soporifero ;)

      Elimina
  2. Hai perfettamente ragione. E da quando faccio parte del magico mondo dei genitori lavoratori, me ne rendo conto ancora di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già! Anche il part time assume altri contorni...

      Elimina
  3. Anche a me ha colpito molto la frase "a me piace stare bene" ed anche la parte precedente, peccato che nessuno la metta in pratica nei confronti miei e di marito!
    Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti.
      In effetti noi siamo fortunati, si. Ma cerchiamo di non abusare della nostra fortuna...

      Elimina
  4. E i miei di nonni che tengono la tribù ogni santo giorno, dal lunedì al venerdì, tutto l'anno tranne la settimana di ferragosto e quella di Natale, non me la sono ancora sentita di rubar loro anche un sabato sera. Sono più di 8 anni che non usciamo da soli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che finchè i bimbi sono al nido e alla materna l'impegno dei nonni è limitato ad un paio d'ore per due-tre volte alla settimana (la fortuna di averli tutti e quattro in forma).
      Per questo una volta all'anno ci si concede l'ora d'aria. Ma più che prendersi gli spazi, in realtà, ci piace l'idea di poterlo fare. È come una sorta di uscita d'emergenza che sai che potresti usare. Poi la lasci chiusa.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Si viva. Ma non gasiamoli troppo ;)

      Elimina
  6. Proprio oggi il nostro terapista ci ha ri-detto di prenderci più tempo per noi, senza Alex. Questo sia per aiutare noi adulti (e la nostra sanità mentale di singoli e di coppia) sia per lui (che stare senza genitori sul groppone fa bene pure a lui).
    Ora ci servono volontari ... ok, cerchiamo una baby-sitter :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ne abbiamo una fantastica! Mannagg... ad abitare vicini ve la presterei ;)

      Elimina
  7. Il calcolo e le 42 ore che restano fanno un po' impressione, mi consolo pensando che appena ri-emigrati -e quindi non solo senza nonni, zii, cugini, famiglia tutta, ma anche ancora anche senza amici- non abbiamo proprio tanta scelta. Bè sì resta il tempo per noi da soli che cerchiamo di ritagliarci, non ci fosse quello penso che impazzirei Il calcolo e le 42 ore che restano fanno un po' impressione, mi consolo pensando che appena ri-emigrati -e quindi non solo senza nonni, zii, cugini, famiglia tutta, ma anche ancora anche senza amici- non abbiamo proprio tanta scelta. Bè sì resta il tempo per noi da soli che cerchiamo di ritagliarci, non ci fosse quello penso che impazzirei

    Ma cos'è che volevi scrivere invece?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte basta anche un sacchetto di patatine sul divano, assieme, quando i piccoli dormono ;)

      Elimina
  8. Io e Papozzo non siamo ancora riusciti a farci un'uscita soli, proprio perchè non staremmo bene, avremmo sempre quell'ansia, quel pensiero. E allora preferiamo andare limitatamente da qualche parte adatta anche a loro e con loro. Per ora va bene così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cosa non esclude l'altra, naturalmente. Per noi la maggior parte delle attività è in funzione del nuovo assetto familiare. Sarebbe stupido se non fosse così.
      Dico solo che una volta ogni tanto, potendo, non fa male proprio a nessuno.

      Elimina
  9. Anche noi siamo per qualche uscita di coppia. All'inizio parlavamo solo di lui e ci sentivamo pure in colpa, però abbiamo capito che si tratta di momenti importanti per la coppia e che è doveroso ritagliarseli. Insomma non solo non fa male a nessuno, ma a nostro avviso fa bene a tutti.
    Se posso fare un appunto ai tuoi conteggi orari, io non toglierei il tempo dei pasti, se la famiglia li passa insieme, perchè il mangiare tutti intorno al tavolo è un momento di condivisione, crescita e anche educazione, importante tanto quanto giocare insieme o fare qualsiasi altra attività.
    ciao
    francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sta proprio nell'equilibrio tra la varie cose. Non va trasmesso ai bimbi il fatto che sono un peso.
      Il pasto, è vero, fa parte dello stare insieme. Diciamo che non sempre è uno stare insieme spensierato e costruttivo... ci fanno impazzire ;)

      Elimina
  10. IO lo sai come la penso. Penso che una coppia affiatata non abbia alcun bisogno di "ritagliarsi" degli spazi per sé. Semplicemente, si ama e si parla e ride e scherza nella vita normale, comune, quella che ha scelto. Anche nella stanchezza atomica. Alla sera ha persino voglia di scopare, vedi te. A me la fatica non spaventa per nulla, lo sai. Mi viene una certa orticaria all'idea che per forza mi devo ritagliare qualcosa per noi. Noi siamo noi e i bambini, per forza. e lo so che l'ultima volta che siamo andati al cinema noi due era marzo 2008 e io ero incintissima, questo non importa. Ma il tempo per i bambini è poco e ci sfuggono via, e se faccio qualcosa senza di loro, come a volte succede, mi mancano troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo un po' più su, forse ci è più d'aiuto l'idea di poterlo fare, che farlo.
      Non vorrei aver dato l'idea di uno che muore se non ha i propri spazi. Non ne abbiamo, non ce li prendiamo... a parte sabato scorso.
      Hai detto bene: noi=tutti e cinque
      Ma non biasimo chi se li prende...

      Elimina
  11. C'è chi ha uno sfogo d'orticaria se non ha la serata libera almeno una volta alla settimana e chi all'idea di staccarsi dal figlio si fa venire un attacco di panico.
    Noi siamo più per il "fai quello che ti senti". A volte non avvertiamo la necessità di lasciarlo, magari coi nonni, per prenderci una serata da adulti, anche perché stando fuori casa tutto il giorno, la sera non vedi l'ora di coccolartelo un po' e stare a giocare coi lego che lui puntualmente distrugge.
    Certo parlo bene io che, almeno ancora per qualche mese, ne ho uno solo da gestire.
    Magari tra un anno avrò la psicosi del "lasciali appena puoi"
    Con la scusa, ti invito a passare dalle mie parti a dare uno sguardo ad una cosa per te.
    V.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@