martedì 24 febbraio 2015

La TurpolentaTM



Devo lavorare sull'estetica, non c'è dubbio, ma per il resto la TurpolentaTM è pronta allo scopo.

Sabato Silver era ad un congresso e, complice una telefonata di lavoro che mi ha messo un pensiero di quelli subdoli, di quelli che non ti allarma, che non puoi farci comunque nulla, ma che ti basta per fotterti il riposino pomeridiano, mi sono messo a spignattare!

Obiettivo minimo: confezionare la torta al limone per cena da amici e dare vita al primo esperimento su quello che sarà il mio boost fatto in casa per la Ultrabericus.

I bimbi dormivano, mentre il Bimby correva come la locomotiva lanciata a bomba sopra i continenti.

La torta al limone è venuta bene, tanto per cominciare, ed era anche bellina da vedere.

Per la TurpolentaTM ero gasato come un bambino prima dei regali di Natale.

Comincio con il fare l'impasto base della polenta mais maranello, che di solito è più compatta di quella normale. Ci metto pochissimo sale, giusto per cavare el selvadego”.

Quando il Bimby mi chiama abbondo di zucchero di canna, sulla scatola c'è scritto Brown Sugar ed il vecchio Keith mi suona in testa il suo poderoso riff.

Aggiungo un paio di cucchiai di miele.

Un bel po' di riso soffiato (mi pare cento grammi) e altrettanto farro soffiato.

Spengo tutto e ci butto dentro anche un cucchiaio di semi di chia e quattro cubetti di cioccolato fondente.

La stendo su una pirofila e infilo tre noccioline su ogniuna di quelle che, ad occhio, saranno le porzioni da circa 60 gr.

Primo problema: nei miei sogni notturni, tra cibo e corsa la TurpolentaTM era gialla, compatta e con i granetti di cioccolata ed i cereali che si intravvedono.

In realtà è una boassa marrone decisamente poco bella da vedere.

Fa niente.

Metto tutto in forno per una ventina di minuti.

Tlin

Estraggo e lascio raffreddare.

Assaggio. Uhm... non è affatto male. Molto dolce, non c'è che dire, forse un pelino troppo, da assaggiare nel primo pomeriggio.

Ne porgo un pezzetto a Maria che mi guarda come guarda i fratelli che le mostrano la cacca prodotta nel water.

Insisto.

È molto dolce, papà”.

Ottimo. Avvolgo 5 pezzi nella pellicola, pronti per il lunghissimo del giorno dopo.



In realtà domenica pioveva a dirotto ed il lunghissimo si è ridotto di 15 km buoni.

La TurpolentaTM però andava provata, così mi sono sparato circa 25 chilometri, bagnati, infangati, freddi e molto su e giù per la collina.

Ed è proprio lì che ho avuto la prima certezza: la TurpolentaTM mi faceva guardare l'orologio: “quanto manca a mangiarne ancora?” 30 minuti. Una vera droga. Se il cibo del ultratrailer deve essere appetitoso. 
10 punti per la bovazzona marrone.

Il secondo dato l'ho avuto a casa: monto sulla bilancia e peso mezzo chilo in più del solito.

A meno che non sia stato perché la torta al limone era buona è mi sono concesso uno sgarretto piccolo piccolo, o la carbonara del sabato a mezzogiorno per la quale mi ero concesso uno sgarro piccolo piccolo o forse la grigliata del Franz per la quale avevo fatto uno sgarretto piccolo piccolo o forse la festa del venerdì sera dove quei tre dolci uno più buono dell'altro mi avevano invitato ad uno sgarretto piccolo piccolo.

No, sicuramente no. È stata certamente la TorpolentaTM

(ringrazio tutti i partecipanti al contest: date un nome alla ricetta; alla fine ho fatto un mix dei vari suggerimenti)
 
C'è da lavorare sull'estetica

6 commenti:

  1. Va be' ma se tutti hanno il Bimby tranne la sottoscritta non vale... :D baci sandra frollini

    RispondiElimina
  2. Vabbè ma l'importante sia bbòna.
    Comunque -Sandra- neanche io ce l'ho, il bimby.
    Nelle foto su Instagram sei un figurino: dai che sei stato bravissimo finora, qualche sgarretto picolo piccolo ci sta, sennò uno non fa vita.

    Susibita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EMMENOMALE non so io ultimamente più che gente che compra il bimby non sento. Sandra

      Elimina
    2. Io ero contrario al Bimby. E mi sono dovuto ricredere ;)

      Elimina
  3. "In realtà è una boassa marrone decisamente poco bella da vedere"

    So voltà via, cmq la chia mettila a freddo dopo cottura tagliando le fette a mo de panin!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono anche sminuzzata o schiacciata... ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@