venerdì 28 febbraio 2014

O tempora, o mores! Oddio!


Papa Bergoglio Santo subito
Lo so, non è ancora morto, e pare pure piuttosto in forma, ma non ci vuole molto a capire che verrà fatto santo pochi mesi dopo.
Lo faranno perché sarà il modo migliore per mettere a tacere le sue idee: diamo loro un santo da pregare in modo che non abbiano più un uomo da ascoltare.
Perché dico questo? Vi spiego.
L'altra sera eravamo sul divano io scrivevo e Silver leggeva quando, ad un certo punto mi chiede se avessi ricevuto anche io la mail di taldeitali.
Taldeitali è una bella donna che ha circa la nostra età, i figli a scuola, un lavoro serio, una profonda fede cattolica, eccetera eccetera. Persona moderata e piacevole della quale entrambi abbiamo stima.
Se non che la mail è uno scritto inoltrato da chissà dove che riporta pezzi di un'omelia di un sacerdote milanese che, in buona sostanza, demonizza il rapporto Lunacek, accusando di connivenza tutti i cristiani che non fanno nulla per opporsi a tale legge.
Il rapporto Lunacek è un documento del Parlamento Europeo che raccomanda agli stati membri di attuare una serie di azioni congiunte atte a prevenire le discriminazioni nei confronti delle persone LGBTI. 
 
Alcuni passaggi della mail recitanoLe potenti lobby LGBT lesbiche-gay-trans-bisex, vogliono mettere le mani nella testa dei nostri bambini (oltre che nelle loro mutande…). ” e
masturbazione davanti ai compagni, auto-palpazione e palpazione vicendevole, educazione sessuale con i bambini nudi e altre oscenità che gli europarlamentari di sinistra vogliono imporre a tutti i Paesi membri, al di là e al di sopra della legislazione nazionale in materia. 
in alcuni comuni italiani governati da giunte di sinistra, conformemente alle direttive dell’UNAR sottoscritte dall’allora Ministro Fornero, sono già stati distribuiti ai bambini delle materne e agli alunni delle scuole elementari e medie opuscoli informativi e formativi, contenenti vere e proprie lezioni di educazione sessuale pro-gender, dove praticamente è previsto di confondere le idee ai bambini in materia di sesso e di genere sessuale, attraverso un vero e proprio lavaggio del cervello su famiglia, padre, madre, donna, uomo, identità sessuale”.*

Come avrebbe detto il Prof Keating ne “l'Attimo Fuggente”: Escrementi! Ecco quello che penso di questa mail inoltrata da Taldeitali.
Eppure mai come l'altra sera sono andato a letto demoralizzato, con l'animo pesto, sfiduciato nei confronti del futuro del mondo.
Lì per lì non sono riuscito a comprendere quale fosse il motivo principale dello stato d'animo; in fondo che ci sia l'ignoranza al mondo non è una novità.
Poi ci sono arrivato, piano piano, aiutato da qualche feedback amico che aveva letto lo stesso scritto ed aveva reagito allo stesso modo, o grazie a questo bel post di Enrica Tesio. I segnali c'erano tutti, erano davanti ai miei occhi: il problema sono io. È il fatto che frequento molte persone che la pensano come me e sono portato a pensare di essere nella ragione, di essere “il buono”. Non ho mai preteso di avere in tasca la verità ma ho sempre pensato che le persone intelligenti la pensassero come me perché il mio principale vangelo è il buon senso.
Invece non è così; A me la mail non è stata inviata: io sono il comunista, l'anarchico. Io sono quello che si indigna, quello che obbietta, che cerca il pelo nell'uovo. Soprattutto io sono quello che potrebbe contribuire ad un'amministrazione che farà del male ai nostri figli, abuserà di loro o, ben che vada, li confonderà e li porterà tutti a vestirsi di piume di struzzo rosa alla prossima baraccata culattona in centro. 
E non lo pensano i leghistoni che passano il pomeriggio al bar ma anche le persone a cui voglio bene, quelle che stimo e con le quali condivido dei pezzi della mia vita.  

Mi ha atterrito questo, più delle decine di siti deliranti ed omofobi che portano il Cristo nella loro homepage. Mi ha atterrito sapere che qualsiasi cosa accadrà ai miei figli sarà imputata a me, sarà colpa delle mie idee.
Chi sono io per giudicare i gay?” ha detto Francesco I. Ma quando i miei figli saranno grandi lui sarà santo ed i santi vanno venerati, non ascoltati. 

*perdonatemi se non linko il sito dove, alla fine, sono riuscito a trovare l'origine della lettera: non voglio dargli visibilità o statistiche aggratis. 

20 commenti:

  1. Gae, speriamo allora che non ti facciano mai santo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo di correre questo rischio ;)

      Elimina
  2. sono abbastanza basita lo ammetto..
    Abbiamo davvero bisogno di più uomini da ascoltare e meno santi da venerare. E la taldeitali non merita certo la tua stima e quella di Silver..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una cara persona! Però sto fatto mi ha lasciato di sale

      Elimina
  3. è giunta l'ora che tutti gli uomini (e le donne ) di buon senso si uniscano e combattano l'estremismo in ogni sua forma.
    (in questo sono estremista..........)

    RispondiElimina
  4. Elisa crea le famiglie con due uomini e un bambino senza che nessuno glielo abbia mai suggerito. I bambini non hanno pregiudizi, come è giusto che sia, siamo noi adulti a essere delle grosse teste di .....
    Buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bambini iniziano a farsi i pregiudizi all'asilo... lo vedo dai miei

      Elimina
  5. spaventoso, e comunque non mi sorprende. La chiesa sta perdendo seguito più velocemente di certe mommy-blogger di nostra conoscenza e DEVONO terrorizzare la gente e dargli un nemico comune o chi se li fila più? Quello che ha fastto la lega in tutti questi anni, in fondo. E quindi dobbiamo essere all'erta e non mollare mai la guardia, non pensare mai di avere diritti acquisiti da cui costruire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che non sia un caso che questi movimenti estremisti stiano crescendo ora, in reazione all'apertura mostrata da Bergoglio... poi sono d'accordo, c'è sempre bisogno di un mostro da cacciare :(

      Elimina
  6. Mi inserisco, che di solito mi limito a leggere. Se mia figlia partecipasse ad una baraccata culattona in centro, avrebbe comunque la mia stima, il mio affetto e il mio sostegno. Al più, potrei preoccuparmi del fatto che l'attendono anni duri. Se mia figlia inoltrasse una mail come quella ricevuta da Silver, fermo restando il mio affetto (ma lasciando da parte stima e sostegno, che la genitorialità no co-obbliga alla demenza) passerei le notti a chiedermi dove ho sbagliato. Però hai ragione. Sono tra noi. Sono quelli/e che ci circondano, il vicino di scrivania, l'amica del caffè al bar. Persone a cui vuoi bene. E per questo fa un po' più male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché ti limiti a leggere? Il tuo commento è molto bello e lo condivido in pieno.

      Elimina
  7. uomini da ascoltare, hai detto tutto

    RispondiElimina
  8. Ho scritto la tesi di laurea sulla costruzione sociale del nemico... e quindi non mi meraviglio di queste dinamiche che si creano e sono atte a distogliere l'attenzione da alcune cose e a creare consenso su altre nell'eterna lotta contro l'altro e il diverso da sé. Quel che mi lascia sgomenta è come si faccia a considerare l'altro da sé in modo così inumano e disumanizzante... cioè, razionalmente lo so, è emotivamente che non me ne capacito. Siamo tutti esseri umani, ma come si fa a non considerare questa verità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. In più non capisco come si faccia ad accettare, da cattolici, una simile violenza verbale.

      Elimina
  9. Però... che mail... purtroppo continueranno a girare queste mail, è anche facile basta premere inoltra magari senza leggere tutto il testo prima.ripeto purtroppo perché c'è ancora tanta gente più o meno giovane che ritiene l'omosessualità una malattia vera e propria... beh... ascoltiamo fin che possiamo coloro che diverranno santi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia facile è anche vero. Certo però che un minimo di filtro...

      Elimina
  10. Hai ragione. Anche io ho la presunzione di pensare che se tutti fossero normodotati mentalmente come noi, questo sarebbe un mondo migliore. La mia è una lotta quotidiana contro la diversità e anche col mio blog cerco di dare qualche messaggio a chi mi legge. Speriamo serva a qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo blog è bello. Tieni botta ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@