martedì 17 febbraio 2015

Grasso

Fino allo scorso anno giocavo molto con la terminologia carnevalesca arrivando a dire che il martedì grasso era il mio onomastico.
Non posso più dirlo.
Fa niente, una battuta che sarebbe stata comunque logora, come quelle dei vecchietti che ripetono sempre le stesse barzellette.


Ieri per la prima volta, una persona che non mi conosceva sei mesi fa e che ha saputo della mia traformazione, mi ha detto che non riesce ad immaginarmi a quasi 100 kg.
Poi mi hanno mandato una foto su whatsapp: sono con la chitarra in mano, vestito tutto bello elegante alla cresima di mia nipote. Non sembro nemmeno io.
Caz.. pita! Ho passato tutta la vita a pensarmi più magro di quello che ero e a scoprirmi grasso nelle foto, per dimagrire in qualche mese e vedermi più magro di quello che credo di essere.
Il punto è che io dimostro meno chili di quelli che ho, un po' come la Ferilli dimostra meno anni di quelli che ha, per cui nessuno crede che io sia ancora sugli 80 chili, proprio come non credeva che due anni fa fossi 99.

Ma questo non c'entra nulla.
Sto mettendo a punto una strategia per la gara dell'anno: la Ultrabericus.
La cosa che mi piace di più di questa nuova passione, il trail, è che è difficilissimo trovare delle grandi verità.
Perché per le maratone su strada leggi un milione di metodi ma sono tutti molto simili (soprattutto se, come me, si tende poi a personalizzarli). Nei trail no; l'unica cosa che tutti ribadiscono è che si fa una fatica troia, il resto è estremamente personalizzato.
Il trail è biologico, a km zero, pulito. Il trail ascolterebbe musica folk irlandese, danzerebbe kletzmer, indosserebbe birkenstock.
Il trail è progressista senza il radicalchickismo della sinistra. 
Cazzarola, io ed il trail siamo fatti l'uno per l'altro e non ci siamo mai incontrati prima.
Così sto andando a braccio seguendo i consigli di qualche amico che me li può dare.
Nel week end voglio sperimentare una personalissima ricetta per la polenta da poter mangiare in gara: ipercalorica ma mangiabile. Direi che dopo le riununce alimentari del carnevale posso permettermela (più che altro se in un gara di 66 km non mangi non arrivi in fondo).
Devo trovare un nome, però, per poterla brevettare. Tipo turbo-polenta o cose così. Dai dategli un nome... io in cambio la settimana prossima vi allungo gli ingredienti e vi dico anche se funziona.

Buon carnevale a tutti.





18 commenti:

  1. per la polenta non so, ma tu resti il mio trubopolentone preferito. Daje.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Mah! Mi sa che un po' lentamente ci vado anche senza polenta...

      Elimina
  3. con la storia della polenta mi hai fatto venire in mente che ogni anno mi voglio iscrivere alla mangialonga ma poi non lo faccio mai.. una specie di corsa a tappe dove mentre si corre si mangia e si beve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da queste parti fanno la magnalonga. Mi sa che ce ne sono a tutte le latitudini. Con un unico denominatore comune. Se magna! ;)

      Elimina
  4. Ma sicuro che vada bene se è un po'lenta?

    Dopo questa battuta, mi ritiro in Quaresima in anticipo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi fate venire i dubbi, che ero tutto entusiasta.

      Elimina
  5. Questa tua passione è bellissima da leggere, e immagino lo sia anche di più da vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti so dire dopo il 14 marzo :D
      Scherzo! È entusiasmante.

      Elimina
  6. Turbo polenta ti sembra troppo banale? ;-)

    RispondiElimina
  7. E si che avevo letto il post... Non go paroe. Polenturbo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Turbo polenta è bello. Mi ispira anche un po': turpolenta! ;)

      Elimina
  8. Via, in snellezza!
    Stavi bene anche 20 chili fa, e lo dice una che ti ha visto una sola volta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso sto meglio, ti assicuro. Soprattutto di salute

      Elimina
  9. Polenta col cioccolato io fatico addirittura ad immaginarmeli, un po' come l'ananas nella pizza, modificare in dolce la polenta è quasi un sacrilegio,calma, sangue freddo e via, 65km tra i colli saranno infiniti, ma finchè hai la testa che spinge non ti fermano nemmeno con le bombe... Se vedemo in griglia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto è che non voglio rubarti la ricetta della "putana da corsa" che usi tu :) La polenta è una base farinacea e ci sta con tutto. L'ananas sulla pizza è un'americanata.
      Direi che potremmo vederci giusto sulla start line... dopo sei troppo veloce. Sempre che la turpolenta non sia miracolosa ;)

      Elimina
  10. in onore dei maschi di casa, che ne dici di "flash-corn"? oppure la "polenta di thor"

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@