martedì 8 maggio 2012

Flashback - Auguri Marichan

Sabato Marichan ha fatto tre anni.
La mia piccola, meravigliosa, pucciosa, dolcissima primogenita ha già tre anni. Marichan è la bambina più bella del mondo. Lo dicono tutti, mica solo io. Ha due occhi che sono due perle nere che più nere non si può




Per la strada la gente ci ferma per guardarla meglio, e tutti a dirci quant'è bella. (Silver dice che forse la gente si chiede come sia possibile una tale bellezza da due rutti come i genitori, ma questa è un'altra storia).

Quando è nata me lo ricordo ancora;
avevamo passato il primo maggio in reparto, prima per una visita dopo, poi la sera, dopo che il ginecologo le aveva fatto bere l'olio di ricino, ed erano partite le contrazioni. Niente.
Il 5 maggio c'era l'induzione del parto. Al mattino di buon ora ho accompagnato Silver in ospedale. Poi mi hanno cacciato. La prima di una lunga serie di vessazioni femministe tipiche del reparto di ostetricia. Potrebbero volerci anche tre giorni, mi dissero.
Tornai a casa; quel giorno al lavoro non mi aspettavano, tanto valeva recuperare un po' di sonno. Per evitare rotture di maroni ho chiamato tutto il parentado che sapeva dell'inizio delle "operazioni di atterraggio" per farli stare tranquilli. Naturalmente non ho chiuso occhio. Mi sono fatto un panino e sono andato in ufficio. Nemmeno il tempo di accendere il computer.... DRIIIINNNN!
"Sono io, sono in travaglio" clic.
I quindici chilometri che mi separavano dall'ospedale li ho coperti credo in un tempo impossibile. Ho parcheggiato la vespa praticamente in sala parto.
Poi per un paio d'ore tutto tranquillo. Silver che non produce un suono, solo una smorfia durante le contrazioni più forti...
Poi, ad un certo punto, l'ostetrica nota che il battito di Maria si è abbassato... Inizia una scena da incubo: infermiere ed ostetriche che corrono, medici che chiamano altri medici, chiamate la Marisa. Arriva la Marisa, un'otetrica palestrata con tanto di tatoo sull'avanbraccio che si è posiziona sopra a Silver nel tentativo si fare uscire Mary come la crema da un bignè troppo guarnito.
Senza accorgermente sono vicino alla porta. Mi dicono di uscire, cesareo d'urgenza.
Non credo serva parlare del dopo, dell'attesa. Ricordo il piccolo acquario con i pescetti azzurri della sala d'attesa, e il pittore che dava il bianco alle scale di emergenza.
Escono due ostetriche con Maria in un'altra vaschetta, simile all'acquario di prima. Sono le 16,30.
Aspetto un'ora prima di poterla prendere in braccio. Ha delle rughette sulla fronte... è identica al mio papà. Gli occhi, nella loro immaturità, sono già scrutatori del mondo. "Sono papà, non permetterò che ti succeda nulla di male", citando stupidamente, senza pensarci, il pesce Marlin.
Ha ingerito il meconio, nella sofferenza perinatale, ma ora sta bene.
Anche Silver ha avuto qualche complicazione, dovrà tenersi il catetare per una decina di giorni. Da donna di spirito si lega la sacca sulla coscia, la copre con la gonna e fa tutto come se nulla fosse, sembra una Lara Croft in convalescenza.
È nata mangiando merda, la piccola Marichan, che ha capito subito che vita la aspetta.
Io ho sempre detto che essere suo padre è una grande responsabilità. Mi ha trasmesso da subito la sensazione di essere destinata a qualcosa di più grande di me. Se è vero, spero di esserne all'altezza.

48 commenti:

  1. Che emozioni! Sto pensando ai miei amici Paolo e Simona che proprio in queste ore sono in ospedale per il parto della loro prima bimba...
    P.S. anch'io quando sono nata ero uguale a mio nonno, soprattutto perché ero pelata. La dottoressa mi ha guardata appena nata e ha esclamato: "E' tutta il preside!" (mio nonno era preside al liceo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo Paolo e Simona

      Elimina
    2. ...mi ero dimenticata gli auguri a Maria!
      (e crepi il lupo!)

      Elimina
  2. Secondo me nel moltiplicarci diamo qualcosa in più ai nostri figli, tu e silver avete fatto la miglior opera che si poteva immaginare a quanto pare...
    ora piango..
    ...
    cazzo gae...
    ...
    ma noto che il numero 94 è stabile da mesi sul tuo blog: come mai??? (devo sdrammatizzare altrimenti mi commuovo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come il libro... c'ho poco tempo per star dietro agli extra ;)

      Elimina
  3. Va bè...non dico niente....solo auguri alla piccola grande meraviglia!

    RispondiElimina
  4. Auguri, Marichan, sei nata nello stesso giorno in cui è nato il mio nonnino, quello che ho amato di più.
    Gae, mi hai commosso, che te lo dico a fa'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimmelo dimmelo, che un po' di autostima non mi farà certo male :)

      Elimina
  5. Lo stesso giorno di mio suocero :)
    Bellissima bimba e bravissimi genitori.
    Buon compleanno!

    RispondiElimina
  6. Ecco mò dimmi tu perchè io devo mettermi a piangere quando è il compleanno di Marichan, invece che farle tantiiiiiiiisssimi auguriiiiiiiii.
    Bella bimba lei.
    Però non dire che è nata mangiando merda, poraccia =). Ok dai, è filologicamente vero: si mangia merda un po' tutti, ma non siamo destinati a farlo sempre, no =)?

    Un bacio alla splendida occhineri.

    Susibita

    RispondiElimina
  7. Caspita che begli occhi neri!!! Faranna cadere ai suoi piedi mille pretendenti.... E comunque TANTI AUGURI MARICHAN!
    Che belle cose hai scritto su di lei..Diventare papà deve essere bellissimo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, quali pretendenti?.. c'è un papà possessivo da queste parti :D

      Elimina
    2. Si lo diceva pure il mio =)
      Poi è stato felice di vedermi sposare..non so chi dei due fosse più emozionato =) in compenso ne ha ancora una da accasare..ma mi sa che non se ne andrà mai ahahah

      Elimina
  8. ....che carino che sei.... è emozionante questo racconto.....Complimenti a Lara Croft in convalescenza....la forza delle donne!!!!......Belli gli occhietti di Marichan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, e la foto non rende neanche tanto.

      Elimina
  9. Che nascita prosaica :) Auguri piccina, considera che i fiori nascono dal letame! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi quante volte le ho cantato quella canzone per farla addormentare ;)

      Elimina
  10. auguri...
    ...il momento preciso della nascita ha di magico e tale magia la si rivive ogni anno ricordando...

    RispondiElimina
  11. sarò banale ma lacrimuccia. baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lacrima non è mai banale... a me dispiace un po' che ultimamente mi ha preso sta piega malinconica e nostalgica... io di mio sarei un simpaticone ;)

      Elimina
  12. hai i figli con gli occhi più belli del mondo.

    RispondiElimina
  13. Auguri Maria!
    Eh la tecnologia, pensa che tra un paio (e poi tra 15, 30...) anni leggerà questo post scritto dal suo stratobabbo!
    O sa già leggere?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha contribuito a correggere le bozze ;)

      Elimina
  14. "Chiamate la Marisa" è una frase che andrebbe messa in un qualche film di Tarantino :) Tantissimi auguri Marichan: lo so che sarai una bimba con le controovaie! Tieni duro :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono nemmeno sicuro che si chiamasse Marisa... però era un nome che rendeva la stessa idea.

      Elimina
  15. Non ho parole, un'emozione unica! Un bacionissimo alla tua piccolotta!

    RispondiElimina
  16. No, ma dico, vogliamo spendere una parola per la Silver? che questa mitica donna ha fatto *una smorfietta* con le doglie, poi la manovra quella là della crema, poi il cesareo, poi il catetere... (se penso che io ho insultato il dottore prima ancora delle contrazioni...)
    è per quello che la cucciola è così bella

    RispondiElimina
  17. Matilde è nata due anni fa...e mi hai fatto ricordare, con orrore, quando in pronto soccorso ginecologico due giorni prima del parto hanno chiamato la Marisa anche per me, per spostare il mio "collo"...AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!Credo di aver provato più male lì che non in pieno travaglio....
    ometto i particolari, ma non credevo una donna, tanto + ostetrica, capace di compiere certe cose...
    E pensa che il giorno che la Nana ha visto la luce, lei era di turno ed è entrata in Sala parto per salutarmi...ho temuto che mi mettesse ancora le mani addosso....;-)!!!

    RispondiElimina
  18. uffa ma perchè mi devo commuovere?
    la frase "sono tuo papà e non permetterò ti accada nulla di male" mi fa scendere la lacrimuccia. Però mi pare di aver detto anche io qualcosa del genere al primo abbraccio, dopo 3 ore che l'avevo partorito "ciao, sono la tua mamma, adesso è tutto a posto".
    A me però fanno un pò paura 'ste frasi cazzo. Che poi se non riusciamo a mantenerle chi glielo spiega? fa niente, pensiamo positivo e "fin qui tutto bene"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È verissimo. Infatti con i gemelli mi sono buttato su un meno impegnativo:"Ciao, sono papà" ;)

      Elimina
  19. L'unica cosa che non mi piace è il nome Marichan. Ovviamente non deve certo piacere a me, però lo sai, credo che un vero amico dica sempre quello che pensa, senza farsi problemi. Di certo è molto originale. Ma da dove deriva? Che significato ha? (Sempre che sia quello vero, visto che molti genitori bloggers amano sbizzarrirsi coi nicknames infantili, anche per difesa della loro privacy... :D)
    Detto questo (e sperando di non venir mandato affanguglia... :D) tanti Auguri alla tua splendida bambina!!!!
    (e un abbraccio a Te)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama Maria, in realtà. La chiamiamo Marichan perchè uno degli zii studia il giapponese. Dice che aggiungono -chan al diminutivo del nome per dargli maggiore tenerezza (penso sia come dire dolce mary, o cose così). Magari ti sarà capitato, in qualche film, di sentire cose tipo Danielsan (signor Daniel)... ecco, il principio è lo stesso. Dice.
      I miei figli li chiamo con i soprannomi che usiamo anche nella vita... non ho problemi a dire come si chiamino davvero. ;)
      Grazie mille per la sincerità e gli auguri.

      Elimina
    2. Sapevo che ci avrei fatto una figura un po' da frescone... :D (ma ne è valsa la pena: ho imparato il significato - dolcissimo - di questo diminutivo...)
      Auguri e abbracci ancora e ancora!

      Elimina
    3. No, ma guarda che qui le figure da frescone sono di casa, sai... sarai sempre il benvenuto ;)

      Elimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. i genitori sanno sempre più cose dei figli
    i figli sono sempre più intelligenti dei genitori" J.S.Foer

    tanio auguri a lei e in bocca al lupo a te

    Carminelaud

    RispondiElimina
  22. sono un po' indietro coi post... praticamente marychan ha l'età di maya (nata l'8)
    bel post, è bello leggere la versione del papà di un momento tanto magico :)

    RispondiElimina
  23. Che bel post! Mi hai fatto tornare indietro di più di diciotto anni! Penso che il giorno in cui è nata mia figlia, e quelli immediatamente successivi, sia stato quanto di più intenso abbia mai vissuto.
    Un grande abbraccio a sei corde!

    RispondiElimina
  24. SAi che io mi faccio sempre prendere dal dettaglio tecnico.
    Scusa.
    Però da me i babbi entrano a vedere il cesareo. E' pur sempre la nascita del loro figlio.
    Per me mandar fuori qualcuno è un atto di violenza, ecco.

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@