martedì 10 giugno 2014

It's another Laguna Sunrise


Corro in Laguna, alle cinque di mattina (con la nebbia nei polmoni, canterebbe Ivan Graziani).
Abbiamo accompagnato i bambini al mare, come ogni anno da tre a questa parte, dove faranno una settimana coi nonni ed una con noi.
Potendo, e volendo, ogni anno preferiamo non farci l'andata ed il ritorno in una sola giornata perché, statisticamente, la possibilità di farsi sei ore in macchina rasenta il 100%.
Quest'anno invece è andata bene e non abbiamo trovato traffico praticamente mai, riuscendo ad infilarci perfino un cinemino la domenica una volta rincasati.
Ma non volevo parlare di cinema e neppure di traffico.

Ho cambiato scarpe.
Curiosamente ho fatto caso che anche lo scorso anno ho cambiato calzatura nello stesso periodo. I casi sono due: probabilmente ho una compulsione all'acquisto non grave ma ciclica. O io, dopo la chiusura dei bilanci al lavoro, ho bisogno di comprarmi un paio di scarpe per completare il mio maggio.
Mah!?
Se non che, dicevo, avendo le gambe reiniziato a girare in modo decente dopo lo strapazzo della maratona ed essendo il resto del fisico abituato a distanze più lunghe dello scorso anno, mi sono spinto qualche chilometro in dentro per correre costeggiando la Laguna. È uno dei miei panorami preferiti, ancora sufficientemente selvaggio da inquietarmi ed affascinarmi. 
 
Le scarpe dicevo: ho mollato per un po' le scarpe con le dita, per motivi di look, più che altro.
Si, sono un po' volubile.
Però l'operazione non è indolore: cambia leggermente il modo di correre, se non sto attendo fanno male le ginocchia ed i polpacci.
Il piede si scalda, anche. Le scarpe sono ottime ma prima ero praticamente senza, non c'è paragone. E dopo un po' sento i piedi bollire ed un leggero crampetto sull'esterno del piede.
Così dopo una quindicina di chilometri mi sono infilato nella prima via che riportava verso il mare e ho fatto l'ultimo tratto scalzo con i piedi in mare.
Perché è così, non è facile muoversi in scarpe che non sono nostre. Dobbiamo trovare la nostra misura, la nostra dimensione.
Dobbiamo anche capire se ci possiamo abituare ai piccoli dolori che ci danno, se sono piccoli, se dovremmo conviverci o se passeranno. E se passeranno cosa lasceranno? Una vescica che si rimargina, un'unghia nera che rimarrà più a lungo o un'infiammazione che ti segnerà per il futuro?
Di certo c'è che va fatta una scelta, ad un certo punto: devi decidere quali sono le tue scarpe e non ci sono date infinite possibilità di provarne.
Al limite puoi correre scalzo, ma anche questa è una scelta e come tale porterà le sue conseguenze, le sue specifiche ferite.
Certo, ti potrà sembrare che nessuna sia la scelta ottimale ma neppure il piede in due scarpe si può tenere. A quel punto sarà il tuo piede stesso a volersi liberare di te.

18 commenti:

  1. I miei piedi piatti mi hanno insegnato che tutte le scarpe, ognuna a modo suo, fanno male e che quando il dolore finisce è il momento di cambiare scarpe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è incoraggiante. Ma neppure falso :(

      Elimina
    2. Però, a parte essere una storia vera con piedi piatti veri, come metafora non è detto che funzioni sempre.

      Elimina
    3. Per fortuna, aggiungerei

      Elimina
  2. Ciao, quindi boi vi sarete dal 16? Quest'anno la mia baby sitter (leggi nonna) ha problemi ad una spalla quindi nn può aiutarmi.molto e x andare a fare volontariato shiatsu al Cavallino mi tocca aspettare che arrivi il Comandante in licenza a luglio ... mi sa che nn ci si vede ... a meno che nn arrivi correndo fino a punta sabbioni e facciamo colazione là ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo fatto due conti, ma andare e tornare da Punta Sabbioni è oggettivamente troppo con il caldo che fa...

      Elimina
  3. Quelle scarpe con le dite le guardiamo sempre in una vetrina di una via piena di locali dove io e mio marito andiamo diciamo con regolarità, ogni volta lui dice: "chissà se sono comode_?" e io rispondo "Stratobabbo sai il blogger con la chitarra le usa!" ogni volta ogni volta ogni volta, come due smemorati, ma forse è solo un rituale simpatico. Putroppo di gente che tiene i piedi in 2 scarpe ne conosco, e sembrano andarne persino fieri!

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono le scarpe come metafora della vita. Non importa più di tanto però quali scarpe sceglierai. L'importante è che continui a correre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un grande in bocca al lupo, il migliore che potessi farmi.

      Elimina
  5. Mi piace molto questa metafora!

    RispondiElimina
  6. Io le scarpe da corsa le ho tolte da 2 settimane. Il piede destro ha deciso di scioperare e si é messo in "fascite plantare mode". Chissene, ora i piedi li faccio pedalare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corri lo stesso... Pain only Hurts

      Elimina
  7. Ma quando trovi le tue scarpe che figata correrci (vabbè, io cammino e basta, ché per correre mi manca il fiato)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero... le scarpe giuste sono la felicità.

      Elimina
  8. Non c'è fierezza nel tenere i piedi in 2 scarpe, credimi ...c'è solo tanto dolore che annienta il poter muoversi. E allora si cerca di "restare fermi" il più possibile, in una sorta di letargo emotivo, per non causare altro dolore se non a se stessi. Sabri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può tenersi il dolore tutto per sé. E il tuo star male farà star male gli altri. Non c'è alternativa alla scelta.

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@