mercoledì 4 giugno 2014

Io armi non ne ho


Mi spaventa molto essere l'ultimo a capire le cose.
Avete presente quella scena di “The Bourne identity” dove Jason e la sua sventurata compagna di viaggio entrano in una tavola calda e lui, che ancora non conosce la propria identità, trova che non sia normale aver già fatto il check up di tutte le auto in parcheggio e di tutti gli avventori dell'osteria?
Ecco, a me non capita mai.
Ma non mi capita neppure nelle relazioni.
Ci sono persone che penso di conoscere ed invece mi ritrovo, prima o dopo, qualcuno che mi guarda, sbuffa e mi dice: “Ma come, vuoi dirmi che tu non sai niente?”.
E giù coi particolari.
Ed io mi stupisco ogni volta di quanto io possa essere ancora così ingenuo...
Dico, ma come cavolo mi avete educato, mamma, papà?
A fidarmi della gente? A credere sempre nella genuinità dei sentimenti, delle realzioni? Delle parole?
Niente, sbagliato, pericoloso.
E dire che non sono una persona fragile: io nella tensione ci sguazzo, non ho paura dei toni alti, li ammorbidisco con la mia pingue ironia.
Ma forse sono come quei guerrieri, avete presente il colosso amico di Massimo ne “Il Gladiatore”? Sono talemente convinti della propria forza che non si proteggono, non usano astuzie tipiche di chi è più smilzo. Ed alla fine la frecciata arriva, il fendente che ti ferisce e ti fa cadere a terra.

Eppure non sento la voglia di cambiare. Certo, mi dico “la prossima volta starò attento” ma qualche capello grigio mi ha insegnato che io disattendo sempre queste promesse.
Io credo in un mondo senza bassezze, senza sotterfugi, con goffaggine ma senza reale cattiveria. Ci credo a costo di morirci negando l'evidenza.
Ma papi, alla fine i buoni vincono sempre?”
Si, Amore mio, alla fine i buoni vincono sempre”.

22 commenti:

  1. Ci credo anch'io! e sono certo che siamo più di due!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dai, almeno non morirò solo!

      Elimina
  2. Silver Silvan4 giugno 2014 12:58

    Non mi comporterò mai come le merde vorrebbero che fossi, per potermi considerare al loro stesso livello. Ne faccio una questione di principio. Le regole di un mondo di merda non le ho inventate io, perché dovrei adeguarmi? Oltre al danno, pure la beffa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resista signora! E siamo già in tre!

      Elimina
  3. Io son convinta che i buoni non vincono sempre la battaglia, ma vincono sempre la guerra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Importa poco se si muore in battaglia. Ma almeno saranno morti con il cuore puro.

      Elimina
  4. Ci credo anch'io, però anch'io come te continuo a fidarmi (anche se dico sempre che non lo faccio) e poi ecco che arriva la pugnalata. ma deve esserci qualcosa di buono rimasto in fondo in fondo, in un angolino dimenticato nel cuore delle persone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è di sicuro! Poi non so se riusciranno a tirarlo fuori. Resisti!

      Elimina
  5. Io forse sono più disilluso, ma è un piacere leggere chi non lo è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, non menarcela: se io sono il colosso che si becca la freccia, tu sei Massimo Decimo Meridio! ;)

      Elimina
  6. anch'io continuo per la mia strada, che è la stessa tua, ci ritroveremo in qualche punto di ristoro, un po' stanchi, con qualche fregatura di troppo, ma sempre da quella parte. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sempre. Tienimi in calda un panino! ;)

      Elimina
  7. Anch'io sono una credulona...purtroppo o per fortuna? Devo ancora capirlo bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta saperne apprezzare al momento giusto entrambe le sfumature ;)

      Elimina
  8. Deve proprio essere una cosa derivante dall'educazione che ci è stata impartita. Mi sembra comunque una qualità. Sei fai il computo totale noi rodiamo meno.

    RispondiElimina
  9. Purtroppo la mia mente funziona più come quella di Jason Bourne e spesso mi dispiace perché so cosa succederà con eccessivo anticipo e mi perdo il piacere del momento. Non credo sia cinismo, solo che ho un acuto sesto senso che non riesco a far tacere ... per fortuna continuano a piacermi le storie in cui i buoni vincono, perché assolutamente i buoni vincono sempre, malconci ma eroici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo lavorare in coppia, allora.

      Elimina
  10. sono sulla strada della disillusione, ma non smetto di sperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pure io mi definisco disilluso, solo che poi mi ricapita di cascarci: è come con la dieta, posso diventare magro, ma non smetterò mai di avere la tendenza ad ingrassare. ;)

      Elimina
  11. siamo tanti ad essere così... quindi abbia fiducia e rimani come sei

    RispondiElimina
  12. Oops ho scritto abbia... :-)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@