venerdì 19 aprile 2013

Parliamo del cane


Serve una legge per gli affidi
Ormai è alla luce del sole. Solo i miopi, distratti, egocentrati politici italiani possono vivere senza rendersi conto che è quanto mai opportuna una revisione delle regole degli affidi e delle adozioni.
Anche la normativa sulla fecondazione va rivista decisamente: troppi vincoli, troppa burocrazia, troppi retaggi culturali antico-testamentari (si potrà dire così? Mah!)

Certo non è semplice, in effetti un bambino non è che si possa affidare a cuor leggero a nessuno. E d'altro canto, da credente, dovrei pensare che se Dio, che tutto vede e tutto sa, non concede il dono di un figlio ad una mamma, forse ha pure i suoi bravi motivi. Non importa se non li conosco, mica posso sapere tutto pure io.
Perchè poi ogni giorno se ne sentono di tutti i colori: figli picchiati, abusati, talvolta uccisi.
Come si fa ad affidare bambini a gente così?
E le storie, come quella di stamane alla radio, di una giovane donna, madre di due bimbi, uccisa dall'ex, padre delle bimbi che poi si è sparato. Che vita hanno davanti ora: orfane di tutto, perfino del ricordo di un padre degno di questo nome?
Come dite, scusa? 
Questo non succede solo con i bambini adottati o nati dopo Fivet?
Ah, no? 
 
Allora mi viene un dubbio: ma se Dio è così selettivo con chi non deve averne, perchè non usa lo stesso metro con chi invece riesce ad averne di figli?
Povero Dio. Potesse almeno mandare una lettera come la Gabanelli:”Ragazzi, grazie della stima, sono commosso, ma io sono capace di fare altre cose”. 
 
E intanto, finchè continuano le violenze domestiche e si tagliano ulteriormente i fondi per i minori, un sacco di giudici, di vescovi e di esperti si mettono di là di una scrivania a dare giudizi e a legiferare e a stabilire a chi si possa far adottare e quanti embrioni impiantare e fino a dove (“ma dici che se li lascio lì nei paragi poi sono già sufficientemente autonomi per arrivare a destinazione?”)

L'altra sera al lavoro facevamo un gioco: siamo in una barca che affonda e bisogna decidere qual'è la cosa fondamentale da portare con noi. Tra le varie cose, più o meno indispensabili, c'è il cane, mascotte del gruppo. Nel gioco siamo tutti affondati, non abbiamo scelto in tempo. 
Abbiamo parlato per un quarto d'ora di che razza potesse essere il cane, per capire se stringendosi poteva starci anche lui magari sopra la cassa dei viveri o dei medicinali. Perdendo di vista l'obiettivo, che era salvarsi, con o senza cane.
Ecco, a volte ho l'impressione che siamo in tanti a parlare del cane.

26 commenti:

  1. ... in qs periodo sono sull'ica**ato andante. Tutti queste menate: nomi, alleanze, tutti via, tutti qui, il bravo sono io, le stronzo sei tu... vogliamo il governo, no meglio le commissioni... e ci si gira intorno e tutto davvero sta andando a pu***ane. Ma è possibile che non esista un briciolo di consapevolezza di quanda sofferenza reale stia emergendo da chi ormai ha perso la speranza... Come dici tu mancano le leggi per l'affidamento (o sono limitate... non conosco bene la materia), ma ne mancano un sacco per la famiglia, manca la voglia di darci un futuro.... ci sono 4.000.000 milioni di persone che fanno fatica a mangiare... Gae checcavolo si può fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato in pieno... il problema è proprio che questa modalità la propongono per tutto.

      Elimina
  2. eh, ben detto, Gae!!
    Pero' a me l'assistente sociale aveva detto che l'affido e' parecchio semplice, ci sono moooolti meno paletti che per l'adozione, proprio perche' e' una cosa talmente difficile da fare (il bambino non sara' mai tuo per sempre, devi mantenere i contatti con la famiglia biologica, che spesso rovna il lavoro che fai col bambino ecc ecc), che pochi sono disposti a farla. Mentre per l'adozione ci sono tantissime famiglie in attesa.
    E' una questione complessa e intricata, pero' devo dire che m'era sembrato ipocrita che mi dicessero che non potevamo adottare perche' G era ancora piccola, mentre se volessimo accogliere un bimbo in affido ci riterrebeor idonei (G compresa) immediatamente...
    C'e' tanto tanto da fare e da migliorare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paradossi, vero? Senza contare le situazioni, che ti assicuro conosco, che riescono a portarsi a casa dei bimbi anche senza il parere favorevole...

      Elimina
  3. Dio è un bellissimo personaggio di fantasia,come Batman e Tex Willer ( che a differenza sua fanno solo del bene). Eppure, in suo nome, grazie al vaticano e a politici ipocriti, che vanno in chiesa tanto quanto vanno a puttane, il nostro paese è fermo al medioevo.
    Sulla barca ci porterei libri e musica.Il resto è inutile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te.

      Elimina
    2. Nel vostro caso non credere è una facilitazione. Io purtroppo mi trovo in contrasto con le mie convinzioni. Alla fine ho risolto credendo a Dio ma non alla CEI

      Elimina
  4. Io sostengo da tempo che se prima di slegare le tube a certa gente gli facessero la metà delle indagini che fanno a chi vuole adottare, il mondo sarebbe migliore.
    Il fatto che tu ti POSSA riprodurre, non significa che tu DEBBA.
    Quanto all'affido ahinoi l'interesse per i figli non si può imporre per decreto (so di cosa parlo) come si fa con un assegno mensile.
    Serve cultura e con questo ho detto tutto. Ovvero quanta speranza c'è.

    RispondiElimina
  5. a Milano stanno facendo una campagna enorme sull'affido, col piffero, per adottare non vi sono andata bene, per l'affido sì? Così - cosa capitata di recente ad amici ai quali giuro al primo colloquio coi servizi sociali si sono sentiti dire: "ma perchè volete adottare? dai prendetevi un cane!" (a proposito di cane, giuro che non me la sono inventata) così dicevo dopo un tot mentre tento di creare un rapporto un legame con un ragazzino difficile torna la mamma e ciao ciao.
    E' uno schifo Gae, fammi andare a stirare che mi parte l'embolo e di venerdi sera no, ti prego no che mi rovino il weekend. bacio grande Sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco infatti, Sandra, hai detto tutto...Bacini

      Elimina
    2. Ma hai chiesto la razza del cane? :D
      No, dai era per sdrammatizzare, ho capito benissimo il problema.

      Elimina
  6. Uh spondi una porta aperta. Questo post avrei potuto scriverlo io quanto sono infuriata con i legislatori in materia di adozioni e di pma! Io perdo la voce dietro certi ragionamenti.
    Grazie per averlo scritto così bene.
    Raffaella

    RispondiElimina
  7. Si, siamo in tanti, troppi, a parlare del cane...
    Si perdono di vista i problemi reali e sopratutto le soluzioni più immediate.

    RispondiElimina
  8. ecco, mille cose da dire sull'argomento e nessuna voglia di tediare tutti... se Dio c'è, ha strade talmente tortuose, a volte, che 2 su 3 noi non le capiamo. tutto qui.

    Baci grandi a voi!

    RispondiElimina
  9. hai centrato l'argomento ne parlavo giusto oggi con un'amico alle prese con l'adozione e che brucerebbe volentieri la macchian statale italiana e prese per i fondelli annessi...HAI RAGIONE..raccogliamo firme facciamo qualcosa...ci sono famiglie piene d'amore e bambini soli che non riescono ad incontrarsi grazie a incompetenti e burocrazia...:-)

    RispondiElimina
  10. non averti saputo dirla meglio. a volte bisogna riderci un po ', sulle cose, per non esaurire le lacrime

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@