martedì 17 dicembre 2013

A Natale sarò più buono. Forse


Che poi dici che il Natale dovrebbe rendere più buoni. Eccerto, trattasi di calo di tensione.

Perché le settimane precedenti sono teribbili.

C'è la recita, il canto della stella, le prove del concerto, le prove per la messa, i regali per i parenti fino al quarto grado.

Pare facile, pare.

Invece è difficile.

Metti che devi trasmettere ai bimbi tutto l'amore e la bontà consona al Natale il giorno della recita, ok? Li fai mangiare un'ora prima, a forza, sennò non mangiano perché non possono avere fame alle 11,30 se hanno finito colazione alle 9.

Li metti a letto; siccome non dormono ti sdrai con loro e ti parte il pisolo. Ti svegli tardi e devi fare in un quarto d'ora quello che avevi programmato in due ore.

I bimbi chiaramente vedono che sei agitato e vulnerabile. E no, non ti aiutano... così li cazzi, li insegui, urli.

In settimana poi c'è la stella da cantare pro asilo (che dico, io c'ho lasciato tutto il mio stipendio per due anni al nido, ma davvero mi devo sentire in colpa se non vado alla stella?). Si parte alle 7. Alle setteeeee???

Ma come faccio se lavoro fino alle 6?

Li ingozzi, loro tirano indietro e allora li cazzi, li insegui li minacci coi regali farlocchi, ecc, ecc.

li imbottisci che manco un panzerotto calabrese: pigiamo sotto, tuta sopra, maglione, giubbotto, passamontagna, guanti (un po' larghi). Per corpire tutto il giubbino catarifrangente della Ford, che per strada non si sa mai. Jack, che per non perdere i guanti cammina con mani benedicenti, sembra Angelo Roncalli ai tempi del Patriarcato di Venezia. Ci si aspettava che, da un momento all'altro, invece che “Buon Natale” proferisse un “Quando rientrate in casa date una carezza ai vostri bambini”. 
La sera dopo, per non indurlo a precoci crisi mistico-religiose, passamontagna modello guerrigliero zapatista.  

In tutto questo c'è da comprare i regali. Per fortuna c'è internet.

Sapete come funziona internet per gli acquisti, no? Beh, ve lo spiego per sicurezza: andate su un sito di acquisti online, digitate ciò che cercate, ne trovate un migliaio di pezzi, ognuno con un prezzo diverso. Esempio: la macchina per fare le balle di fieno; giocattolo, chiaramente. Ce n'è una, di una sola marca. Ma la vendono in duemila venditori, da 12 euro fino al milione e mezzo, ottocento opzioni per la spedizione. Se non avete tempo non vi avventurate sui commenti degli acquirenti, un unico commento negativo vi farà passare intere giornate d'ansia. “Non c'era la balla”. Che balle.

Vabbè ma il negozio online è comunque comodo, soprattutto se scopri che il più economico di tutti si trova ad un chilometro da casa tua e te lo puoi tranquillamente andare a prendere di persona.

Insomma è tutto un corri corri, fuggi fuggi. In mezzo a questo un miliardo di persone che caga anche un po' il cazzo. Mi si perdoni il francesismo.

Ma è la magia del Natale ed il Natale, si sa, ha questo sapore, come dire... di bile. 

 "Hasta la Clara Estrella. Siempre"

20 commenti:

  1. sempre divertente.Per fortuna ne sono fuori , causa età avanzata.Fa ancora più ridere quando non ci sei coinvolto direttamente....

    RispondiElimina
  2. Se può servirti hai tutta la mia (anzi la nostra ci metto anche il marito) comprensione...vi capiamo benissimo, stiamo passando la stessa cosa!Perchè in mezzo a stò corri corri fuggi fuggi recita e balla, uno ogni tanto dovrebbe anche lavorare...o no? Io son distrutta e francamente il mio spirito natalizio è andato a ramengo già da un pò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo il vizio del lavoro, cosa vuoi

      Elimina
  3. ahahaha, é la prima volta che ti leggo ma mio padre ha una strato e io son venuta su a pane e note!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora ritorna, mi raccomando

      Elimina
  4. Buahahahah :D
    Proprio oggi sto seguendo una mirabolante discussione via e-mail tra i genitori della classe di Elisa a proposito del regalo per le maestre.
    Io ho detto "fate vobis", e intanto me la rido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rage against il regalo alle maestre... non le sopporto ste cose.... ma un bel regalo alla fine del ciclo scolastico e tanti saluti...

      Elimina
  5. Io sono ancora in anticipo rispetto a questi momenti, ma già ora il tempo si è ridotto selvaggiamente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai vedrai... no, non è vero, è questione di organizzarsi un po' (trovando il tempo di farlo ;)

      Elimina
  6. Ci credi se ti dico che ne ho già le balle piene ? Del natale, della gente, delle luminarie ! Non vedo l'ora che sia un discretissimo gennaio.

    RispondiElimina
  7. ... caro Gae: sugli acquisto On Line quest'anno sono stato un Mostro! Tutto chiuso al 30 novembre (necessario calcolare i tempi di spedizione.... lo scorso anno Mazinga Z di Filippo mi è arrivato dopo le feste... un flagello!). Sul resto scuola e asilo hannno fatto tutto scaglionato e gestibile, quest'anno ci ha buttato bene. Ho però Beatrice che alle 7 di mattina mi sveglia e mi dice: "Papà, svegliati che dobbiamo andare alla novena".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Omaigod, la novena.. erano trent'anni che non sentivo questa parola ;)

      Elimina
  8. E ti dimentichi i virus che si aggirano ovunque... chi non ha un bimbo malato sotto le feste alzi la mano!
    Caro Gae, ti lego da poco e mi piaci sempre di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono i tuoi commenti, torna spesso a trovarmi :D

      Elimina
  9. hahahhaa Jack Papa Roncalli rocks!!
    Io ho pure i biglietti neri con scritto 'don't do Christmas', pronti all'occorrenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se io lo dico qui in paese (che sono un pelino conservatori) rischio la pelle ;)

      Elimina
  10. Uno dei profili più brutti che abbia visto. Inguardabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si riferisce al profilo del cucciolo zapatista? Le reali sembianze sono un premio per pochi. Auguri di buon anno omonima della mia moglie ;)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@