venerdì 9 dicembre 2011

Passaggi di tempo


"Sono state giornate furibonde, senza atti d'amore, senza calma di vento. Solo passaggi e passaggi, passaggi di tempo".

Questa frase mi viene in mente ogni volta che il momento è malinconico, sospeso tra i sentimenti, in attesa. Chissà perchè? 
È cominciato nel 2003, sull'altopiano della Meseta, in Castilla Y Leon, nel bel mezzo del Camino de Santiago. Ero in bici, a dir la verità, ed ero in un momento un po' così. Ero lì, ad una certa distanza dai compagni di viaggio, in mezzo a tutto quel grano giallo con nulla all'orizzonte, sia visivo che personale. Solo cielo, campi e un po' di terra tra i raggi a complicare le cose. 
E ad un certo punto, dagli spifferi del mio filtro razionale, si insinua Anime Salve, in quella frase lì, dove la voce di De Andrè si scambia con quella di Fossati... Il resto del pezzo non me lo ricordo. Ripeto all'infinito quella frase, a mente, e poi le cornamuse che suonano all'impazzata. Che poi le trovi in Galizia, qualche chilometro più in su, le cornamuse degli artisti di strada che ti accolgono nelle piazze.
Ed è tornata ancora oggi. Saranno i nuvoloni, che sono lì a minacciare il cantiere della casa che finalmente è ripartito. Sarà il week end di fuoco che ci attende, sarà il Natale alle porte che mai come quest'anno ha avuto bisogno di valori veri. 
Sarà la paura per il futuro. Quello dei bimbi soprattutto: che stiano bene, che non si perdano, che possano essere fieri di ciò che saranno, felici delle scelte dei genitori, magnanimi, magari, per quelle meno fortunate. Io, al momento, di sperare nel futuro non ho proprio l'esigenza. Sto proprio a posto così. 



"mi sono guardato piangere in uno specchio di neve, mi sono visto che ridevo, mi sono visto di spalle che partivo....."

15 commenti:

  1. ...secondo me è il cantiere! ne siamo usciti da un pò, è stato semplicemente devastante... ma posso dirti che... finirà!!!!

    RispondiElimina
  2. Speriamo tutti in bene, per loro.

    RispondiElimina
  3. I passaggi fanno parte della vita.
    E vivere il presente aiuta a pensare che noi siamo qui, più che nel futuro.

    RispondiElimina
  4. Coraggio: i cantieri passano. Ci mettono un po', ma passano. E poi sarà solo casa vostra.
    Per i bimbi noi ci mettiamo l'anima, loro ci metteranno la loro vita, vista a modo loro.

    Un abbraccio, e grazie epr de andrè =).

    Susibita

    RispondiElimina
  5. Ci penso anch'io, e so che andrà tutto bene.
    D'altronde sono la Pimpa, non posso che essere ottimista.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per l'incoraggiamento. Vi ricambio di cuore gli auguri.

    RispondiElimina
  7. Io dico che sono i nuvoloni...su su su!
    Ma è zona altamente sismica la tua? Perchè pareti prefabbricate?

    RispondiElimina
  8. io adoro DeAndrè...
    e tu...su su dai...

    RispondiElimina
  9. Strato non lasciarti abbattere! :)

    RispondiElimina
  10. Normale, tutto normale, i nuvoloni, il caos...poi passa...:)

    RispondiElimina
  11. @ tutti: non sono abbattuto ma grazie per la vicinanza. (o forse non voglio riconoscere un problema? ;)

    @ Velma: prefabbricata in legno perchè ha ridotto impatto ambientale, risparmio energetico, senso di calore, velocità di costruzione...

    RispondiElimina
  12. però proprio oggi non ti dovevo leggere!

    p.s. fossi in te starei tranquillo x i bambini ;-)

    RispondiElimina
  13. Velocità di costruzione....ahahah....no no...i love cls!

    RispondiElimina
  14. Qualcuno sul mio blog, soprattutto riguardo il mio ultimo post, ha detto che "sprigiono calore", di averlo riscaldato un pochino. :)
    Dài, che siamo ancora in tempo per un po' di calore anche per te, o feddro nordico. :P

    F.to Vince il calorifero. ;)

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@