martedì 25 settembre 2012

Mia madre non aveva poi sbagliato a dir che un laureato...

conta più di un cantante.

Cantava il burattinaio di parole perdendosi nel primo sole.
Ma anche i grandi poeti, per efficacia del messaggio, per necessità di sintesi, devono lasciare al lettore/ascoltatore un margine di interpretazione.
Guccini, secondo me, ha omesso il verso successivo perchè altrimenti non sarebbe riuscito a far entrare nell'album l'intera canzone. Ha tolto la parte dove spiega che, più ancora del laureato, contano gli elettricisti, l'idraulico e il falegname.
Non dite che non è vero. È sufficiente passare la domenica a montare i paletti per le tende per rendersi conto che quei cinque/sei anni della nostra vita non vi hanno insegnato nulla di fondamentale per la sopravvivenza dell'umanità.
Vi siete mai chiesta il perchè del successo dell'Ikea? Vasto assortimento? Prezzi imbattibili? Fine design? Ampio parcheggio? Convenienza? No!
Nulla di tutto questo. Non per gli uomini, per lo meno. Vi siete mai chieste, voi donne, perchè il vostro compagno vi porti sempre volentieri ad acquistare dagli svedesi?
Ve lo dico io: in quei nomi così poco romantici c'è il richiamo della foresta. Quella brugoletta insignificante, quelle viti a stella, quel fottuto manuale di istruzioni riposizionano il maschio in una dimensione ancestrale di superiorità fallocrate: Ho montato Svenka!
Ma è effimero. È come il Viagra: ti sei divertito ma sotto sotto sai che non è proprio tutto merito tuo. Inspiegabilmente, però, le donne solo raramente si cimentano e, salvo casi eccezionali, dichiarano di non riuscire a montare i mobili Ikea. Donne, credeteci, ce la potete fare. Il mobile Ikea segnerà l'emancipazione femminile di questi anni 10. Unite al grido di “Bjiorne è mio e me lo monto io”

Ma quando si fa sul serio sono in pochi a non calare le braghe. Io le calo, ad esempio.
Ieri però sono riuscito a montare i paletti delle tende nelle camere dei bimbi. E ci sono riuscito nonostante il gradevole mantra di Silver che non mancava di sottolineare ogni leggera defaillance con un simpatico “Non te si bon”.
Certo, anche l'osservatore più distratto si sarebbe accorto che nel piano di studi universitari non c'era l'esame di “Valutazione della punta da trapano” o di “Pianificazione di inteventi in quota (sulla scala)”. Ma è il risultato che conta. O no?
La mia tecnica comunque, nonostante una certa difficoltà iniziale, esce alla distanza: fatti i buchi, posizionati i supporti e assicuratisi che il paletto sia “in bolla” non resta che fissare le viti. Autofilettanti da legno. Mi piace avvitarle a mano, scandendo ogni colpo di cacciavite con un “Puttana”. Fatelo anche voi. Vi sembrerà che i paletti si montino da soli.

50 commenti:

  1. Io il divano Beddinge me lo sono montato da sola! Non gli scatta la molla di apertura/chiusura, ma è un piccolo dettaglio... Inoltre ho montato una libreria al mio ex, un paio di cassetti e uno specchio di Conforama a mia sorella e - last but not least - la mia libreria in filo d'acciaio stile loft me la sono comprata, caricata e montata sempre da sola. Alla mia laurea manca solo il fondamentale esame-trapano!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh... non è impossibile ma ti ci devi applicare ;) Più che altro ogni errore rimane la cicatrice sul muro.... seccante.

      Elimina
  2. Non è vero, nego tutto.
    Come monto io questi nessuno mai:
    http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/90115092/

    Susibita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ma te rimangono attaccati? :D

      Elimina
    2. no, dopo qualche tempo invariabilmente si staccano.
      ma è colpa del produttore, non del montaggio.

      Elimina
  3. I lavoretti sì... logorano!

    Ma Francesco è Francesco e infatti suo padre non aveva poi sbagliato a dir che la pensione è davvero importante!

    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se la scrivesse ora... Cantautorato di fantascienza :(

      Elimina
  4. non c'è niente di più affascinante in un laureato che vederlo tornare dentro casa interrato sino alle mutande dopo aver cercato di domare la siepe, invano. Gli uomini che preferisco sono elettricisti, idraulici, falegnami... dentro. Una laurea ormai ce l'hanno tutti. Bacio al mio straos :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, qui un laureato che gira sudato e sporco c'è quasi sempre :(

      Elimina
  5. Falegname e artigiano tutta la vita. A costo di pagarlo a rate o rinunciare all'abbonamento all'Inter. E' il suo lavoro: viene, si decide chesserve e fa tutto lui.... possibilmente quando non sono in casa così non rischio di imparare qualcosa. Il patto a casa nostra è che se mia moglie va all'Ikea e compera qs se lo monta per i cavoli suoi. Non ne voglio sapere. Sono due anni che convivo con un tavolo in cucina che se affetto il salame si ribaltano i bicchieri. Prendere le Billy è economico... ma non posso usare integralmente gli scaffali perchè cominciano a piegarsi nel mezzo.. e le tende a pacchetto?... non puoi lavarle... se anneriscono si sostituiscono perchè non costano una mazza... Lo so, sono preventuo ma io all'Ikea non ci voglio più andare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia Billy è carica all'inverosimile. E da Sette anni (e due traslochi) non da segni di cedimento :)

      Elimina
    2. L'ho fissata al muro e poi un modulo con l'altro con delle grosse viti. Però, in generale è molto più solida di molti alti prodotti.

      Elimina
  6. E' vero che alla fine, a parte qualche parolaccia in corso d'opera, c'è una certa soddisfazione per aver "costruito" fisicamente qualcosa. Anche se io personalmente ho messo un tetto massimo di visite all'Ikea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, beh, una volta l'anno al massimo... che credi? :)

      Elimina
  7. Risposte
    1. No! Soddisfatto. È sempre bello vedere che le cose vanno a posto. Tutto sommato è più facile del lavoro che faccio, dove è sempre un gran casino e non è sicuro che si riesca a risolvere tutto. Qui basta l'attrezzo giusto ed un manuale di istruzioni.

      Elimina
  8. Mitico Guccini.
    E mitico il metodo.
    Proverò anche io. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai dai che con l'arrivo del piccolo ti toccherà rivoluzionare il set :)

      Elimina
  9. Mio marito oltre alle meretrici quando monta prodotti Ikea chiama anche tutti i Santi del Paradiso... mai provato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il santo è uno strumento che cerca di utilizzare solo per i lavori più complessi ;)

      Elimina
  10. a forza di sentirmi dire "spetta" "quando piove lo fago" mi sono ingegnata e la mia prima costruzione è stato il dondolo da giardino, incastrando i pezzi a "taccate" (ve li ricordate quei sandali che andavano negli anni 80 di legno mega zepponi: ecco ho usato quelli) poi negli anni ho fatto su i punti del supermercato e mi sono presa una bellissima borsa con tutti gli attrezzi necessari al fai da te. in casa pratico l'arte dell'arrangiarsi. e non sono neanche laureata:-)
    buona giornata
    Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo zoccolo martello è McGyveriano da paura ;)

      Elimina
  11. A casa Bugs sono io che mi occupo del montaggio mobili, di solito. Non ce n'è, sono più efficiente, smadonno meno e rendo di più. Ma soprattutto non sporco! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sullo sporco tocchi la famosa nota dolente :)

      Elimina
  12. Finaìmente che qualcuno dice che elettricisti idraulici e contano. di solito si dice che son cari ( nel senso economico),introvabili e che trombano un sacco ( con le clienti ). Magari i primi 2 difetti esistono il terzo, ve lo assicuro, no.

    X i mobili ikea mah ne ho uno solo in studio e non è che mi fido molto a caricare. ma è anche vero che per quel che costano un lato negativo devono averlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche dei bagnini dicono che trombano un sacco. Se semo capii :)

      Elimina
  13. MA SCRIVAR PI GRANDO, NO????
    ORCO CAN, HO PERS I OCI A LEDAR STE PAROETE CEE CUSSI'!!!
    MA SE POSSEO?

    E comunque qualche volta gnianca un diploma nol serve a un'ostia, se dopo me toca rangiarme a metter su anca un rubinet...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te me cavà le parola dala boca
      Eli

      Elimina
    2. Mica lo so perchè me li ricopia così piccoli, sto Blogger. Mah! Vedrò di usare con più attenzione l'anteprima.

      Elimina
    3. sarà mica svedese pure Blogger...
      ;P

      Elimina
  14. In passato ho montato diversi mobili dell'Ikea e mi piaceva pure! E mi son dovuta applicare anche qui con un Ctrl seguito da giro di rotella del mouse per evitare di lasciarci gli occhi su questo post! :)

    RispondiElimina
  15. Io amo l'ikea....non devo chiedere niente a nessuno e posso montarmi tutto da sola... Sono io l'uomo di casa qui eh!

    RispondiElimina
  16. mio marito è un genio innato del bricolage, lo abbiamo scoperto da poco, da quando abbiamo la casa nuova ha montato tutto il montabile: l'unica cosa per cui l'ho sentito decantare una litania di vaffa è la libreria bookworm della kartell che troneggia nel corridoio, ma per montarla ci vuole praticamente una laurea in ingegneria quindi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sopravvaluti la laurea in ingegneria. :)

      Elimina
  17. Il dr una delle prime volte che uscivamo mise in chiaro che lui a montar mobili, appendere quadri, riparare robe non era capace. e infatti. Se deve mettere su un quadro fa una scena tipo Zio Podger di Tre uomini in barca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto quel libro. Ora vado a recuperarmi la storia perchè non me la ricordo ;)

      Elimina
  18. Montata libreria billy di 7 mt lineari + angolo
    traslocato per avere a disposizione un capannone di 90 mq per fare tutti i lavori idraulicomuratoreelettricistafalegnamefabbrocontadino
    risparmiato cifre enormi spese tutte in attrezzature .....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai girare il tuo numero... avrai notato che qui è frequentato da gente che non sa fare una mazza (me compreso, s'intende) :)

      Elimina
  19. eheh... per fortuna ho un fratello che è l'opposto di me (artista negato per qualsiasi cosa pratica) che mi ha montato la billy (ma la verità è che avrei bisogno di lui anche per cambiare una lampadina... :D)

    quanto ai laureati, pur con tutto il rispetto per quelli bravi e "veri" (anzi, proprio per quello!) io, in questo squallido centodiecielodificio italiota, sono decisamente per l'abolizione del valore legale del pezzo di carta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io almeno non sono uscito con 110 ;)

      Elimina
  20. Bello questo!
    Il tuo anonimo fradeo!
    ciao

    RispondiElimina
  21. io ho sposato un elettricista, che però si arrangia anche con lavori di idraulica, poca roba di muratura ma se la cava, monta e smonta qualsiasi mobile, fa il check up completo all'auto da solo, alla moto, si intende di informatica...costruisce qualsiasi cosa... ed è il figlio segreto di McGyver... ovviamente anche lui accompagna il tutto con colorite parole... che donna fortunata sono eh?





    peccato però... che prima di fare una cosa da me richiesta, ci metta un secolo e mezzo. non si può avere tutto, dicono.

    RispondiElimina
  22. Non è che non so montare i mobili Ikea, è che lo trovo noioso, soprattutto leggere le istruzioni.Il problema è che siam troppo creative per restare nei binari prefilettati.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato anche io a dirlo a mia moglie. Ma dice che le mensole storte non servono a nulla :)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@