mercoledì 1 agosto 2012

Papàlimpiadi


Siamo sul pezzo. Ci siamo gustati la cerimonia di apertura (pluralia maiestatis, visto che Silver e Marichan, che volevamo iniziare alle meraviglie dello sport, si sono addormentate praticamente subito) delle Olimpiadi di Londra. Tutto questo sport mi ha sempre esaltato, eccezionale. Inutile dire che, da ragazzo, ogni giornata olimpica veniva chiusa in giardino a tirare di scherma con le assicelle di legno, a correre in strada i 100 piani, a rotolarsi per terra con la lotta greco-romana.

E ora?
Ora l'esaltazione è la stessa ma gli sport sono per forza di cosa da personalizzare.
Di seguito un elenco di discipline olimpiche tipiche dei genitori. Se siete d'accordo le invio al CIO (che per l'occasione sarà ribattezzato Ciò, alla veneta).


SOLLEVAMENTO PESI
Un genitore ha la braccia toniche. Non c'è dubbio. La preparazione è meticolosa: si inizia quando sono piccoli piccoli, sui 3 kg. Poi, via, si aggiunge un chilo al mese per qualche tempo, poi il trend si riduce ma, se siete fortunati, potreste trovarvi nel giro di due anni a fare parecchie alzate al giorno di pesi di 10-12 chilogrammi alla volta. Vince chi si disintegra le braccia per ultimo.

GINNASTICA ARTISTICA
Prendiamo un esercizio base: il cambio di pannolino. Quante contorsioni ed acrobazie richiede un'operazione apparentemente così semplice? C'è forza (i sollevamenti di cui sopra) e coordinazione. Togli il panno, tieni le gambette aperte, no amore non mettere le dita nella merda, alzalo, lavalo, cristo ho scordato l'asciugamano, girati prendilo, occhio a non gocciolare in giro... eccetera.
Vince il più veloce. Occhio però, è ad alto tasso di infortuni.

TIRO AL BERSAGLIO
Solo per i più coraggiosi: il lancio del pannolo ripieno a centrare il cesto del Merdamix*

SCATTO – VELOCITÀ – CON O SENZA OSTACOLI
I bimbi hanno una caratterstica: lì, dove si annida lo sporco più sordido, lì dove il porfido non drena la pioggia, lì dove c'è una scala sensa protezione, loro ci andranno. Ci andranno, matematico. Anche se lo sai, non riuscirai a prevenirlo. A quel punto devi produrti in uno scatto che manco il Ben Johnson bombato dei tempi d'oro. Certo, non devi correre per 100 mt, in compenso devi riuscire a frenare prima di sfracellarti e anche ad afferrare il pupo al momento giusto. Secondo me Bolt non ce la fa.

CICLISMO
Sono previste due specialità: “Equilibrismo endurance” e “Carrettino radical chic”.
La prima delle due si fa con i seggiolini classici. Se hai solo un figlio lo metti dietro e devi solo stare attento a non fare le penne come i tamarri con il Ciao negli anni '80. Se ne hai due la faccenda si complica. Fare strada con le gambe larghe non è comodissimo anche se le vostre pudenda saranno sempre ben ossigenate. Ma il livello estremo di difficoltà è quando i pargoli si addormentano. Allora andare in bicicletta diventa davvero disciplina olimpica. Uno che ti pisola sul braccio e l'altro che ti immobilizza la schiena.
La seconda specialità è girare con il carrettino. Le difficoltà principali sono due: riuscire ad entrare ed uscire da quelle stramaledette transenne delle piste ciclabili e resistere dallo sfanculeggiare tutti quelli che ti dicono che secondo loro quel trasportino non è affatto sicuro.


Ma adesso ditemi voi... che altre specialità proponiamo al buon vecchio Jacques Rogge?

36 commenti:

  1. E tu in quale eccelli?
    Ahhahaha, sto ancora ridendo per il cesto del Merdamix ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh! Diciamo che nel tiro al Merdamix devo migliorare ;)

      Elimina
  2. La tua fantasia è sempre fonte di bellissime sorprese! Venire qui e leggere i tuoi post è una pausa impagabile :-)
    Per il resto, come sai, io sono ancora ferma alla disciplina dell'inseguimento gatti...

    RispondiElimina
  3. Ummm... corsa dei passeggini, 100 mt piani e con ostacoli (gradini, scivoli ostruiti da Smart, merde di cane, pali, transenne, scavi)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, come ho fatto a non pensarci... Direi che è da inserire doverosamente.

      Elimina
  4. A volte mi sembra di essere una specie di PentaAtleta (il pentathlon c'è ancora?) che deve contemporaneamente dare da bere a Bea assetata, togliere la caccola dal naso di Pippo perchè "mi dà fastidio", rispondere alla chiamata della moglie (cellulare tenuto rigorosamente tra spalla e orecchio) che dice che arriva tardi, seguire le pentole sul fuoco (non riuscirò maiiii a cucinare tre cose insieme... una mi viene sempre di m...a) e apparecchiare.... Posso iscrivermi?
    Rispetto alle tue discipline sul cambio del pannolino credo di aver raggiunto livelli da olimpiade... sono pronto per le selezioni. Le facciamo da te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preparazione della cena potrebbe essere assimilata al Pentathlon. Ma che dico? Al Decathlon ;)

      Elimina
  5. Io sono medaglia d'oro in allattamento acrobatico. In piedi con Purulla in braccio e mentre mi lavo i denti. Seduta sul divano con Purulla che si arrampica sul bracciolo.
    Forse rientra anche quello nella ginnastica artistica. Grazie per le risate! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allattamento acrobatico. Segno! :)

      Elimina
  6. io pratico il mammathlon...un'insieme di discipline che dovrebbero farmi avere un fisico da urlo.... invece qualcosa non funziona;-)

    RispondiElimina
  7. Niente male queste olimpiadi: ho apprezzato tantissimo il tiro al bersaglio nel merdamix! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che le cose più splatter avrebbero trovato il tuo consenso ;)

      Elimina
  8. "carrettino radical chic" me lo segno perchè non ha eguali :D
    comunque io più che atleta mi sento come un giocoliere, giusto una settimana fa sono riuscita a portare a casa dal supermercato due buste di spesa con Caterina in braccio, il bello è che avevo anche il passeggino.... Sai che non ricordo se l'ho trainato con i denti... 0_0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non importa ricordare. È già qualcosa non esserselo scordato là :)

      Elimina
  9. sai che non so in quale specialità appartenga il fare fare le scale , 42 gradini mica tre, con il ragazzetto in braccio, e nell'altro appenderci 2 buste della spesa, Mollarlo davanti al portoncino aperto, intimargli di stare fermo ,scendere le scale di corsissima ricordargli di stare fermo! ogni due gradini, consolarlo perchè ti sta chiamando, prendi il passeggino chiuderlo con una mano, farsi male, dire due parole dolci a caso solo per alleviare un minimo il fastidio, prendere l'altra spesa e rifare i gradini, 42, più veloce che puoi, intrattenendo nel frattempo, anche il pargolo, arriavre a casa con la lingua secca e sotto i piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrai il culo di pietra, c'è sempre un aspetto positivo :)

      Elimina
  10. Mi candido per il team di "carrettino radical chic" senza sfanculeggiamento (che è poi la parte più difficile) ho retto due anni... poi le pupe son cresciute ed ho deciso che una delle due avrebbe dovuto arrangiarsi sulla sue 2ruote!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che tre anni è già troppo per ficcarli dentro al carrettino? Perchè sennò mi sa che i giri in bici me li devo scordare, l'anno prossimo :)

      Elimina
    2. Dipende dalle tue gambe! Io non ce la facevo più, però non ho iniziato da 0 anni. La prima estate anna 9 mesi e chiara 3 anni le ho scarrozzate col modello 2 seggiolini, poi un'attacco di sciatica per pedalata a gambe larghe mi ha fatto desistere a fine settembre e son passata al carrettino. Ho resistito fino all'estate 2009 poi nel 2010 chiara aveva 5 anni e l'ho messa a pedalare ;)

      Elimina
  11. Ahahahah oddio c'ho rivisto un sacco di neo-genitori che conosco. Che poi, per la ginnastica artistica, c'è pure da stare attenti al pericoloso ostacolo olfattivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, alle volte è una lotta contro il tempo... prima di svenire ;)

      Elimina
  12. In tema di papàlimpiadi passa da me a prenderti il premio. Ciaociao

    RispondiElimina
  13. Io sono specializzato nell'orienteering notturno in casa per arrivare nella camera del pupo. Non è una disciplina facile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah no, anzi... c'ho lasciato gli stinchi varie volte ;)

      Elimina
  14. Io ti amo El_Gae. E poco me ne frega se Silver mi corca di botte :-D

    RispondiElimina
  15. l'incastro del passeggino negli ascensori vecchio modello con le porticine da aprire tipo saloon e poi un'altra porta.
    Guarda che riuscirci bene è una finezza.
    Io ho l'ascensore modernissimo rifatto, mio marito nel consiglio di condominio ha peroraro la causa illudendosi di sfruttarlo con pluri gravidanze mie. : (

    RispondiElimina
  16. Oiacere di conoscerti sono mamma di due gemelle e mi ha attirato il tuo blog perchè ho un marito che adora suonare con la chitarra, comporre canzono alcune le puoi sentire nel mio blog altrimenti ne ha uno tutto suo lemiecanzoniborza.blogspot.it, se ti va di venirci a trovarci ti aspettiamo

    RispondiElimina
  17. Il carrettino è meraviglioso. Io ci porto i miei gemelli all'asilo e poi proseguo fino al lavoro. Penso che quando saranno grandi lo terrò per fare la spesa. Certo paletti e transenne sono una maledizione, mi tocca pianificare i percorsi e a volte passare sotto le transenne. La cosa più curiosa è che qui nel quartiere all'inizio erano diffidenti, poi incuriositi, ora sono tutti entusiasti del carrettino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo. Alla prima occasione facciamo una sfidona :)

      Elimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@