mercoledì 18 gennaio 2012

Fahrenheit 102,2


Mi sono sempre piaciuti i film catastrofici. Quelli belli, anni 70. Avete presente? L'avventura del Poseidon, Airport (vari), Inferno di Cristallo (ahhh, voglio una vita come Steve McQueen).
In tempi recenti sono tornati un po' di moda: Deep Impact, The day after tomorrow, che tra l'altro riprende il titolo di uno dei film che mi ha fatto passare più notti insonni da bambino “The day after”. Lo conoscete? Conoscetelo, per cortesia. E fate finta di essere un bimbo di 10 anni nei primi anni 80, quando la Russia era ancora Unione Sovietica, c'erano i boicottaggi olimpici, la corsa agli armamenti, gli euromissili e lo scudo spaziale. Poi mi saprete dire. Anche se credo che visto ora abbia tutt'altro sapore (per fortuna).
Va ben, ma non volevo parlare dell'Unione Sovietica, che già ci sono un sacco di persone che pensano che io sia comunista.
E, a dire il vero, non volevo nemmeno parlare dei film catastrofici, in senso stretto.
E allora che cazzo vuoi? Direte.
No, è che da domenica vivo in una situazione degna di un buon copione fantacatastrofico anni 70-80.
Ha iniziato Mari-chan ancora venerdì: febbre (non alta ma febbre). Domenica Silver (39,8°). Ok, no problem: Pee va al nido, Mari e Moe dai nonni e Silver se ripija a casa. Lunedì Pee (39,5°) ma pure nonna c'ha 39°. 
In ginocchio sul divano abbiamo recitato tutti e cinque i misteri dolorosi del rosario, litanie dei santi e della madonna compresi e abbiamo chiamato Tata Francesca, la superbabysitter. “Non avendo in programma di venire, ho lasciato la macchina a mia figlia”. Giaculatorie, rogazioni, lodi e vespri.
Il nonno va a prendere la babysitter, e la porta tra noi. Io disdico tutti i miei impegni e resto al capezzale del resto della famiglia.
Ma non è finita. Martedì mattina, pensando che Mari-chan fosse nidabile dopo il lunedì sfebbrato, la sveglio per caricarla in macchina. 39° (recitato passi del deuteronomio)
Nel pomeriggio il bollettino si aggrava: nonno 38,5°, cognato 38,5°, nipote 38,5°.
Badare bene: si sono malati tutti sul versante “materno” della famiglia. I miei stanno da dio. Io sto da dio (nei limiti di come si possa stare da dio con 4 stufette smoccolanti per casa).
Così ho elaborato una teoria. A casa nostra è sempre stato freddo. Mia madre ha sempre considerato i termostati dei marchingegni infingardi che non te la raccontano giusta. Secondo lei se segnano spento, comunque quel led rosso un po' riscalda. Così lo scollega direttamente. E poi lo lascia così. Il cane ed il gatto ci mettono il carico da 11. Sanno aprirsi le porte e finestre ma mica le richiudono. Da ragazzo studiavo a 15°. Uscivo a passeggiare per scaldarmi.
In sostanza siamo temprati.
Ah, poi pulivamo poco. Mica perchè siamo zozzi, ma perchè non ci sono casalinghe. Lo standard si è adeguato per necessità. La frase strategica è “Daghe on spasson al pi grosso” con le varianti “on graton”, “na passada” e “on russon”. 
La scena madre è stata quella volta che Silver, finiti gli esami all'università, per festeggiare mia fa: "ti pulisco il bagno". Trovata una spazzola dice: "Questa spazzola è piena di capelli, che schifo... per curiosità, chi ha i capelli lunghi?" 
"Nonna"
"Ma non è morta, scusa?"
"Si, nell'88. Me lo ricordo perchè ero in terza media"

Abbiamo gli anticorpi che girano armati fino ai denti.
Silver dice che è una cazzata. Ma lei è un po' ordinata compulsiva, non fa testo. Qui si fa scienza empirica, mica pizza e fichi.

33 commenti:

  1. Anche io e Julez fino a un paio d'anni fa vivevamo in una casa tra i 15 e i 19 gradi, se andava bene.
    Eppure ci capita di ammalarci lo stesso. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma non affossarmi subito la teoria... e poi, scusa, vale solo per le famiglie di origine (se hai un cane ed un gatto). ;)

      Elimina
  2. Ecco perchè i miei non si ammalano mai...perchè appena sveglia apro le finestre per cambiare aria!!!Ecco...l'ho detta, me la sono tirata....

    RispondiElimina
  3. Brrrrrrrrrrr... io ho sempre freddo e la mia salute è un compendio di sfighe che non basterebbero i volumi della Treccani...
    Mi piace che siate così religiosi :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PorcoD se siamo religiosi

      Elimina
    2. Ale, anche tu dovresti fare come el gae! vedi che passerebbe tutto! ;-)

      Elimina
  4. Secondo me, il tuo è puro "culo"! Perdonami il gergo da scaricatore (che ben si addice a chi lavora al freddo e al gelo!). Solidarietà a Silver, ordinata-compulsiva e ammalata pure!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora se non vale la teoria mi consolo con il corollario: la sett. prossima mi ammalerò io. E guariranno gli altri. Finalmente un po' di pace

      Elimina
  5. a casa mia in questo momento ci sono 15.2 °C...per fortuna mi ammalo quasi mai...
    un augurio di buona guarigione a tutta la famiglia!
    complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  6. ho le lacrime per le risate... credo che mio padre abbia qualche tipo di parentela con i tuoi! Casa mia è il clima ideale di pinguini e orsi polari... lo slogan è "troppo caldo fa male! poi appena uscite vi ammalate!" così invece se sopravivviamo siamo immuni a tutto! :)

    RispondiElimina
  7. Mannaggia a te, sto addormentando la Purulla e non posso ridere forte! :)
    Sono freddolosa, mio marito invece vivrebbe bene a casa dei tuoi, abbiamo trovato un compromesso. Ma la stanza della Purulla è la più fredda della casa, e si pulisce una volta a settimana. Non si è ancora ammalata seriamente (tocco ferro e ovaie), quindi mi sa che la teoria è valida anche in casa nostra!

    RispondiElimina
  8. Film che non amo particolarmente, ma che fanno pensare: ai miei tempi The day after lo proiettavano per le scuole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a te non aveva inquietato? Sarà che ero proprio piccolino, però, che angoscia...

      Elimina
  9. adesso nessuno penserà che sei comunista, dopo tutte le preghiere che hai recitato ti daranno del kattolico fondamentalista!!!

    RispondiElimina
  10. Fortunatamente ne uno ne l'altro

    RispondiElimina
  11. Eccomi qui, supersporco giubbetto-sempre-aperto-che non-si-ammalamai all'appello!
    Si si, diglielo a Silver che pure io sostengo la teoria "quelli che vivono sotto la campana di vetro appena escono si ammalano a contatto con un microbo".
    Io le mani prima di mangiare non me le lavo da 10 anni. Solo per cucinare, soprattutto prima e dopo aver tagliato il pollo crudo... lo sapete vero che se non lo fate vi viene il cagotto, la salmonella e i vari virus intestinali?
    Corro e vado in bici sotto la pioggia, mai ombrello, come gli olandesi. Qui in Australia sono ancora più avanti, non usano le scarpe né i calzini. Non sono ancora così avanti, per ora lo faccio solo in casa ed in ufficio.
    In inverno però mi vesto, son magretto e devo mettere un maglione in più. Ma la febbre l'ho avuto tipo 12 anni fa l'ultima volta.
    Si si, diglielo a Silver. :D:D:D

    RispondiElimina
  12. ...e allora, smetto di pulire e spengo i termosifoni!!! Io e il barbuto, ormai, siamo spacciati, ma che almeno le rospette si salvino!!! ;-)

    RispondiElimina
  13. Oddìo, ma è peggio dell'infezione collettiva in "Io sono leggenda"... !!! :D

    Anche casa mia è freddina perché grandicella, diciamo... Ma sto tutto acciaccato (senza febbre; cosa odiosissima!) da diversi giorni. :S

    P.S. Comunista! :PPP

    RispondiElimina
  14. Vedo che siamo circa pari insomma... solo che qui abbiamo anche il dr ammalato, e ho detto tutto.

    RispondiElimina
  15. http://velmaandco.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger.html

    RispondiElimina
  16. Ciao ti leggo per la primissimissima volta! Nella tragicità intrinseca del racconto sono rotolata dalle risate! Mica cotica! Ciao -Nora*-

    RispondiElimina
  17. Qui, stanotte ore 1:07 è scattata l'influenza intestinale di Chiara con svomitazzo di risotto al radicchio rosso di treviso su orsetto di stoffa rosa... l'abbinamento cromatrico non era dei migliori. Dopo alcune repliche con suoni degni di belfagor, alle 7 del mattino è passata alle scariche... ora ha 38:3 di febbre! Si accettano scommesse su chi sarà la prossima vittima!

    Tanto per consolarci... Se passi da me, c’è un premio per te!

    http://un-conventionalmom.blogspot.com/2012/01/con-questo-post-vorrei-ringraziare.html

    RispondiElimina
  18. Sei capitolato anche tu? O vi siete tutti imboscati in un ritiro spirituale? :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non, per ora no. Anzi, oggi primo giorno d'aria per tutti.

      Elimina
  19. oh mamma mia, meno male che hai dato cenni, che qui si temeva gia' il peggio...
    Arrivo solo ora a dirti che la canzone/dedica sulla spiaggia di Nina mi ha stesa, sono ancora qui che cerco di domare l'ormone, grazie di cuore, e' una canzone meravigliosa, e mi veniva sempre in mente quando vedevo le ossicina di Gaia in ecografia, sai il verso delle preghiere e delle vertebre <3

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@