domenica 21 agosto 2011

L'ultima di Vasco

disclaimer: questo non è un post sulla paternità :D 

Non sono mai stato un fan di Vasco ma non sono stato mai nemmeno un suo detrattore.

Mi spiego meglio: credo che sia un pessimo cantante, tecnicamente parlando e che le canzoni, che solitamente non si reggono su giri particolarmente originali, siano però arrangiate e suonate alla grande dal supergruppo che si ritrova alle spalle e dagli altrettanto ottimi musicisti che lavorano dietro alle quinte.
Sarebbe ancora troppo facile, perchè credo che il Vascone nazionale abbia anche altre doti di comunicazione fuori dal comune perchè altrimenti non si spiegherebbe come mai Gaetano Curreri, ottimo musicista e compositore, non riesca nemmeno lontanamente ad avvicinare con gli Stadio il successo dell'amico per il quale scrive molte musiche e cura gli arrangiamenti.
La settimana scorsa però ho (ri)scoperto "Eh Gia" che avevo sentito solo di sfuggita quand'era uscita e che sapete, mi piace proprio tanto.
Dirò di più, in alcuni passaggi mi ha commosso, anche dopo più ascolti. Sarà che ormai c'ho un'età da bilanci anche io, o non so cosa, però è così (questo periodo un po' sconclusionato deve essere uno dei primi effetti dell'ascolto prolungato)
Così capitava che girassi per casa ad urlare "Io sono ancora qua", con Mari-chan che dall'altra stanza alzava gli occhi dai bambolotti per rispondere "Eh, cià!"

La cosa che però non ho mai sopportato nell'universo vaschiano è la dedizione talebana di molti fans che, pare, non riescano ad ascoltare altro, che è bravo solo lui ed il resto è merda, che fischiano tutti quelli che suonano prima o dopo: al Primo Maggio di qualche anno fa (con Silver in travaglio, s'aspettava Mari) ho sentito con queste orecchie fischiare Robben Ford (divino chitarrista blues) che aveva il solo torto di essere salito sul palco dopo il signor Rossi.
Vorrei fare un appello: rilassatevi. 
Anni fa, quando con gli amici del paese avevamo messo su la nostra prima band ed andavamo in giro a vessare le sagre paesane con il nostro rock, non mancava una volta che arrivasse il giovinotto ubriaco a dirci:"Oh, grandi, mi fate l'ultima di Vasco?"

19 commenti:

  1. Un personaggio curioso, Vasco.
    Capace di smuovere una devozione religiosa così come l'odio più radicato.
    Di certo, è stato parte integrante della Storia della musica nostrana.
    E i suoi primi lavori - tecnica oppure no - sono stati davvero notevoli.

    RispondiElimina
  2. JF non c'è dubbio. E secondo me, chi divide le folle merita sempre e comunque attenzione. Io sono semplicemente allergico ai fanatismi, ne farei volentieri a meno. Ah, per inciso, non sono un cultore della tecnica, assolutamente. Dal vivo però (e ultimamente anche in studio) il Blasco forse abusa un po' di eeeeehhh! Va bene il marchio di fabbrica, ma il troppo è troppo.

    RispondiElimina
  3. eeeeeeeeeeeehhh!
    In generale Vasco non mi piace, ma devo ammettere che alcuni testi non sono affatto brutti, anzi!
    Però mi sembra che molti lo seguano più per il personaggio che per le canzoni, credo che potrebbe anche fare una canzone piena solo di "eeeeeeeeeeeehhh!", senza neanche sforzarsi di metterci un "già" finale, e venderebbe lo stesso... e questo mi pare un po' inquietante.

    RispondiElimina
  4. Ecco lì, Bert, che hai colto in pieno lo spirito del post

    RispondiElimina
  5. Nelle mie playlist non c'è nemmeno un pezzo di Vasco, eppure ci sono canzoni che ascolto volentieri alla radio. Il suo modo di essere personaggio mi ha sempre lasciato perplessa. Certo mi dispiace umanamente per quello che gli sta capitando, ma per quello che ha fatto a se stesso è già tanto aver superato i 60!

    RispondiElimina
  6. Lamilo: in fondo hai ragione anche tu.

    RispondiElimina
  7. Non è che per Vasco abbia mai perso la testa, però hai ragione, alcune sono belle. Poi ci sono cose come l'assolo di Landau ne Gli angeli che lasciano a bocca aperta... E' che ultimamente secondo me è in preda al delirio senile... Mah.
    Ah, se ti va di fare un salto da me, oggi ho postato un arrangiamento di "Estate" di Bruno Martino fatto da Filippo: passi a dirmi la tua? Mi farebbe piacere!
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Ciao Adriana. Ho visto il tuo post, appena posso accendere le casse me la ascolto. A dopo, ciao ciao

    RispondiElimina
  9. grande vasco, però non prendo per oro colato ciò che dice, grande paroliere grande musicista però quando lo sento nelle interviste mi viene più di un dubbio sulla sua capacità poetica. roberta. vicentina come te

    RispondiElimina
  10. Ricambio con piacere la tua prima visita, e anzi ora corro ad aggiungerti al blog roll, perché lo meriti... :D
    Dimenticavo: su Vasco la penso esattamente come te!
    Ciao!

    RispondiElimina
  11. @ zio: yeah! Benvenuto e grazie

    RispondiElimina
  12. Io tendenzialmente lo schifo, però devo dire che alcune canzoni le sappiamo tutti, ma tutti tutti... e sanno di adolescenza e in questo senso mi piacciono. Ciclotimica, eh?

    RispondiElimina
  13. @ pellons: tu sola dentro una stanza e tutto il mondo....EEEEEHHHHHH!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Il fatto che io abbia una visione da da delirio religioso ma neanche provi odio verso Vasco fa di me una persona squilibrata?
    a me vasco piace, mi piacciono i suoi testi: li trovo perfettamente rappresentativi di questa epoca (vedi Stupido Hotel, o liberi liberi); certo il personaggio é bohemienne, non é certo un modello di vita.
    Non lo amo, ma sono contenta che ci sia.

    RispondiElimina
  15. @ Corie: assolutamente non sei pazza ed io condivido le cose che dici sui testi (e anche le musiche, aggiungo) di Vasco. La cosa che a me personalmente ogni tanto sconcerta è ciò che gli gravita attorno, soprattutto i fans fanatici che schifano il resto al limite della maleducazione. Per il resto, ribadisco, non compro i suoi dischi ma se lo intercetto in radio o tv non cambio canale. E quando posso imparo anche a suonare i suoi pezzi.

    @ StarGirl: benvenuta e grazie

    RispondiElimina
  16. Concordo su tutto e super quoto Bert. "Ehhhh".... :)

    RispondiElimina
  17. Mi piace Vasco, ma tanto, da sempre, è, come dico spesso, uno di famiglia, nel senso che lo ascolto, mi emoziona, il suono delle sue canzoni mi porta indietro, mi regala ricordi di anni passati. Ai concerti impazzivo, ma x il fatto di poter ascoltare canzoni che "fanno parte di me" e tanta buona musica. Però peró, odio chi vive di idoli, chi nn è obiettivo x questo, i fan tipo ultras, no, questo no.
    Grande Gae, blog eccezionale, parli di musica e di bimbi, le mie passioni. Complimenti davvero.

    RispondiElimina
  18. @ Fab: grazie mille e benvenuto/a

    RispondiElimina

Scrivi quello che vuoi, in questo blog non si censura un ca##@